Sierra Leone

Sierra Leone

Capitale
Freetown
Cambio
Ora locale
Borsa
Meteo
Pil pro capite
Temperatura
Popolazione
Moneta
Leone sierraleonese
Superficie
Il mondo in breve

Trump accusa entrambe le parti per le violenze di Charlottesville, a Freetown i morti sono almeno 400, la rabbia della madre di Giulio Regeni: cos’è successo oggi nel mondo. Leggi

Dieci video da non perdere pubblicati quest’anno su Internazionale

La battaglia di Máxima Acuña contro la multinazionale dell’oro, la Sierra Leone dopo la fine dell’epidemia di Ebola, il documentario su Mohammad Ali e i lavoratori cinesi a scuola di sciopero: i video più belli scelti da Internazionale nel 2016. Leggi

pubblicità
L’epidemia di ebola è finita, tutti allo stadio

Durante l’epidemia di ebola in Sierra Leone gli assembramenti in pubblico sono stati vietati. Dopo quasi due anni lo stadio ospita una partita di calcio della nazionale. Il reportage di Paul Myles e Davide Morandini. Leggi

Le madri adolescenti durante l’epidemia di ebola

“Durante la crisi le ragazze non pensavano al rischio che correvano andando con gli uomini. Pensavano solo a mantenere le loro famiglie”. Al tempo dell’epidemia di ebola le persone avevano paura del contatto fisico, ma in alcune regioni della Sierra Leone le gravidanze tra adolescenti sono aumentate del 65 per cento. Il reportage di Paul Myles e Davide Morandini. Leggi

L’amore al tempo dell’ebola

Due ragazzi della Sierra Leone si sono innamorati durante l’epidemia di ebola, quando i contatti fisici tra le persone erano ridotti al minimo. Per sei mesi hanno comunicato solo attraverso il telefono. Poi il virus è stato debellato e si sono potuti abbracciare per la prima volta. Il reportage di Paul Myles e Davide Morandini. Leggi

pubblicità
I ragazzi della gang di Freetown che hanno lottato contro l’ebola

I Tripoli boys sono una gang di Freetown, in Sierra Leone. Durante l’epidemia di ebola si sono guadagnati la fiducia degli abitanti della baraccopoli Moa Wharf aiutando le persone a combattere la diffusione e gli effetti della malattia. Il reportage di Paul Myles e Davide Morandini. Leggi

Gli stupri legati all’ebola di cui nessuno parla

Gli operatori sanitari hanno tenuto il conto dei malati di ebola, ma le adolescenti come Tina Williams, vittime di violenze sessuali, sono state ignorate. Solo nel 2016 si è saputo che, durante l’epidemia di ebola, in Guinea, in Liberia e in Sierra Leone le gravidanze in età adolescenziale sono decuplicate a causa di un aumento degli stupri provocato dalla diffusione del virus. Leggi

L’Oms dichiara la fine dell’epidemia di ebola in Sierra Leone.
L’Oms dichiara la fine dell’epidemia di ebola in Sierra Leone. Al momento non risultano casi di contagio in tutta l’Africa occidentale, ha aggiunto l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms).
Il presidente della Sierra Leone blocca la legge sull’aborto
Il presidente della Sierra Leone blocca la legge sull’aborto. A dicembre la legge era stata approvata all’unanimità dal parlamento, ma il presidente Ernest Bai Koroma si è rifiutato di firmarla in seguito alle ferme proteste dei leader religiosi del paese. La legge prevede che le donne incinte possono interrompere la gravidanza in ogni caso entro le prime dodici settimane. Un termine posticipato a 24 settimane in caso di incesto o stupro. Secondo l’Oms in Sierra Leone c’è il tasso di mortalità materna più alto del mondo.
pubblicità
Secondo caso di ebola registrato in Sierra Leone
Secondo caso di ebola registrato in Sierra Leone. L’hanno confermato le autorità locali e l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). La persona che ha contratto il virus è una studentessa di 22 anni, parente di Marie Jalloh, la donna morta di ebola la settimana scorsa. Il 14 gennaio l’Oms aveva dichiarato l’Africa occidentale libera dal virus.
Cento persone in quarantena in Sierra Leone.
Cento persone in quarantena in Sierra Leone. Dopo la conferma di una nuova vittima dell’ebola arrivata il 15 gennaio, le autorità sanitarie hanno messo in quarantena un centinaio di persone che sono entrate in contatto con lei. Il 14 gennaio l’Organizzazione mondiale della sanità aveva dichiarato l’Africa occidentale libera dal virus.
Confermata una vittima dell’ebola in Sierra Leone
Confermata una vittima dell’ebola in Sierra Leone. Poche ore dopo che l’Organizzazione mondiale della sanità aveva dichiarato l’Africa occidentale libera dal virus, è arrivata la conferma che la morte di una persona nel distretto di Tonkolili, al centro del paese, è stata causata proprio dall’ebola. La Sierra Leone era stata dichiarata libera dal virus il 7 novembre 2015.
L’Africa occidentale è libera dall’ebola

Il 14 gennaio l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha annunciato la fine dell’epidemia di ebola nell’Africa occidentale, dopo che il virus è stato debellato anche in Liberia. Il video dell’Afp. Leggi

Sopravvivere all’ebola

Il 14 gennaio l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha annunciato la fine dell’epidemia di ebola nell’Africa occidentale, dopo che il virus è stato definitivamente debellato anche in Liberia. Si è trattato della più grave epidemia di ebola della storia, che ha causato almeno 11.315 morti. Leggi

pubblicità
L’epidemia di ebola è finita, ora bisogna curare le economie dei paesi colpiti 

Alla vigilia dell’annuncio ufficiale, atteso per il 14 gennaio, della fine della più grave epidemia di ebola della storia (almeno 11.315 morti), i tre paesi più colpiti dell’Africa occidentale contano i danni subiti dalle loro economie. Leggi

La Guinea è stata dichiarata libera dal virus ebola
La Guinea è stata dichiarata libera dal virus ebola. L’annuncio è stato fatto dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). L’epidemia ha colpito per la prima volta il paese due anni fa e ha ucciso più di 2.500 persone. In Sierra Leone e Liberia ha causato altre 9mila vittime. La Sierra Leone è stata dichiarata libera dal virus a novembre, ma nuovi casi sono emersi in Liberia.
Nuovo caso di ebola in Liberia.
Nuovo caso di ebola in Liberia. L’Organizzazione mondiale della sanità ha confermato un nuovo contagio nel paese, dopo che a settembre il virus era stato considerato debellato. L’ultima epidemia di ebola, scoppiata nel 2013, ha ucciso più di 11mila persone in Liberia, Guinea e Sierra Leone.
Come prevenire altre epidemie simili a quella dell’ebola

Un gruppo di scienziati statunitensi ha sviluppato un modello che prevede il diffondersi delle epidemie basandosi su pochi fattori geografici e di popolazione. Ma i dati sull’andamento dei casi sono stati scarsi, soprattutto in alcune regioni. Leggi

Terminata l’epidemia di ebola in Sierra Leone
Terminata l’epidemia di ebola in Sierra Leone. Lo ha dichiarato l’Organizzazione mondiale per la sanità (Oms), perché non ci sono contagi da 21 giorni. L’Oms considera domato il virus anche in Liberia, mentre si registrano ancora casi in Guinea. Nei tre paesi sono morte più di 11.300 persone per l’epidemia scoppiata nel 2013, la più grave dall’identificazione del virus in Africa centrale nel 1976.
pubblicità