Un manifesto del presidente siriano Bashar al Assad vicino a Damasco, 8 aprile 2018. (Omar Sanadiki, Reuters/Contrasto)

Stati Uniti ed Europa sfidano la Russia nei cieli della Siria

Un manifesto del presidente siriano Bashar al Assad vicino a Damasco, 8 aprile 2018. (Omar Sanadiki, Reuters/Contrasto)
11 aprile 2018 10:50

Era senza dubbio l’ultima possibilità di allentare la tensione. Se la Russia non avesse messo il veto – martedì sera al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, davanti a un progetto di risoluzione proposto dagli americani che avrebbe creato un meccanismo d’inchiesta dell’Onu sull’utilizzo di armi chimiche in Siria – forse avremmo potuto evitare che Stati Uniti, Francia e altri paesi come il Regno Unito attaccassero entro breve tempo l’esercito di Bashar al Assad.

La Russia ha bocciato il progetto di risoluzione perché ai suoi occhi avrebbe eccessivamente messo sotto accusa il regime siriano. Non esiste più la possibilità di un consenso al Consiglio di sicurezza, dunque andiamo verso una dimostrazione di forza di cui non possiamo sottovalutare la portata né la gravità.

Contrariamente a quanto accaduto un anno fa con le rappresaglie americane dopo l’utilizzo di armi chimiche, stavolta la Russia si rifiuta di disattivare i suoi sistemi anti-missile. Non solo gli attacchi occidentali si scontreranno contro la difesa russa delle basi siriane, ma i sistemi anti-missile di Putin sono stati considerevolmente rafforzati negli ultimi mesi.

Quale che sia la parola scelta – guerra, scontro, faccia-a-faccia – russi e occidentali rischiano di misurarsi nei prossimi giorni nei cieli della Siria. Le dichiarazioni che arrivano dal Cremlino lasciano intendere che potrebbero addirittura esserci rappresaglie russe contro gli occidentali, cioè la messa in moto di un ingranaggio militare estremamente pericoloso.

Per questo motivo martedì gli occidentali hanno deciso di prendersi, per bocca di Emmanuel Macron, qualche giorno di riflessione per cercare di convincere i russi che né loro né gli iraniani saranno colpiti dagli attacchi in programma – secondo il presidente francese avranno come obiettivo solo le armi chimiche.

pubblicità

Il problema è che più gli occidentali aspetteranno e più le difese russe si rafforzeranno. Le precauzioni, dunque, rischiano di aggravare la situazione. La partita è molto serrata, perché da un lato i russi non vogliono dare la sensazione di stare facendo un passo indietro e non credono alla determinazione degli occidentali, dall’altro gli europei e gli americani non vogliono far credere ai russi e ad Assad che possono continuare a fare come gli pare senza doverne pagare il prezzo.

Per gli occidentali si tratta di far capire che ci sono delle linee rosse e che vanno rispettate, e di spingere il regime siriano a fare quel minimo di concessioni senza le quali non potrà esserci un compromesso politico né – in prospettiva – una pace duratura. Siamo in un momento innegabilmente pericoloso.

(Traduzione di Andrea Sparacino)

Sullo stesso argomento

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

In Australia la fortuna ci vede benissimo
Annamaria Testa
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.