12 luglio 2020 10:02

Dall’inizio delle proteste per la morte di George Floyd sono stati abbattuti, danneggiati o rimossi così tanti monumenti al razzismo, alla schiavitù e al colonialismo che i redattori volontari di Wikipedia non riescono a tenere il passo: Robert E. Lee, Jefferson Davis e altri generali sudisti, suprematisti bianchi e segregazionisti. Ma ci sono anche Frank Rizzo, sindaco razzista di Filadelfia e figure simboliche come il Pioniere e la Madre pioniera, abbattute nell’università dell’Oregon. Anche l’imbarazzante statua che raffigura Theodore Roosevelt a cavallo, seguito a piedi da un nativo e da un nero, dovrebbe essere rimossa dall’ingresso principale del Museo di storia naturale di New York.

Gli eroi di ieri sono i cattivi della storia. Papa Francesco apprezza talmente tanto padre Junípero Serra da averlo canonizzato nel 2015, nonostante i nativi americani avessero denunciato il carattere oppressivo della sua opera missionaria. Oggi padre Serra è il santo patrono della California. Di recente, a San Francisco e Los Angeles, i manifestanti hanno rovesciato le statue del santo. Nel frattempo il governatore dello stato di New York, Andrew Cuomo, ha difeso la presenza di Cristoforo Colombo (a cui sono dedicate almeno 19 sculture) a Columbus Circle, a Manhattan, sottolineando che l’opera “rappresenta un ringraziamento per il contributo degli italoamericani alla storia di New York”. Ma non sono sicura che il vecchio Cris resterà su quel piedistallo. Forse gli italoamericani potrebbero scegliere un altro compatriota, qualcuno che ha portato gioia nel mondo. Uno come Verdi o Puccini. Tra l’altro esiste già una Verdi square a pochi isolati dal Columbus circle. E c’è anche un Dante park poco lontano. Il contributo dell’Italia nel campo della letteratura, dell’arte, della musica, della scienza e della filosofia è così vasto che ogni parco di Manhattan potrebbe essere dedicato a un italiano. Gramsci triangle. Maria Montessori plaza. Primo Levi square.

A New York ci sono solo cinque statue di donne. Dobbiamo liberarci dei cattivi a cavallo e onorare chi è stato ignorato

La storia contiene moltitudini. Non c’è motivo di ricordare torturatori e sfruttatori. Soprattutto non c’è nessun motivo di celebrare i traditori confederati che trascinarono il paese nella guerra civile. È fantastico che i vertici della Nascar, l’ente che organizza gare automobilistiche, abbiano bandito la bandiera sudista. Ma perché hanno aspettato tanto? E perché abbiamo avuto bisogno dell’omicidio di George Floyd e delle proteste per ottenere questa vittoria simbolica?

I simboli sono importanti. Zia Jemima, zio Ben, la signora Butterworth e il cuoco nero sulle scatole dei prodotti alimentari Cream of Wheat sono residui di quella che un tempo era un’inondazione di spot, loghi e oggetti che mostravano i neri come cuochi, servi, bambinaie e bambini buffi. Non si può sfuggire a questo retaggio snellendo zia Jemima e dandole una pettinatura moderna. Sono felice che, a quanto pare, la voce originale di zia Jemima, Nancy Green, nata schiava, sia diventata milionaria. Ma questo non è un buon motivo per tenere in vita il personaggio. Siamo nel 2020! Ritirare questi prodotti dal mercato non significa piegarsi al “politicamente corretto”, ma rimuovere un’offesa razzista.

Come possiamo liberarci dall’onnipresente celebrazione dei peggiori antenati statunitensi? È facile abbattere una statua o cambiare nome a una strada, ma altri nomi sono così radicati nella storia statunitense, nella sua cultura e nelle mappe geografiche che è difficile pensare di poterli cancellare, anche se ci fosse la volontà di farlo. Ci sono decine di luoghi intitolati a Colombo: Columbus, in Ohio, Indiana, Georgia e via dicendo: l’università Columbia, la contea Columbia, il fiume Columbia. Per non parlare dello stato della Colombia (per fortuna quello non è un problema nostro). Per la santità di Serra c’è poco da fare, ma almeno l’università di Stanford ha avuto il merito di cambiare nome al Serra mall, la sua strada principale, che è diventata Jane Stanford way, in onore della donna fondatrice dell’ateneo.

pubblicità

Gli eroi non ci mancano. Molti di loro non sono stati abbastanza celebrati, perché erano donne o neri. A New York ci sono solo cinque statue di donne in luoghi pubblici, anche se presto ne arriveranno altre. Dobbiamo liberarci dei cattivi a cavallo e onorare chi è stato ignorato. Potremmo cominciare da Fort Bragg, Fort Benning, Fort Hood e da tutte le altre basi militari intitolate a soldati confederati. Di sicuro Walt Whitman merita qualcosa di più che una piazzola di sosta nel New Jersey turnpike. Potremmo raccontare una nuova storia americana onorando le persone che hanno lavorato per renderci migliori, i pensatori liberi e radicali, i politici progressisti, i leader sindacali, le femministe e gli attivisti.

Mentre ci impegniamo ad abbattere alcune statue e a tirarne su altre, non dobbiamo però dimenticare cosa conta davvero: combattere le ingiustizie. George Floyd non è stato ucciso perché a Minneapolis mancavano i monumenti giusti.

(Traduzione di Andrea Sparacino)

Questo articolo è uscito sul numero 1365 di Internazionale. Compra questo numero | Abbonati

Leggi anche: