Bambini giocano sul relitto di un aereo a Juba, in Sud Sudan, il 21 aprile 2016. (Carl De Souza, Afp)

La malnutrizione danneggia il sistema immunitario

Bambini giocano sul relitto di un aereo a Juba, in Sud Sudan, il 21 aprile 2016. (Carl De Souza, Afp)
29 maggio 2016 14:24

I bambini malnutriti tendono a morire per le infezioni, non di fame. È una delle indicazioni raccolte in uno studio pubblicato sulla rivista Trends in Immunology, che ha fatto il punto sul rapporto tra malnutrizione e sistema immunitario.

La riduzione della crescita dei bambini, uno dei primi elementi a essere osservato, è in realtà solo una delle conseguenze della malnutrizione, che porta ad altri problemi, più difficili da vedere, ma che hanno una grande influenza sulla vita futura. Questi aspetti continuano a determinare uno stato di malnutrizione successivamente, quando i bambini tornano a un’alimentazione normale.

Lo stato di cattiva nutrizione può anche trasmettersi ai figli. Si è infatti scoperto che la malnutrizione modifica il dna tramite modifiche epigenetiche, cioè cambiamenti chimici della molecola di dna che non ne alterano la sequenza. I mutamenti epigenetici si trasmettono ai figli, che possono risentire dello stato di malnutrizione sofferto dai genitori.

Comunque, questo campo di studi è ancora immaturo. Le ricerche continueranno e i risultati potrebbe interessare anche i paesi ad alto reddito. Infatti, il legame tra sistema immunitario e nutrizione si estende pure al consumo eccessivo di calorie. Secondo Claire Bourke, James Berkley e Andrew Prendergast, il risvolto pratico di questi studi è la necessità di intervenire sul sistema immunitario nei casi di malnutrizione, sia nei casi di deficit sia di eccesso.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

La gestione autoritaria dell’epidemia di coronavirus da parte della Cina
Pierre Haski
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.