06 gennaio 2021 22:44

Il congresso degli Stati Uniti, a Washington, è stato attaccato da numerosi assalitori armati, un tentativo di colpo di stato sollecitato dal presidente degli Stati Uniti. Dirlo può sembra melodrammatico, assurdo o esagerato, ma non esiste un modo più semplice per descrivere ciò che sta succedendo.

Decine di migliaia di sostenitori di Donald Trump si sono riuniti a Washington dove il presidente uscente li ha incoraggiati a partecipare a una manifestazione durante la seduta del congresso in cui veniva ratificata la vittoria di Joe Biden. Dopo un discorso di Trump, i manifestanti hanno sopraffatto le forze di sicurezza del campidoglio, che sembravano impreparate all’assalto. Hanno abbattuto barricate, superato cordoni di ufficiali e rotto finestre. Alcuni portavano bandiere confederate mentre si avvicinavano al cuore del governo degli Stati Uniti più di quanto non abbiano mai fatto le stesse truppe confederate.

La seduta è stata interrotta. Le aule del senato e della camera sono state chiuse, il vicepresidente Mike Pence è stato portato via e i manifestanti hanno cominciato a spargersi nelle sale del congresso. Sarebbero stati lanciati gas lacrimogeni all’interno della rotonda del campidoglio e ai parlamentari è stato detto di indossare maschere antigas.

Il vero colpevole
Questo tentato golpe è colpa di Trump. “Ecco quello che il presidente ha causato oggi, un’insurrezione”, ha detto Mitt Romney a un giornalista. Non funzionerà: la polizia forse è stata presa alla sprovvista, ma riporterà la calma. Quelli che sono coinvolti nell’attacco possono e devono essere ritenuti responsabili, ma il presidente è il vero colpevole. Da due mesi insiste con i suoi sostenitori sul fatto che le elezioni sono state rubate con una frode antidemocratica. Ma non è vero: l’affermazione è stata definitivamente smentita e respinta da decine di tribunali.

I partecipanti al colpo di stato dovrebbero ormai saperlo meglio di altri, ma il presidente degli Stati Uniti gli ha mentito. Se ciò che Trump dice fosse vero, i parlamentari avrebbero il dovere di fare tutto il possibile per salvare le elezioni, e i sostenitori del presidente avrebbero il dovere di difendere il governo legittimo. Ma Trump ha mentito ripetutamente e sfacciatamente, in pratica ordinando ai suoi sostenitori di organizzare una rivolta, e loro hanno fatto come aveva chiesto.

Mentre il caos si diffondeva, Donald Trump Jr., figlio del presidente, ha twittato: “Questo è sbagliato e non è quello che siamo”. Ma i sostenitori di Trump sono questi. Per quattro anni il presidente e la sua cerchia hanno organizzato un attacco allo stato di diritto, e questa è la logica conclusione sia di quell’atteggiamento sia delle parole del presidente. Anche se il figlio cercava di calmare gli animi, il presidente ha continuato a scaldarli. Trump si è infuriato contro Pence, che aveva detto di non avere il potere di ribaltare il voto e ha twittato: “Mike Pence non ha avuto il coraggio di fare ciò che avrebbe dovuto essere fatto per proteggere il nostro paese e la nostra costituzione, dando agli stati la possibilità di ratificare dei fatti corretti, non quelli fraudolenti o sbagliati che erano stati invitati a ratificare. Gli Stati Uniti chiedono la verità!”.

pubblicità

In un altro tweet ha aggiunto: “Per favore, sostenete la polizia del campidoglio e le forze dell’ordine. Sono davvero dalla parte del nostro paese. Restate tranquilli!”. Tuttavia, non ha invitato i manifestanti ad andarsene, se non dopo molto dopo che l’attacco era cominciato. Trump stesso non è presente. Oggi aveva detto che avrebbe marciato verso il campidoglio con i suoi sostenitori, ma invece si è ritirato alla Casa Bianca, preferendo non sporcarsi le mani.

Per quattro anni, chi criticava Trump è stato accusato di isteria ed esagerazione per aver descritto il suo movimento come fascista, autoritario o illegale. Oggi, mentre il congresso tentava di ufficializzare l’elezione di un nuovo presidente, Trump ha indirettamente dato ragione a chi lo criticava. E con questo tentativo di colpo di stato, il presidente uscente ha anche dato ragione agli americani che a novembre hanno votato in modo deciso per rimuoverlo dall’incarico.

Questo articolo è stato pubblicato dall’Atlantic.

Internazionale ha una newsletter settimanale che racconta cosa succede negli Stati Uniti. Ci si iscrive qui.