Simon Allison

È un giornalista del Guardian.

La società della sorveglianza prende piede in Africa

In un incontro esclusivo di sindaci e funzionari governativi a Mombasa, l’azienda Huawei suscita entusiasmo promettendo di sconfiggere la criminalità con i suoi sistemi di riconoscimento facciale. Leggi

Buone notizie dal continente africano

Il Mail & Guardian ha lanciato un appello su Twitter e ha ricevuto da tutta l’Africa centinaia di storie di coraggio, resilienza e ingegno. Leggi

pubblicità
Un anno con il coccodrillo che ha spodestato Mugabe

Un anno fa Robert Mugabe si è dimesso, ma il nuovo presidente dello Zimbabwe è un suo delfino che non ha tardato a mostrare il suo volto autoritario. Leggi

L’eccezione etiope di Abiy Ahmed

Il nuovo primo ministro etiope cerca di costruire uno stato di diritto e di limitare il potere dei militari e dei gruppi etnici. Ma il percorso è pieno di ostacoli. Leggi

Il rapper Bobi Wine guida la rivolta democratica in Uganda

Eletto in parlamento nel 2016 e arrestato il 13 agosto scorso con l’accusa di tradimento, potrebbe essere l’uomo che metterà fine al potere trentennale di Yoweri Museveni. Leggi

pubblicità
I cento giorni della nuova Etiopia

Molti leader africani promettono riforme che restano però solo di facciata. Per questo il riformismo del nuovo premier etiope è stato accolto con scetticismo. Ma stavolta le novità potrebbero essere destinate a durare. Leggi

Perché i paesi africani bloccano l’esportazione degli asini in Cina

Il Niger e il Burkina Faso hanno preso provvedimenti contro la vendita di asini alla Cina, dove la loro pelle è molto richiesta per la medicina tradizionale. Ma l’aumento della domanda di questi animali fa salire il loro prezzo nei paesi d’origine. Leggi

L’Unione africana fa un passo indietro sul Burundi

Era prevedibile che il Burundi dominasse l’agenda del vertice dell’Unione africana. È una crisi emergente che potrebbe diventare devastante. In realtà è già devastante: basta chiederlo alle centinaia di migliaia di profughi e sfollati interni, o alle famiglie delle decine di giornalisti, attivisti e sospetti simpatizzanti dell’opposizione uccisi in modo sommario. Per l’Unione africana, però, quella in Burundi è anche un’opportunità: l’organismo continentale può dimostrare di avere un potere reale e di essere in grado di agire in modo positivo. Leggi

Una band di detenuti del Malawi è in corsa per un Grammy, ma forse non lo sa nemmeno

La prigione di massima sicurezza di Zomba, in Malawi, non è il genere di luogo dove di solito vengono registrati i dischi candidati ai Grammy awards. Ma un gruppo di detenuti di Zomba si sono ritrovati candidati per il prestigioso premio nella categoria di miglior disco di world music. Leggi

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.