Il Regno Unito ha votato per uscire dall’Europa

Nel referendum di giovedì 23 giugno, il 51,9 per cento dei britannici ha detto di voler lasciare l’Unione europea, contro il 48,1 per cento che preferirebbe restare. Il premier David Cameron ha annunciato le sue dimissioni entro ottobre.

La nostra Europa era un’altra

L’Europa non è nata a Schengen, a Maastricht e nemmeno a Lisbona, ma a Srebrenica nel 1995 con l’ondata di rabbia che seguì in ogni paese quando si scoprirono quei massacri, o a Genova nel 2001 – quando per la prima volta temi come l’ecologia, un nuovo welfare, i diritti civili, il pacifismo e il contrasto a un capitalismo estrattivo furono posti al centro dell’agenda politica. Leggi

L’Europa preme per un’uscita veloce del Regno Unito

I paesi fondatori dell’Unione europea vogliono che Londra avvii al più presto i negoziati per l’uscita dal blocco: lo ha dichiarato il ministro degli esteri tedesco Frank-Walter Steinmeier, che oggi ha riunito a Berlino i ministri degli esteri degli altri cinque paesi che sessant’anni fa hanno fondato l’Unione.

Francia, Italia, Germania, Belgio, Olanda, Lussemburgo hanno scelto quindi di esercitare pressione sul governo britannico, per evitare che si prolunghi una fase di instabilità, dopo che la maggioranza dei suoi cittadini si è espressa a favore dell’uscita dalla comunità nel referendum del 23 giugno. “I negoziati devono cominciare il prima possibile”, ha dichiarato a nome di tutti Steinmeier, circondato dalle bandiere azzurre dell’Unione e dagli altri ministri.

pubblicità
Lo sgomento di un italiano a Londra

A Lambeth, la circoscrizione di Londra sud in cui vivo, misto di lingue e di etnie, lavoratori e giovani professionisti, il 79 per cento ha votato per restare nell’Unione europea. Ancora a dieci minuti dalla chiusura dei seggi, attivisti entusiasti continuavano a distribuire volantini a favore del remain, salutati con allegria dalla gente che usciva dalla metropolitana di Brixton. Leggi

Dieci canzoni per sopravvivere alla Brexit

Sex Pistols, The Specials, The Kinks, The Jam, Blur, The Smiths, PJ Harvey, The Clash, Joe Jackson, Monty Python: un po’ di musica per affrontare i risultati del referendum. Leggi

Chi è Nigel Farage

Mentre David Cameron ha annunciato le sue dimissioni subito dopo la vittoria della Brexit, il leader del partito per l’indipendenza del Regno Unito (Ukip) Nigel Farage, ha esultato, dichiarando pubblicamente il 23 giugno festa dell’indipendenza nazionale. Leggi

pubblicità
Chi guadagna e chi perde con l’uscita del Regno Unito dall’Europa

I mercati avevano scommesso sulla vittoria dei sostenitori dell’Unione europea al referendum, ma la vittoria della Brexit li ha scioccati; da Tokyo a New York tutti gli indici delle borse hanno accusato pesanti perdite. Ecco secondo gli analisti chi potrebbe guadagnare e chi invece potrebbe perdere dall’uscita del Regno Unito dall’Unione europea. Leggi

Cinque grafici per capire meglio i risultati del referendum sulla Brexit

Il 23 giugno del 2016 i cittadini britannici hanno votato a favore dell’uscita del Regno Unito dall’Unione europea. L’opzione leave ha vinto con il 51,9 per cento, contro il 48,1 per cento del remain. L’Economist definisce il risultato “una tragica separazione”, mentre il Financial Times parla di quello che sarà “il divorzio più complicato del mondo”. Leggi

I commenti dei giornali europei sul referendum

Secondo i giornali europei la vittoria del leave nel referendum del 23 giugno sulla permanenza del Regno Unito nell’Unione europea è una pessima notizia per l’Europa, che ne esce indebolita come entità e come progetto, ma anche per il Regno Unito, che compie un salto nel buio. Leggi

