01 giugno 2021 13:22

La cannabis per uso medico può essere venduta legalmente in 36 stati degli Stati Uniti e nel Distretto di Columbia (DC). In 15 di essi e nel DC può essere commercializzata anche per scopi ricreativi. Ma la sua vendita è ancora illegale a livello federale, e ciò significa che la maggior parte delle banche non offre servizi al settore perché gli istituti di credito potrebbero violare le leggi sul riciclaggio di denaro.

La pandemia di covid-19 e la crescente legalizzazione stanno causando un’impennata nell’uso della cannabis. Di conseguenza coltivatori, fabbricanti e rivenditori al dettaglio sono inondati di contante, un elemento che aggiunge rischi e costi alle transazioni commerciali più elementari, da come pagare i dipendenti e le tasse al trovare un posto dove conservare i soldi.

“Tutto questo contante in circolazione annuncia solo disastri”, ha dichiarato Smoke Wallin, amministratore delegato della Vertical wellness, un’azienda specializzata in prodotti sanitari a base di canapa. “Cosa ne facciamo? Dove lo depositiamo? Come lo trasferiamo? Anche tenerlo in una cassaforte è un rischio per la sicurezza dei dipendenti”.

Ryan Hale, veterano della marina americana e cofondatore dell’azienda di gestione dei contanti Operational security solutions, ha dovuto convincere un coltivatore di canapa in California a smettere di nascondere i contanti in un albero. In un’altra occasione, Hale ha dovuto aiutare un disorientato rivenditore di cannabis che aveva perso il conto delle banconote che traboccavano dagli armadietti del suo negozio.

Nel 2020 le vendite legali di cannabis negli Stati Uniti sono cresciute del 30 per cento, sfiorando i 22 miliardi di dollari e, secondo i dati di Euromonitor, superando i 17,5 miliardi di dollari che gli statunitensi hanno speso per comprare vino. Si prevede che quest’anno le vendite saliranno di un ulteriore 20 per cento.

Nel 2020 questa crescita avrebbe lasciato le aziende della cannabis a dover gestire più di dieci miliardi di dollari di contante, secondo le società di analisi Headset.io e New frontier research.

Chi ha grossi volumi di vendita può permettersi furgoni blindati non contrassegnati e guardie pesantemente armate per trasportare il denaro. Ma le aziende più piccole possono contare solo sulle loro forze.

Un produttore di canapa di Los Angeles, che ha chiesto di non rivelare la sua identità, ha raccontato che per pagare un fornitore ha dovuto guidare sei ore da Los Angeles a Oakland con 120mila dollari in una borsa. Se avesse preso un aereo avrebbe corso maggiori rischi di essere derubato o di vedersi confiscato il denaro dagli addetti alla sicurezza dell’aeroporto.

Nell’ultimo fine settimana del maggio 2020, quando in tutti gli Stati Uniti sono scoppiate le proteste contro la brutalità e il razzismo della polizia dopo l’omicidio di George Floyd, ci sono stati almeno 43 attacchi ai negozi che vendono cannabis lungo la costa occidentale del paese. Lo riferisce il sito Leafly, specializzato in cannabis, e che ha esaminato i rapporti della polizia e le dichiarazioni dei proprietari dei punti vendita.

Uno dei negozi coinvolti è stato il Cookies Melrose, a Hollywood, di proprietà del rapper Gilbert Milam Jr. , più noto con il nome d’arte Berner. Un portavoce dell’azienda ha dichiarato che Milam ha subìto un danno per più di mezzo milione di dollari, quando un centinaio di persone ha attaccato il suo negozio il 29 maggio 2020.

In cerca di banche amiche
Mentre la legalizzazione della cannabis prende piede nei diversi stati – New York e New Mexico ne autorizzeranno il consumo a scopi ricreativi nei prossimi anni – i politici cercano di facilitare l’accesso ai servizi bancari per le aziende del settore .

Ad aprile la camera dei rappresentanti ha approvato una legge che permetterebbe alle aziende di cannabis di aprire conti bancari, ottenere prestiti e accettare pagamenti con carta di credito. Ma la legge potrebbe non essere approvata al senato, dove il leader della maggioranza democratica, Chuck Schumer, preferisce lavorare per legalizzare la cannabis al livello federale.

Questo obiettivo è anche quello di produttori e commercianti, che però non fanno molto affidamento sulla promessa di Schumer di raggiungerlo nel 2022.

Le azioni delle aziende di cannabis statunitensi, quotate in Canada in quanto vietate dalle borse del loro paese, sono salite solo del 9 per cento nel 2021, secondo il fondo di investimenti AdvisorShare, e sono scese di quasi il 29 per cento rispetto al loro picco di febbraio.

Per un imprenditore della cannabis un servizio bancario può costare quasi il doppio rispetto a quelli ordinari

Le aziende nel frattempo devono cercare delle banche amiche. Secondo i dati raccolti dalle agenzie governative, nel 2020 solo 515 banche tra più delle 8.200 registrate al livello federale e solo una delle trenta cooperative di credito statunitensi hanno lavorato con le aziende di questo settore, e richiedendo pesanti extra, perché l’illegalità del settore al livello federale aumenta la quantità di documenti necessari per aprire e gestire i conti.

Chris Driessen, amministratore delegato della Slang worldwide, che produce cannabis, ha dichiarato di aver dovuto pagare quarantamila dollari per avere dei servizi bancari in Colorado, uno dei dodici stati in cui opera l’azienda. Normalmente, l’apertura di un conto corrente aziendale costa meno di cento dollari. Driessen dice che per un imprenditore della cannabis un servizio bancario può costare quasi il doppio rispetto a quelli ordinari per le aziende.

La Maps credit union è una delle istituzioni finanziarie che lavora da più tempo con le aziende della cannabis, che in Oregon, dal gennaio 2017, con i loro depositi le hanno fatto incassare più di 1,79 miliardi di dollari. Ma questo ha comportato la compilazione di decine di migliaia di rapporti, imposti dalle linee guida dell’organismo di vigilanza sui crimini finanziari (Fincen) specifiche per le attività bancarie legate alla cannabis . “Servire queste imprese non è economico. È un settore completamente a parte”, ha dichiarato Rachel Pross, direttrice delle operazioni della Maps credit union, spiegando che sono necessari costosi software antiriciclaggio, revisori esterni e consulenti legali.

pubblicità

Inoltre, con la crescita della domanda, dal 2018 gli investitori hanno riversato più di 2,5 miliardi di dollari nelle startup tecnologiche della cannabis. Le cosiddette società d’acquisizione a scopo speciale (spac), interessate al settore nel suo complesso, fino a oggi hanno raccolto 3,9 miliardi di dollari, secondo Viridian.
Eppure, all’interno del settore, alcuni imprenditori non possono ottenere prestiti e lottano addirittura per conservare i loro conti personali. Il rapper Berner ha dichiarato che molte banche hanno rifiutato di lavorare con lui da quando si è impegnato in questo settore, nel 2015. “L’anno scorso la mia attività di abbigliamento ha guadagnato 32 milioni di dollari, ma molte banche ci hanno chiesto di andarcene”, ha raccontato. “Vorremmo solo andare in un normale istituto bancario ed essere trattati come normali esseri umani”.

(Traduzione di Federico Ferrone)

Questo articolo è stato pubblicato dalla Reuters.

Internazionale ha una newsletter settimanale che racconta cosa succede negli Stati Uniti. Ci si iscrive qui.