World press photo

I video e i progetti digitali finalisti al World press photo

La giuria del World press photo ha annunciato i finalisti del concorso che premia le migliori forme di visual journalism realizzate con l’uso della tecnologia digitale. Leggi

I finalisti del World press photo 2019

La giuria ha esaminato 4.738 candidati, provenienti da 129 paesi per un totale di 78.801 immagini. Leggi

pubblicità
Immagini al festival

Durante il festival di Internazionale a Ferrara, ci saranno varie mostre fotografiche, tra cui quella con le foto vincitrici del World press photo 2018. Leggi

I finalisti del World press photo 2018

Il 14 febbraio la giuria del World press photo ha annunciato i finalisti della 61ª edizione del più importante premio fotogiornalistico al mondo. Leggi

La foto vincitrice del World press photo rischia di trasformare l’assassino in eroe

La foto dell’anno scelta dal World press photo provoca una strana sensazione. Simboleggia una situazione internazionale molto tesa legata all’onnipresente pericolo terroristico, in cui il ruolo della Turchia non è indifferente. Ma visivamente, ci propone anche un ritorno all’istantanea di news, alla grande tradizione del momento decisivo. Leggi

pubblicità
La formula per vincere il World press photo

Il quotidiano francese Libération ha svolto una ricerca per capire quali sono le caratteristiche dei fotografi e delle immagini che hanno vinto il World press photo, il premio di fotogiornalismo più importante del mondo, dal 1955 ad oggi. Leggi

Il World press photo e le altre mostre del weekend

La mostra del World press photo ospita tutti i vincitori dell’edizione di quest’anno e racconta, attraverso le immagini, gli eventi più importanti del 2015. Dal World press photo alle immagini del Giappone di Felice Beato: gli appuntamenti più interessanti in giro per l’Italia. Leggi

Storie di vita e d’amore premiate al World press photo

Il 29 aprile il museo di Roma in Trastevere inaugura la mostra dedicata ai vincitori del World press photo, il più importante premio di fotogiornalismo al mondo. Un concorso che racconta, attraverso le immagini vincitrici, gli eventi di attualità più significativi dell’anno, ma premia anche progetti più lunghi, di fotografi che hanno affrontato temi legati a storie personali. Leggi

I vincitori della natura al World press photo

Il 29 aprile il museo di Roma in Trastevere inaugura la mostra delle foto vincitrici della 59ª edizione del World press photo. Un percorso espositivo che racconta, attraverso le immagini di fotografi da tutto il mondo, gli eventi più importanti accaduti nel 2015. Ecco una selezione dei reportage che hanno vinto la categoria Natura storie. Leggi

pubblicità
La parola ai giurati: perché questa è la foto dell’anno

La giuria edizione del World press photo 2016 ha scelto come foto dell’anno un’immagine del freelance australiano Warren Richardson, scattata al confine tra Serbia e Ungheria il 28 agosto del 2015. S’intitola Hope for new life (La speranza di una nuova vita), mostra un uomo che fa passare un bambino attraverso il filo spinato. I giurati spiegano perché hanno scelto proprio questa immagine. Leggi

I profughi siriani nella miglior foto dell’anno per il World press photo.
I profughi siriani nella miglior foto dell’anno per il World press photo. L’immagine che ha vinto il più prestigioso concorso di fotogiornalismo rappresenta un padre che tende il suo bambino a una persona al di là di una recinzione. È stata scattata in agosto a Röszke, al confine tra Ungheria e Serbia, dall’australiano Warren Richardson. Le immagini premiate sono state annunciate oggi ad Amsterdam.
I vincitori del World press photo

Il 18 febbraio la giuria del più importante premio fotogiornalistico, presieduta da Francis Kohn, caporedattore del dipartimento di fotografia dell’agenzia Afp, ha annunciato i vincitori della 59ª edizione. Leggi

Come il World press photo sceglie le foto più belle dell’anno

Sul tavolo rimangono solo due foto. Una di queste diventerà la foto dell’anno. Due settimane fa, quando ad Amsterdam è cominciato il processo di valutazione del più prestigioso concorso di fotografia, erano in gara 85mila foto, scattate da 5.775 fotografi. La giuria di cui sono presidente – che è composta da altre sei persone – si è riunita per discutere prima di votare a scrutinio segreto l’immagine che sarà premiata quest’anno. Leggi

pubblicità
Se il fotogiornalismo perde la sua credibilità 

Avrò avuto dieci anni quando ho scoperto la fotografia. A scuola la maestra ci parlava della seconda guerra mondiale e delle immani distruzioni causate dal devastante conflitto, tra cui la tragedia dell’Olocausto. La mia innocenza di bambino mi impediva di comprendere appieno queste parole che tuttavia continuavano a turbarmi. Leggi

Le inutili polemiche sul World press photo

Sembra diventata un’abitudine: da qualche anno la proclamazione dei vincitori del World press photo si lascia dietro una scia di polemiche. Se poi alcuni premi sono contestati, o altri ritirati, la polemica si inasprisce ulteriormente. E tutto ciò crea sconcerto, tanto più che si parla sempre del “più prestigioso dei premi di fotogiornalismo”, tradizionalmente attribuito da una giuria di autorevoli specialisti internazionali. Leggi

L’onestà di un’immagine

La notizia è questa: la giuria del World press photo, il premio di fotogiornalismo più prestigioso del mondo, quest’anno ha scartato il venti per cento delle immagini inviate dai concorrenti. Tre volte tanto rispetto al 2014. Il motivo è stato un uso eccessivo del fotoritocco. Leggi

World press photo 2014

Il museo di Roma in Trastevere presenta la mostra sui vincitori del World press photo, uno dei riconoscimenti più importanti nel fotogiornalismo. Leggi

World press photo 2014

Il 14 febbraio la giuria del World press photo ha annunciato ad Amsterdam i vincitori della 57ª edizione del più importante premio fotogiornalistico del mondo. Il riconoscimento per la Foto dell'anno è andato al fotografo statunitense John Stanmeyer. Leggi

pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.