Il leader del Movimento 5 stelle Luigi Di Maio intervistato dai giornalisti a Milano, il 1 febbraio 2018.

L’Europa osserva le elezioni italiane

Il leader del Movimento 5 stelle Luigi Di Maio intervistato dai giornalisti a Milano, il 1 febbraio 2018.
03 marzo 2018 09:18

Appena un mese prima delle elezioni politiche italiane del 4 marzo, nei cinema del paese è uscito Sono tornato di Luca Miniero. Il film immagina un ritorno del dittatore fascista Benito Mussolini nell’Italia del 2018, e il tempismo è stato perfetto.

“Gli italiani, al contrario dei tedeschi, non hanno mai fatto i conti con il loro dittatore, non lo hanno mai rimosso”, ha dichiarato Miniero. “Osservando quel che accade oggi nel nostro paese, sono convinto che se Mussolini tornasse, vincerebbe le elezioni”. Naturalmente non è Mussolini che sta tornando, ma solo, e ancora una volta, Silvio Berlusconi.

L’equivalente italiano di Donald Trump è già stato primo ministro quattro volte, ed è stato interdetto dalle cariche pubbliche per sei anni in seguito a una condanna per evasione fiscale. Inoltre ha 81 anni. Ma nessuno ha saputo annientarlo politicamente, e Berlusconi è tornato alla ribalta come uomo forte della coalizione di destra che potrebbe formare il prossimo governo in Italia.

La maggioranza difficile
Per i populisti del Movimento 5 stelle sarà difficile formare il governo, poiché rifiutano di entrare in coalizione con altri partiti. Secondo gli ultimi sondaggi pubblicati potrebbe essere la prima formazione politica del paese, ma non è abbastanza. La coalizione di centrosinistra che è oggi al governo, i cui vari partiti si presentano separati a causa dei loro molti disaccordi, otterrebbe più o meno le stesse preferenze. Nel caso di Forza Italia, il partito di Berlusconi, che si presenta in tandem con la Lega, partito di destra e xenofobo, potrebbero prospettarsi accordi con altri partiti più piccoli e fascisteggianti, per creare una coalizione. La grande ricchezza di Berlusconi, derivante dalle sue enormi aziende televisive e dalla carta stampata, gli darebbe un ruolo dominante in una simile coalizione, ma poiché non è eleggibile né può diventare primo ministro, chi ricoprirebbe questo ruolo?

La possibile outsider è Giorgia Meloni, la versione light di Trump e leader di uno dei partiti più piccoli, Fratelli d’Italia, ma resta in corsa anche il leader della Lega, Matteo Salvini. Questi potrebbe essere definito un trumpiano di ferro, avendo accolto l’elezione di Donald come “la vendetta del popolo, del coraggio, dell’orgoglio… e un pugno in faccia ai banchieri, gli speculatori e i giornalisti”.

Abbastanza comprensibilmente, gli italiani sono arrabbiati per il modo in cui il loro paese è stato gestito negli ultimi anni. La disoccupazione è all’11 per cento, ma tra i minori di 25 anni è vicina al 40 per cento, e circa centomila giovani hanno lasciato il paese lo scorso anno in cerca di lavoro all’estero. I redditi medi delle famiglie, crollati drammaticamente dopo la crisi finanziaria del 2008, non sono ancora tornati ai livelli del 2007.

Lo spauracchio
Ma la questione che tiene banco è l’immigrazione: negli ultimi quattro anni in Italia sono arrivati 600mila migranti in cerca di asilo, e tutti i principali partiti promettono di risolvere la cosa. Berlusconi parla di una “bomba a orologeria sociale pronta a esplodere”, e suggerisce espulsioni di massa. Il suo futuro partner di coalizione, la Lega, ha stabilito un numero preciso: centomila rimpatri all’anno.

La coalizione di centrosinistra uscente in realtà è riuscita a tagliare il numero di sbarchi provenienti dal Mediterraneo, stringendo un accordo con la Libia, il punto di partenza della maggior parte delle imbarcazioni dei migranti. In cambio di finanziamenti alla guardia costiera libica e a vari altri aiuti, si è intanto assicurata la cooperazione della Libia nel bloccare le partenze dei migranti dalle coste libiche.

Il risultato è stato che gli arrivi dei migranti sono diminuiti di un terzo lo scorso anno, il che dovrebbe aver garantito al Partito democratico e ai suoi alleati un certo credito agli occhi degli elettori. Ma nel 2017 sono comunque arrivati 119mila migranti in Italia, e quindi nessuno crede che il problema sia stato risolto. La coalizione Berlusconi-Salvini è in prima linea nel dire che li rispedirà a casa, e la cosa ha un grande impatto per un elettorato stufo delle vecchie politiche.

Dopo le elezioni di Trump nel novembre 2016 tre paesi dell’Europa occidentale, i Paesi Bassi, la Francia e la Germania, hanno avuto elezioni nei quali partiti nazionalisti, xenofobi e ostili all’Unione europea, o quantomeno all’euro, hanno ottenuto i loro migliori risultati di sempre, senza però arrivare al potere. In Italia potrebbero addirittura vincere.

(Traduzione di Federico Ferrone)

pubblicità

Articolo successivo

Le notizie di scienza della settimana
Claudia Grisanti