Sommario

862 (3/9 settembre 2010)

Quel tesoro di Gheddafi

Dalle banche al calcio, la presenza di Tripoli nell’economia italiana è sempre più forte. I commenti della stampa straniera dopo la visita del leader libico.

862 (3/9 settembre 2010)

Graphic journalism

Cartoline da Ibiza

Di Hugues Micol

Americhe

Vivere in Messico è un danno collaterale

La strategia del presidente Calderón contro il narcotraffico ha fallito. I morti aumentano e i cartelli della droga colpiscono i civili. Per i ragazzi l’unica strada è la criminalità.

pubblicità

Ricette proibite

Molti commercianti sperano negli incentivi per il lavoro autonomo promessi da Raúl Castro. Leggi

Didattica sotto esame

L’università di Cergy-Pontoise e l’istituto universitario di Versailles organizzano il 7 e 8 ottobre 2010 un colloquio internazionale sul tema “les didactiques en question”. Leggi

Cultura

Grande romanzo americano

La storia di una famiglia infelice. Il nuovo libro di Jonathan Franzen recensito dal New York Times.

pubblicità

Perché la Corea del Sud non è la Svizzera

Il futuro geopolitico, e quindi economico, di Seoul dipende molto più dalle mosse di altre potenze che non dal suo impegno. Leggi

Viaggi

Israele in cirillico

A Tel Aviv, Gerusalemme e Ashdod tra la comunità russa in Israele: locali tappezzati con le foto di Putin e supermercati che vendono maiale.

In copertina

Dove sono finiti i barconi?

Nel primo trimestre del 2010 sulle coste italiane e maltesi sono arrivati solo 150 migranti. Ma non è stato grazie all’accordo tra Roma e Tripoli.

Europa

I socialisti francesi si preparano alle elezioni del 2012

Dal meeting estivo di La Rochelle, Martine Aubry ha lanciato la sfida a Sarkozy per le prossime presidenziali. Puntando sulle primarie e sull’unità tra le diverse correnti del partito.

Africa e Medio Oriente

Se la guerra di Kinshasa diventa un genocidio

Un rapporto delle Nazioni Unite fa luce sui crimini commessi durante le guerre nella Repubblica Democratica del Congo, che dal 1996 avrebbero causato sei milioni di morti.

pubblicità

Tecnologia

Un nemico nel computer

Si è annidato in milioni di computer senza fare danni. Ma gli esperti temono che presto lancerà un attacco devastante. Si chiama Conficker e finora nessuno è riuscito a capire chi ha creato questo virus e perché.

Economia

La fabbrica del profumo

Annusano essenze, interpretano i desideri degli stilisti famosi e lavorano nell’ombra. Nel gergo del settore li chiamano “nasi”. Sono gli alchimisti moderni che creano i profumi di successo.

Portfolio

Al fronte con l’iPhone

David Guttenfelder è uno dei fotografi più importanti dell’Associated Press. In Afghanistan ha usato il suo telefonino per ritrarre la vita quotidiana dei marines.

Società

Chiese vuote in Europa

Scandali, fedeli in fuga, crollo delle vocazioni. Nel vecchio continente la chiesa cattolica è in crisi. Ma lontano dai palazzi del Vaticano, i movimenti di base mostrano grande vitalità. L’inchiesta dell’Economist.

Pop

Sulla spiaggia di Grand Isle

Di Rebecca Solnit

pubblicità

84 milioni di barili

È bene che prima di cominciare le trivellazioni nel Mediterraneo, si facciano verifiche e controlli e si rafforzino le norme internazionali e regionali. Leggi

Se il termometro sale troppo

Il diabete fa aumentare la sensibilità al calore? Leggi

Scienza e tecnologia

Caccia all’orrore

Passano le giornate a guardare e segnalare le foto più violente e perverse nascoste in rete. Sono i revisori del web, lavoratori malpagati che rischiano la loro salute mentale.

Birmania

La farsa del voto in Birmania

Dopo vent’anni la Birmania torna alle urne. Ma l’opposizione non partecipa e la giunta militare continua a soffocare il paese.

Vaffan transfer

Cee-Lo • Sara Schiralli • Rubik Leggi

pubblicità

Economia e lavoro

L’importanza della formazione

Per uscire dalla crisi, gli Stati Uniti non hanno bisogno solo di credito e stimoli fiscali, ma devono puntare sull’istruzione. Nel paese ci sono troppi lavoratori non qualificati.

Promessa

Ha ragione Adriano Sofri sul Foglio: “Signore, non mi indurre nella tentazione di scrivere qualcosa sulla pagliacciata di Gheddafi e dei suoi ospiti. Una cosa sola, però: immaginiamo che Berlusconi vada a Tripoli, con un Canadair di trecento signorine, e dichiari che il Maghreb sarà cristiano”. Al festival di Internazionale a Ferrara ci saranno molti ospiti, ma Gheddafi no. È una promessa che abbiamo dovuto fare a Gipi. Ce l’ha chiesto nella sua striscia pubblicata al centro del giornale. Ogni settimana, fino al 1 ottobre, un inserto di otto pagine racconterà le novità dell’edizione 2010. Quest’anno gli incontri più importanti potranno essere seguiti in diretta dal nuovo sito di Internazionale, dove poi saranno archiviati per essere rivisti e condivisi. Con tutti, perfino con Gheddafi. Leggi

Asia e Pacifico

Il Turkmenistan libera la sua energia

Senza più contratti in esclusiva con Mosca, l’ex repubblica sovietica cerca nuovi compratori per il suo gas e il suo petrolio. E fa accordi con la Cina e gli Stati Uniti.

Chiamata da Benjamin

Qualche giorno fa, mentre camminavo tra le baracche dei palestinesi di Nabi Samuel, ho ricevuto una telefonata anonima. Leggi

Opinioni

Il reparto ricerche dell’umanità

Gli indigeni marchiati

Claudia Andujar ha dedicato tutta la sua opera fotografica alla conoscenza e alla protezione degli indigeni yanomami. Leggi

In copertina

Quel tesoro di Gheddafi

Dalle banche alle società calcistiche, la presenza di Tripoli nell’economia italiana è sempre più forte. I commenti della stampa straniera dopo l’ultima visita del leader libico in Italia.

Una terra di sperimentazione

José Eduardo Agualusa, Le donne di mio padre Leggi

Ritratti

Jerry Della Femina. Follia da vendere

È il pubblicitario newyorchese che ha ispirato la serie tv Mad men. La sua vita tra sigarette e Martini non ha nulla da invidiare alla finzione.

La caccia alle streghe è di nuovo aperta

L’era Clinton ci ha insegnato che per molti statunitensi i progressisti non possono andare al governo, neanche se sono moderati. Obama poi non è bianco e ha un nome da straniero. Leggi

Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.