Ossessioni

Carceri

Cosa succede dietro le mura di una prigione? Ha ancora senso chiudere qualcuno in cella? Dati, notizie e riflessioni sull’universo carcerario.

Abolire il carcere

Sono sempre di più gli attivisti e gli studiosi convinti che mettere le persone in prigione sia il modo sbagliato per contrastare la violenza e rendere più sicura la società. Dall’archivio di Internazionale. Leggi

Perché papà è in carcere?

In Italia centomila bambini e ragazzi hanno uno o entrambi i genitori detenuti. Spesso gli adulti mentono per proteggerli, sbagliando. Una giornata con padri e figli a Bollate per capire come affrontare un tema enorme, che non riguarda solo chi è in cella. Leggi

pubblicità
Nelle carceri non c’è spazio per i diritti delle detenute

Le donne sono appena il 4 per cento della popolazione carceraria italiana. Anche per questo il sistema penitenziario sembra ignorare i loro diritti e le loro necessità. Insieme a quelli dei loro figli. Leggi

Un bilancio pesante

“Più di 65mila persone arrestate, un centinaio di morti in carcere, detenzioni arbitrarie, torture, sospensione dei diritti costituzionali, mancata diffusione di informazioni... Leggi

I libri che non entrano nelle carceri statunitensi

Ai detenuti è sempre più negato il diritto alla lettura: dietro ci sono sia motivi economici sia una forma di censura. Leggi

pubblicità
The Tank, la radio nel braccio della morte

In Texas i condannati a morte e i detenuti in isolamento non possono seguire lezioni o lavorare in prigione, non hanno tablet o televisori. Ma hanno delle radio. Che li aiutano a recuperare la loro umanità. Leggi

La vita nel più grande carcere di New York

Da decenni il complesso penitenziario di Rikers è tristemente noto per la violenza e l’incuria. Ma detenuti, guardie carcerarie e funzionari pubblici raccontano che è sprofondato in un nuovo stato d’emergenza. Leggi

Parto

A fine agosto una donna di 23 anni ha partorito una bambina. Fin qui niente di strano. A parte il fatto che il parto è avvenuto in una cella del carcere romano di Rebibbia, senza nessuna assistenza medica. Leggi

L’estate in carcere

In molte celle non ci sono docce e non arriva acqua potabile. In altre le finestre sono chiuse in modo da non far passare l’aria. Queste sono le condizioni in cui sono costretti a vivere tantissimi detenuti, spesso in galere sovraffollate. Leggi

Identificabili

C’è un filo rosso che tiene insieme le violenze della polizia a Genova e i pestaggi di Santa Maria Capua Vetere, passando per l’uccisione di Stefano Cucchi e di Federico Aldrovandi. Leggi

pubblicità
Santa Maria Capua Vetere non è un’anomalia

Le violenze della polizia penitenziaria contro i detenuti nell’istituto campano svelano un sistema di abusi diffuso e tollerato. Leggi

Lontano dagli occhi, lontano dal cuore

Una storia a fumetti sulle carceri italiane durante la pandemia, da Rebibbia a Santa Maria Capua Vetere. Pubblicata su Scoop!, il numero di Internazionale Extra uscito nel dicembre 2020. Leggi

Nelle carceri italiane si continua a morire di covid-19

La storia di un detenuto gravemente malato, condannato per reati non gravi e costretto a passare i suoi ultimi giorni in cella, dice molto di un sistema che non protegge né chi ci lavora né chi ci è rinchiuso. Leggi

Un altro anno da dimenticare per il carcere

Cinquantacinque detenuti si sono uccisi, 34 bambini sono in cella con le madri, il sovraffollamento è ancora drammatico. Il coronavirus ha cambiato il modo di concepire la galera? La risposta è nei dodici mesi appena passati, pieni di storie, numeri e fallimenti. Leggi

Distanziamento

10.743.619: è il numero di persone chiuse in carcere nel mondo. Cosa significa “distanziamento fisico” in una prigione sovraffollata? Leggi

pubblicità
Gli avvocati turchi in prigione, tra la vita e la morte

Giovedì 27 agosto, in Turchia, è morta un’avvocata. Di fame. Il suo nome era Ebru Timtik, da 238 giorni rifiutava di nutrirsi. Leggi

La vita in un carcere diverso dagli altri

A Civitavecchia ci sono due prigioni nel raggio di sei chilometri. Una conferma il fallimento del sistema carcerario in Italia. L’altra mostra un’alternativa percorribile, soprattutto dopo la pandemia. Leggi

In Egitto un giovane regista è l’ultima vittima del regime

Shadi Habash è morto, il 2 maggio, a soli 24 anni nella prigione di massima sicurezza di Tora, al Cairo, per cause ancora ignote. La sua unica colpa era quella di aver girato un videoclip ironico sul presidente. Leggi

Tutte le domande sulla rivolta nel carcere di Opera

La sommossa del 9 marzo è stata una delle meno raccontate, al punto che non sembra aver lasciato tracce. Ma i familiari dei detenuti dicono che quelle tracce ci sono e parlano di violenze. Leggi

Proteggere i detenuti è fondamentale per arginare il virus

Ogni settimana negli Stati Uniti duecentomila detenuti entrano ed escono dalle prigioni locali. Un flusso che mette in pericolo loro e le comunità circostanti. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.