Laurie Penny

È una giornalista britannica. È columnist del settimanale New Statesman e collabora con il Guardian.

Laurie Penny
Rassegnarsi ai cambiamenti climatici è peggio che negarli

Le persone che potrebbero prevenire le catastrofi climatiche sanno che siamo in pericolo. E naturalmente gli dispiace. Ma non abbastanza da spingerle ad agire. Leggi

L’incendio alla Grenfell Tower rivela il costo umano dell’austerità

Il disastro della Grenfell Tower è il risultato di anni di decisioni sciagurate. Per questo la consueta risposta dei britannici alla tragedia, una dignità coraggiosa e composta, è stavolta inappropriata. Leggi

pubblicità
Prendersi cura degli altri è la rivoluzione secondo Naomi Klein

Una conversazione con l’autrice canadese per capire se l’arrivo di Donald Trump può rimettere in moto la sinistra globale. Leggi

Non si combatte il terrorismo con uno stato di polizia

È in epoche come queste che è importante rifiutare le idee fasciste e razziste in risposta agli attentati. Leggi

La resistenza contro Trump è cominciata

Esattamente alle 12.03 del 20 gennaio l’era dell’ambiguità è finita per sempre. Sono bastati trenta secondi del più nazionalista, razzista e controverso discorso presidenziale mai sentito se non al cinema per far cambiare idea a tutti quelli che pensavano che la presidenza Trump sarebbe stata una presidenza normale per cui sarebbero state valide le solite regole. Leggi

pubblicità
Chi vince e chi perde nell’epoca della post-verità

C’è un genere di errore stupido che solo le persone intelligenti possono commettere: presumere che un fatto acclarato possa sconfiggere una bugia facile e rassicurante. Siamo entrati in una nuova fase del dibattito politico e pubblico, una fase che molti esperti hanno definito “l’era della post-verità”. Leggi

Le atlete vincenti sono sempre considerate poco femminili

Alle Olimpiadi una domanda ossessionerà le atlete: sei una vera donna? Il dibattito sul genere nello sport dimostra quanto sia difficile fare una distinzione netta tra corpi maschili e femminili. Leggi

Per le donne vale ancora la pena sposarsi?

Due libri pubblicati di recente da due giornaliste statunitensi hanno soffiato sulle braci quasi spente del dibattito sul matrimonio, l’unione, l’enorme quantità di lavoro che ci vuole per mandare avanti la baracca e se vale la pena sposarsi per le donne che antepongono la loro autonomia alla sicurezza (sempre minore) offerta dalla vita di coppia. Leggi

L’amore vincerà anche dopo Orlando

Sono stati giorni difficili. I titoli di giornale erano già abbastanza deprimenti prima di domenica mattina, quando abbiamo scoperto che 49 persone erano state massacrate in un locale gay di Orlando. Quella mattina sono stata svegliata dai singhiozzi della mia coinquilina. Leggi

Prima di vietare la prostituzione dovremmo vietare il lavoro

La prostituzione è davvero “un lavoro come un altro”? E se è così, possiamo ritenerla una buona cosa? Amnesty international ha ufficialmente deciso di sostenere la depenalizzazione della prostituzione in tutto il mondo, ritenendola lo strumento migliore per ridurre la violenza nel settore e proteggere i “lavoratori del sesso” e le persone che sono costrette a prostituirsi. Leggi

pubblicità
Il riscaldamento globale riguarda già miliardi di persone

Dimostrare che il riscaldamento globale è reale sta diventando sempre meno urgente di fronte alla necessità di alleviare la sofferenza umana che sta causando. In Rajasthan, nell’India nordoccidentale, questa settimana la colonnina di mercurio ha toccato 51 gradi, la temperatura più elevata mai registrata nel paese. Leggi

Game of thrones (Il trono di spade) è il racconto perfetto dei nostri tempi

Ormai ho l’impressione che George R. R. Martin – l’autore del Trono di spade, sadico narrativo e distruttore di tutte le belle cose – sia diventato lo sceneggiatore dei telegiornali. Non sono la prima a fare questa osservazione. Martin è famoso per la sua tendenza a uccidere i personaggi preferiti da tutti e scaraventare le sue storie in una fossa di incertezza proprio quando cominciavamo a pensare che le cose potessero mettersi bene. Leggi

I robot sono lo specchio dello sfruttamento delle donne

Perché così tanti robot hanno un aspetto femminile? È sempre più difficile sfuggire a questa domanda dato che sempre più intelligenze artificiali, che in teoria non avrebbero alcun bisogno di avere un genere, vengono lanciate sul mercato con voci e volti femminili. Leggi

Non snobbate il femminismo delle celebrità

Spesso mi chiedono cosa penso del femminismo delle celebrità. In particolare, quando parlo con i giovani, mi chiedono cosa penso delle varie donne famose e dei loro fan che hanno adottato la parola che inizia per f da quando questa cosa ha cominciato ad andare di moda qualche anno fa. Leggi

Le parole contro il razzismo che aiutano le profughe e tutte noi

Ormai tutti hanno un’opinione sull’immigrazione e l’islamofobia. Il problema è che le opinioni di alcuni sembrano essere più importanti di altre. L’ho scoperto all’indomani degli attacchi di Bruxelles, mentre parlavo di politica davanti a un caffè tiepido insieme a un gruppo di profughe che vivono in Germania. Leggi

pubblicità
Nel Regno Unito sono benvenuti solo gli immigrati ricchi

Mi sono persa un passaggio importante? La mia scrivania è piuttosto disordinata, ma sono sicura di non aver ricevuto la notifica che ora il Regno Unito è un paese che espelle le vedove e gli invalidi mandandoli incontro a morte certa. Pensavo che la crudeltà deliberata fosse un prezzo troppo alto per guadagnare qualcosa nei sondaggi facendo i duri sull’immigrazione. A quanto pare mi sbagliavo. Leggi

Il presidente degli Stati Uniti va eletto da tutto il mondo

Siamo appena a metà strada e sono già stanca della corsa per le presidenziali negli Stati Uniti. Come reality televisivo questo format è ormai trito. La storia è infantile e semplicistica. Se devo sorbirmi un gruppo di uomini bianchi iperaggressivi e intercambiabili e una quota minima di minoranze etniche che dicono frasi agghiaccianti accompagnati da una colonna sonora rock, preferisco guardare un film di Tarantino. Leggi

La gravidanza è usata per controllare il corpo delle donne

Da settimane YouTube continua a ricordarmi che mi devo sbrigare ad avere un bambino. Qualche tempo fa ho disattivato Adblock in preda al senso di colpa per tutti i giornali che leggo gratis su internet, e da allora non riesco ad ascoltare un disco death metal senza dovermi sorbire trenta secondi di donne assennate dai capelli lunghi e morbidi che cercano di vendermi un test di gravidanza. Leggi

Uomini politici che odiano le donne

I politici di destra hanno lanciato un assalto alla libertà sessuale delle donne e ai diritti degli omosessuali, attaccando il matrimonio gay e l’aborto, e perfino la contraccezione. Leggi

Margaret Thatcher, una storia improbabile

Non è stata una buona idea andare a vedere The iron lady, il film su Margaret Thatcher, in compagnia di sette anarchici che si sono fatti forza con una pinta di sidro prima di entrare al cinema. Leggi

pubblicità