Mali

Mali

Capitale
Bamako
Cambio
Ora locale
Borsa
Meteo
Pil pro capite
Temperatura
Popolazione
Moneta
Franco CFA
Superficie
Il gruppo Stato islamico trova terreno fertile nel Sahel

Le cellule jihadiste si concentrano tra queste sabbie dimenticate, finanziandosi con narcotraffico, tasse imposte alle popolazioni locali, sfruttamento delle miniere d’oro informali e sequestri di cittadini occidentali. Leggi

Gli incontri di Bamako

Fino al 31 gennaio in Mali si svolge la 12esima edizione della Biennale di fotografia e video Les Rencontres de Bamako. In mostra le opere di 85 artisti. Leggi

pubblicità
Nel Sahel i jihadisti hanno scoperto una miniera d’oro

Dopo aver perso terreno in Medio Oriente, i gruppi legati ad Al Qaeda e al gruppo Stato islamico si stanno espandendo in Africa e sfruttano le miniere d’oro in tutta la regione. Leggi

In Sahel l’esercito francese alle prese con la “sindrome afgana”

I tredici morti francesi durante un’operazione contro i jihadisti in Mali parlano di una guerra impossibile da vincere ma anche impossibile da abbandonare. Leggi

Nulla può fermare la fuga dei giovani dal Mali

“Basta che uno chiami per dire che è arrivato in Italia e il giorno dopo ne partono altri dieci”. Il secondo episodio di Storie InterRotte è ambientato nel villaggio di Soumaila Sacko, il sindacalista ucciso in Calabria lo scorso giugno. Leggi

pubblicità
Speranze e paure di un villaggio del Mali

“Solo quando saremo liberi di viaggiare tutto questo finirà”. Se esistessero vie legali per arrivare in Europa, i giovani maliani non si affiderebbero a trafficanti senza scrupoli. Il primo episodio della serie sulle frontiere Storie InterRotte. Leggi

In Mali la battaglia contro i jihadisti non può essere solo militare

Il 23 marzo una milizia ha ucciso più di cento abitanti in un villaggio nel centro del paese. L’assenza dello stato favorisce lo scontro tra agricoltori e allevatori e la permanenza del jihadismo. Leggi

Storie dall’Africa

Per più di dieci anni, Marco Gualazzini ha documentato guerre, migrazioni e carestie dal Mali all’Etiopia. Il suo lavoro è stato raccolto in un nuovo libro. Leggi

Storie di migranti che hanno scelto di tornare a casa

L’Europa punta sempre di più sui ritorni volontari assistiti dei migranti. Ma tra ritardi e aspettative tradite, sono ancora tanti gli interrogativi. Leggi

Il festival nel deserto in Mali che sfida la guerra dei jihadisti

Musicisti e pubblico hanno affollato la nuova edizione del festival nonostante la guerra che dura da cinque anni. Ma il paese è stanco e il turismo è in declino. Leggi

pubblicità
I giovani del Mali lottano per i loro diritti

Nel paese saheliano le proteste contro il governo e un sistema al collasso si saldano con la solidarietà ai giovani migranti respinti dall’Europa. Leggi

Le macchine da guerra che strangolano l’Africa

In Africa occidentale è in corso una crisi militare, alimentare e ambientale, accentuata dalla presenza di trafficanti di armi, droga, uranio ed esseri umani. Leggi

Contro i jihadisti in Africa nasce il gruppo dei cinque

Sostenuti dall’Unione europea e dall’Onu, i paesi del Sahel cominciano a coordinare i loro eserciti in una piattaforma comune antijihadista. Leggi

Il mondo all’una

Attacco contro una moschea a Londra, il Portogallo in fiamme, Macron conquista anche il parlamento. Cosa è successo nel mondo oggi. Leggi

A Timbuctù senza lavoro e giustizia la guerra non finirà mai veramente

In questa stagione a Timbuctù il cielo si vela di una patina ocra e l’harmattan soffia calore e polvere trasformando la città in una fornace. Anche quando non aspetta visite, la porta di casa di Mahamane è sempre aperta. “Ce ne hai messo di tempo, giovane”. In effetti è passato più di un anno. Allora si poteva ancora raggiungere via terra Timbuctù e Gao, città sorella del nord Mali, a bordo di autobus, taxi collettivi, piroghe o battelli sul fiume Niger. Oggi, invece, l’aereo bianco della missione delle Nazioni Unite è l’unico mezzo sicuro per venire a trovare Mahamane. Leggi

pubblicità
Annullato il Festival au désert in Mali per il pericolo dei nuovi attentati.
Annullato il Festival au désert in Mali per il pericolo dei nuovi attentati. Il festival di musica tradizionale che si sarebbe dovuto tenere il prossimo finesettimana a Timbuktu è stato annullato, dopo che a Gao in un attentato sono morte 77 persone.
Sono 77 le vittime dell’attacco suicida in Mali.
Sono 77 le vittime dell’attacco suicida in Mali. Un’autobomba è esplosa il 18 gennaio in una base militare a Gao, nel nord del paese. L’attentato è stato rivendicato dal gruppo estremista islamico Al Morabitoun. Il nuovo bilancio delle vittime è stato diffuso dall’esercito francese, intervenuto nel paese nel 2013 insieme ai caschi blu delle Nazioni Unite della missione Minusma per combattere i gruppi jihadisti.
Attacco suicida in Mali, il bilancio arriva a 50 vittime.
Attacco suicida in Mali, il bilancio arriva a 50 vittime. Un’autobomba è esplosa in una base militare a Gao, in Mali. Gao è la principale città del nord del Mali e rimane scenario di tensioni tra esercito e jihadisti nonostante l’intervento armato dei francesi nel 2013 e dei caschi blu delle Nazioni Unite della missione Minusma. L’attentato è stato rivendicato dal gruppo estremista islamico Al Morabitoun.
I rimpatri dei migranti maliani mettono alla prova gli accordi tra Europa e Africa

Lo scorso 29 dicembre sono atterrati a Bamako più di 150 migranti maliani. Molti avevano chiesto di tornare a casa, ma non tutti rientrano volontariamente. Le espulsioni di migranti africani dai paesi europei sono sempre più frequenti, anche per colpa degli accordi con cui Bruxelles cerca di bloccare i flussi migratori a ogni costo. Leggi

Un’operatrice umanitaria francese è stata rapita a Gao, in Mali.
Un’operatrice umanitaria francese è stata rapita a Gao, in Mali. Il Ministero degli esteri francese ha confermato che Sophie Petronin è stata rapita il 24 dicembre nella città di Gao nel nord del paese e che le autorità francesi e maliane stanno lavorando insieme per ritrovarla e liberarla al più presto. Il rapimento non è ancora stato rivendicato e non è chiaro il motivo per cui sia stata rapita. Petronin lavora con una piccola non profit chiamata Aide Gao, che aiuta i bambini che soffrono di malnutrizione.
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.