Una separazione tragica

L’impensabile è diventato irreversibile. Solo un anno fa pochissime persone avrebbero immaginato che schiere di cittadini britannici che amano lamentarsi dell’Unione europea avrebbero votato per l’uscita. Eppure, dalle prime ore del 24 giugno, è stato chiaro che, dopo più di quattro decenni nell’Ue, gli elettori erano pronti a fare un salto nell’ignoto. Leggi

Le foto dal Regno Unito dopo il referendum

Il 23 giugno i cittadini britannici hanno votato in favore dell’uscita dall’Unione europea con il 51,9 per cento dei voti. Il premier britannico David Cameron, dopo aver ricevuto i dati definitivi del referendum, ha annunciato le dimissioni. Leggi

pubblicità
La prima pagina di Le Monde

“Il Regno Unito lascia l’Europa”

Le reazioni dei politici e dei londinesi

I cittadini britannici hanno votato a favore dell’uscita dall’Unione europea con il 51,9 per cento dei voti. Le reazioni del primo ministro David Cameron, del leader dell’Ukip Nigel Farage, del presidente del Consiglio europeo Donald Tusk e di alcuni cittadini londinesi. Le immagini dell’Afp. Leggi

Un paese diviso a metà

Per il referendum sulla Brexit del 23 giugno si è votato in 382 circoscrizioni. Il leave (lasciare) ha vinto con il 51,9 per cento, contro il 48,1 per cento del remain (restare): i cittadini che vogliono lasciare l’Unione europea sono 17,4 milioni, contro i 16,1 milioni che vogliono rimanere. L’affluenza è stata del 72,2 per cento.

Le prime pagine dei giornali britannici

Il 23 giugno gli elettori britannici hanno votato a favore dell’uscita del loro paese dall’Unione europea. Il leave (lasciare) ha vinto con il 51,9 per cento, contro il 48,1 per cento del remain (restare). I giornali britannici reagiscono soprattutto con sgomento a una notizia che cambierà la storia del paese e dell’Europa. Leggi

La Scozia apre al secondo referendum per l’indipendenza

Nicola Sturgeon, prima ministra scozzese e leader dello Scottish national party, ha dichiarato che l’opzione per un secondo referendum è “sul tavolo”. Ci sono molte persone che hanno votato contro l’indipendenza che hanno cambiato idea in seguito al referendum sulla Brexit, ha spiegato Sturgeon.

Nicola Sturgeon ha commentato: “Sono orgogliosa della Scozia e di come abbiamo votato ieri. Abbiamo detto chiaramente che non vogliamo lasciare l’Unione europea”.

pubblicità
Chi resta e chi se ne va
I cittadini britannici hanno votato a favore dell’uscita dall’Unione europea. L’opzione leave (lasciare) ha vinto con il 51,9 per cento, contro il 48,1 per cento del remain (restare).
Modi e tempi per l’uscita dall’Unione europea

Il “divorzio” tra Regno Unito e Unione europea non sarà una cosa semplice. Le procedure esistono ma non sono mai state usate. Cosa dicono i trattati? Chi deve fare il primo passo? Leggi

Il fallimento di David Cameron apre la strada al populismo in Europa

È difficile ora prevedere cosa succederà nelle prossime ore e nei prossimi giorni. Ma alcuni elementi di riflessione sono già presenti: sul futuro del Regno Unito, sulle conseguenze per l’Unione europea e sulla democrazia. Leggi

Donald Trump definisce la Brexit “una grande cosa”

Il candidato repubblicano alla presidenza statunitense si è congratulato con i cittadini britannici, che secondo lui “si sono ripresi il loro paese”. Lo ha fatto mentre inaugurava il suo villaggio turistico Trump Turnberry in Scozia.

pubblicità