Sono la mamma single di due quasi adolescenti e penso che sia ora di poterle lasciare sole qualche ora per andare a fare un aperitivo o qualcosa del genere. Ma ogni volta che ci provo poi mi sembra di abbandonarle e rinuncio. Mi dovrei forzare?–Elga

Chi non è genitore single fatica a capire il carico di responsabilità che comporta questa situazione. Stai crescendo le tue figlie come unico punto di riferimento e di sicuro ne senti il peso sulle spalle. Se non ci sei, sono sole. Il fatto, però, è che non devi essere presente fisicamente tutto il tempo per fargli sentire che ci sei.

È sano per te e per loro che ti conceda un po’ di socialità tra adulti. Per uscire più tranquilla ti consiglio innanzitutto tre cose che ti faranno sentire più sicura: trova una persona nel tuo palazzo – il portiere, una vicina – a cui le ragazze si possono rivolgere in caso d’emergenza; fai in modo che ci sia un telefono in casa; indica alle tue figlie alcune cose da non toccare mentre non ci sei tipo coltelli, candele, eccetera.

E poi un trucco fondamentale: rendi la tua uscita speciale anche per loro. Prima di tutto scegli una sera del fine settimana, così l’atmosfera è più leggera. E poi ordina alle ragazze il loro piatto preferito (di questi tempi un pokè fa la gioia di ogni preadolescente) e organizzagli la visione di un film che gli piaccia. Per loro sarà una serata speciale che le farà sentire super coccolate e per niente abbandonate. Tra poco le tue ragazze diventeranno adolescenti ed è ora di cominciare a fare qualche prova d’indipendenza, per loro e per te.

Questo articolo è uscito sul numero 1459 di Internazionale, a pagina 12. Compra questo numero | Abbonati