Sommario

666 (3/9 novembre 2006)

Rimandato

Il governo Prodi visto dalla stampa straniera

666 (3/9 novembre 2006)

Sindromi

La sindrome di Parigi: una forma di stress e depressione che colpisce i turisti rimasti profondamente delusi dalla loro meta. Tra i sintomi, anche leggere allucinazioni. Capita ai giapponesi che visitano Parigi: convinti di arrivare nella città degli innamorati, cadono in preda al panico perché i negozianti li trattano male e nella metropolitana vengono derubati. Miyupi Kusama, funzionario dell’ambasciata giapponese a Parigi, spiega che la sindrome colpisce circa venti giapponesi all’anno ed è stata diagnosticata per la prima volta alcuni anni fa. Dall’inizio del 2006, almeno quattro turisti sono già stati rimpatriati. Sindrome di Roma: una forma di stress e depressione che colpisce quegli elettori italiani che hanno votato per Romano Prodi aspettandosi un governo magari non rivoluzionario ma almeno serio, coraggioso, coerente, e che oggi sono profondamente delusi. Allora la domanda è: rimpatriati, sì, ma dove? Leggi

In copertina

L’Italia ai tempi di Prodi

In campagna elettorale il leader del centrosinistra aveva promesso grandi cambiamenti. Ma la finanziaria ha deluso elettori e alleati. La stampa europea fa il bilancio dei primi mesi del nuovo governo

pubblicità

In copertina

Missione impossibile

Il presidente del consiglio cerca di conciliare riforme economiche e aumento delle tasse. Una manovra difficile

Stati Uniti

Obama, è nata una stella

Il 7 novembre si rinnova il congresso, ma gli occhi di tutti sono puntati su Barack Obama: ha 45 anni, è carismatico ed è l’unico senatore nero. Sarà lui il prossimo inquilino della Casa Bianca?

Messico

Il vulcano che dorme

In Messico la guerriglia non è mai scomparsa. E in alcune zone del paese, come a Oaxaca, ha un forte sostegno popolare. Ma non ha i mezzi per condizionare la politica su scala nazionale

pubblicità

Economia

Case vista guerra

Libano, Siria, Giordania e Algeria sono le nuove frontiere del mercato immobiliare di lusso. In attesa degli europei, per ora si fanno affari con i clienti del Golfo Persico

Portfolio

I nuovi padroni

Di Francesco Zizola

Ritratto

Beatriz De Moura. Editrice divinaBeatriz De Moura.

Nel 1968 ha fondato una casa editrice. La redazione era nel suo piccolo appartamento di Barcellona. Oggi pubblica i più grandi nomi della letteratura contemporanea

Viaggi

Il paese di Nanook

A causa del riscaldamento globale, piante e animali sono già molto cambiati. E tra meno di cinquant’anni potrebbero sparire i ghiacci su cui vivono. Cronaca di una crociera estiva nell’Artico canadese

Economia e lavoro

Atterraggio morbido per gli Stati Uniti

pubblicità

Scienza e tecnologia

Il sorriso di mamma, il broncio di papà

Africa e Medio Oriente

Un premio al miglior presidente dell’anno

Americhe

Il Canada aggira il protocollo di Kyoto

Asia e Pacifico

Timor Leste sull’orlo del precipizio

Europa

La nuova costituzione non interessa i serbi

pubblicità

Cultura

Cinema, libri, musica, tv

Società

Storie vere, cruciverba e altro

Opinioni

Il numero: 5%

Opinioni

La parola: treebank

Opinioni

Bloccati dagli americani

pubblicità

Opinioni

Quel poveretto

Opinioni

Le mani sporche

Opinioni

Intervento necessario

Pellicola o digitale?

In Gran Bretagna il 95 per cento del volume d’affari della Nikon ormai è legato alla fotografia digitale. Leggi

Opinioni

Joyce e Proust al Majestic

Opinioni

La vita è bellissima

Opinioni

Banda bassotti

Opinioni

La telenovela del Malawi

Attento a come parli

Quando leggo un romanzo d’esordio e m’imbatto in qualche parolaccia, mi viene spontaneo un sorrisetto e penso: “Oddio, com’è infantile!” Leggi

Opinioni

Istruzioni per l’uso

Opinioni

Action figure

Opinioni

Cricket in bianco e nero

Opinioni

Il sindaco in prigione

Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.