Ossessioni

Carceri

Cosa succede dietro le mura di una prigione? Ha ancora senso chiudere qualcuno in cella? Dati, notizie e riflessioni sull’universo carcerario.

L’estate in carcere

In molte celle non ci sono docce e non arriva acqua potabile. In altre le finestre sono chiuse in modo da non far passare l’aria. Queste sono le condizioni in cui sono costretti a vivere tantissimi detenuti, spesso in galere sovraffollate. Leggi

Identificabili

C’è un filo rosso che tiene insieme le violenze della polizia a Genova e i pestaggi di Santa Maria Capua Vetere, passando per l’uccisione di Stefano Cucchi e di Federico Aldrovandi. Leggi

pubblicità
Santa Maria Capua Vetere non è un’anomalia

Le violenze della polizia penitenziaria contro i detenuti nell’istituto campano svelano un sistema di abusi diffuso e tollerato. Leggi

Lontano dagli occhi, lontano dal cuore

Una storia a fumetti sulle carceri italiane durante la pandemia, da Rebibbia a Santa Maria Capua Vetere. Pubblicata su Scoop!, il numero di Internazionale Extra uscito nel dicembre 2020. Leggi

Nelle carceri italiane si continua a morire di covid-19

La storia di un detenuto gravemente malato, condannato per reati non gravi e costretto a passare i suoi ultimi giorni in cella, dice molto di un sistema che non protegge né chi ci lavora né chi ci è rinchiuso. Leggi

pubblicità
Un altro anno da dimenticare per il carcere

Cinquantacinque detenuti si sono uccisi, 34 bambini sono in cella con le madri, il sovraffollamento è ancora drammatico. Il coronavirus ha cambiato il modo di concepire la galera? La risposta è nei dodici mesi appena passati, pieni di storie, numeri e fallimenti. Leggi

Distanziamento

10.743.619: è il numero di persone chiuse in carcere nel mondo. Cosa significa “distanziamento fisico” in una prigione sovraffollata? Leggi

Gli avvocati turchi in prigione, tra la vita e la morte

Giovedì 27 agosto, in Turchia, è morta un’avvocata. Di fame. Il suo nome era Ebru Timtik, da 238 giorni rifiutava di nutrirsi. Leggi

La vita in un carcere diverso dagli altri

A Civitavecchia ci sono due prigioni nel raggio di sei chilometri. Una conferma il fallimento del sistema carcerario in Italia. L’altra mostra un’alternativa percorribile, soprattutto dopo la pandemia. Leggi

In Egitto un giovane regista è l’ultima vittima del regime

Shadi Habash è morto, il 2 maggio, a soli 24 anni nella prigione di massima sicurezza di Tora, al Cairo, per cause ancora ignote. La sua unica colpa era quella di aver girato un videoclip ironico sul presidente. Leggi

pubblicità
Tutte le domande sulla rivolta nel carcere di Opera

La sommossa del 9 marzo è stata una delle meno raccontate, al punto che non sembra aver lasciato tracce. Ma i familiari dei detenuti dicono che quelle tracce ci sono e parlano di violenze. Leggi

Proteggere i detenuti è fondamentale per arginare il virus

Ogni settimana negli Stati Uniti duecentomila detenuti entrano ed escono dalle prigioni locali. Un flusso che mette in pericolo loro e le comunità circostanti. Leggi

I detenuti palestinesi nelle carceri israeliane temono per le loro vite

Gli attivisti per i diritti umani palestinesi hanno paura che se il virus si diffondesse nei penitenziari di Israele i loro connazionali malati potrebbero non ricevere le cure necessarie. Leggi

Le rivolte nelle carceri sono il frutto di crisi vecchie e nuove

Da sabato 7 marzo in più di venti istituti ci sono state proteste, anche violente. Le ragioni hanno a che fare sia con l’emergenza coronavirus, sia con le vecchie crisi che vive il carcere da decenni. Leggi

Prigionieri del virus

A causa dell’epidemia molte carceri italiane hanno ristretto permessi premio, visite e attività, rendendo ancora più dure le condizioni dei detenuti. Alcuni istituti hanno scelto però di rendere più facili le comunicazioni con l’esterno. Leggi

pubblicità
Muri

Una favola di Gianni Rodari racconta di un bambino trasparente, che non poteva mentire e i cui pensieri davano speranza alla gente. Un tiranno lo gettò in prigione ma allora successe una cosa straordinaria. Leggi

Chi ha lasciato che questo ragazzo si uccidesse in prigione?

Valerio Guerrieri aveva 21 anni ed era detenuto a Regina Coeli, anche se il tribunale aveva ordinato di scarcerarlo. Perché? Inchiesta su un caso ancora aperto, specchio del fallimento del carcere in Italia. Leggi

Padri in piazza e figli dietro le sbarre

Centinaia di palestinesi si trovano in quella che gli israeliani chiamano detenzione amministrativa. Senza processo, senza il diritto di sapere di cosa sono accusati, senza prove. Leggi

Ti porto a San Vittore 

Il fotografo Nanni Fontana per due anni ha documentato il reparto del carcere milanese in cui i detenuti svolgono attività psicoterapeutiche e partecipano a gruppi di scrittura, lettura e teatro. Leggi

Peter Brook porta sul palcoscenico colpa e redenzione

The prisoner è un dramma filosofico che esplorando il senso della giustizia diventa etico e politico. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.