A pranzo con

Izzedin Elzir: volevo studiare la moda italiana

È l’imam di Firenze e un convinto promotore del dialogo interreligioso. Originario di Hebron, in Cisgiordania, ha lasciato il suo paese durante la prima intifada e ha visto crescere la comunità islamica in Italia. Leggi

Antonia Caruso: portavoce fantasiosa

Attivista e formatrice, si batte per i diritti delle persone che non si riconoscono nel genere assegnato alla nascita. E contro le categorie rigide che ingabbiano le identità. Ai proclami astratti preferisce l’azione concreta. Leggi

pubblicità
Massimo Pericolo: come il lago che bagna la spiaggia

Dopo l’esperienza del carcere ha fatto due dischi rap di successo. Con la sua musica racconta i luoghi della provincia lombarda dov’è cresciuto, che non vuole abbandonare. Leggi

Irma Testa: la boxe è stata solo un mezzo

Ha lasciato Torre Annunziata a 15 anni. Ha letto Dostoevskij, si è allenata, è cresciuta. Nel 2021 ha vinto il bronzo a Tokyo diventando la prima italiana campionessa olimpica di pugilato. Leggi

Agostino Riitano: artigiano dell’immaginario

Esperto di rigenerazione urbana, ha scommesso sulla candidatura di Procida a capitale della cultura. È convinto che per valorizzare un luogo sia indispensabile coinvolgere la comunità che ci vive. Leggi

pubblicità
Gian Maria Tosatti: l’arte deve essere democratica

Rappresenta l’Italia alla Biennale di Venezia ed è il nuovo direttore artistico della Quadriennale di Roma. Al centro del suo lavoro c’è il tema dello spazio. E la missione di andare incontro al grande pubblico. Leggi

Luciana Castellina: la politica è un lavoro lungo e faticoso

Giornalista, militante e parlamentare comunista, più volte eurodeputata, ha attraversato la storia della sinistra italiana. Oggi frequenta i circoli dei giovani. E non ha perso il senso dell’umorismo. Leggi

Mace:  la musica e la psichedelia sono la mia cura

È uno dei più importanti produttori del rap italiano. Compone e arrangia brani per altri musicisti, ma ha anche fatto un disco solista che è stato uno dei più ascoltati del 2021. Leggi

Shi Yang Shi: la comunità cinese non è un mistero

È arrivato in Italia a 11 anni dal nord della Cina. Scrive libri e spettacoli teatrali per raccontare l’esperienza di un sinoitaliano alle prese con i problemi della sua generazione. Leggi

Valeria Campagna: politica in comune

Studente universitaria, 24 anni, dal 2016 è consigliera a Latina. Dove vuole ricostruire la comunità. Leggi

pubblicità
Vera Gheno: le parole raccontano chi siamo

Per la sociolinguista non esiste una soluzione perfetta per rendere più inclusiva la lingua italiana. Nel linguaggio c’è posto per tutti, l’importante è rispettare l’idea che ciascuno ha di sé. Leggi

Raffaele Giovine: opposizione dal basso

Eletto consigliere comunale a Caserta dopo anni di attivismo, vuole restituire alle persone voce e spazi pubblici. Leggi

Lucia Martinelli: la scienza è una questione politica

Ricercatrice al Museo delle scienze di Trento, vuole aiutare le ragazze a superare gli stereotipi di genere. Leggi

Marco Philopat: dalla parte del punk

Scrittore e attivista, dagli anni settanta s’interessa alle controculture. Oggi pubblica libri per chi vuole alzare la testa. Leggi

Michele De Palma: ridare senso al lavoro

Il nuovo segretario generale della Fiom è favorevole al salario minimo. E sul passaggio all’auto elettrica guarda avanti. Leggi

pubblicità
Beatrice Rana: il pianoforte come dico io

A 29 anni è una pianista di fama internazionale. Dopo il successo all’estero ha dato vita a un festival nella sua terra d’origine. Leggi

Francesco Zhou Fei: sono un cittadino globale

Arrivato in Italia a cinque anni, è diventato un imprenditore di successo deciso a scardinare gli stereotipi sulla comunità cinese. Leggi

Caterina Rocchi: i fumetti dove c’è spazio per tutti

Dopo aver studiato a Tokyo, a 17 anni ha fondato una scuola di manga a Lucca che attira studenti da tutta Europa. Leggi

Marta Baiocchi: che lingua parlano le cellule

Ricercatrice romana, da più di trent’anni studia la biologia cellulare, che spesso riflette il legame tra scienza e società. Leggi

Alessandro Portelli: il mio viaggio nella memoria

Intellettuale curioso, anglista, attivista e critico musicale, è uno dei fondatori della storia orale. Alla fine degli anni sessanta intervistava le persone nelle osterie e nelle piazze, oggi raccoglie le voci dei migranti. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.