L’Obs

È un settimanale francese progressista, prima si chiamava Le Nouvel Observateur.
 

Quando la Cina ha scelto la modernità e ha dimenticato la democrazia

Cent’anni fa gli studenti chiedevano la modernizzazione del paese, settant’anni dopo venivano massacrati in piazza Tiananmen. Leggi

Continua l’attacco di Erdoğan alla società civile turca

La Turchia del presidente Recep Tayyip Erdoğan continua a scivolare verso l’autoritarismo. L’ultimo episodio è la richiesta dell’ergastolo per sedici persone. Leggi

pubblicità
La vicenda Khashoggi turba la campagna di Trump contro l’Iran

L’Arabia Saudita è la migliore alleata di Trump nella guerra commerciale a Teheran. Ma dopo l’omicidio del giornalista è diventata una partner imbarazzante. Leggi

La Romania alle prese con la rabbia degli emigrati

Sono milioni i romeni che vivono nel resto d’Europa. Il 10 agosto migliaia hanno manifestato contro il governo a Bucarest, ma hanno ricevuto in cambio manganellate e lacrimogeni. Leggi

L’estrema destra vuole vincere le elezioni europee con la paura

I partiti e gli elettori democratici dovranno fare attenzione, perché populisti e nazionalisti potrebbero diventare la prima forza del parlamento europeo. Leggi

pubblicità
La prima volta dello Zimbabwe alle urne senza Mugabe

I despoti di solito lasciano il potere da morti o costretti con la forza, come Mugabe deposto dall’esercito. Ma il Camerun e l’Algeria vivono situazioni simili. Leggi

La guerra commerciale di Trump avvicina Europa e Cina

Lanciandosi contemporaneamente contro Pechino e Bruxelles, Donald Trump ha provocato l’avvicinamento dei due blocchi che ha preso di mira. Leggi

Benvenuti nel mondo dei nuovi rapporti di forza

L’Unione europea dovrebbe confermare i princìpi del multilateralismo per sopravvivere a Donald Trump e alle destre nazionaliste che hanno preso piede nel vecchio continente. Leggi

Cosa aspettarsi da Trump negli incontri con la Nato e Putin

A Bruxelles e a Mosca diventerà più chiaro se è possibile ostacolare il tentativo di Trump di smantellare le basi dell’attuale sistema di governo mondiale. Leggi

Taiwan resiste alle minacce della Cina

In un mondo dove l’arretramento della democrazia sta diventando la norma, si tende a dimenticare quei luoghi dove gode di buona salute. È il caso di Taiwan. Leggi

pubblicità
I Mondiali li ha già vinti Putin

Forte dei successi in Siria e dell’ossigeno economico e diplomatico ottenuto dalla Cina, il presidente russo aprirà la Coppa del mondo presentandosi come esempio di stabilità. Leggi

Le ambiguità del forum di Oslo per i diritti umani

Un sincero slancio umanitario è finito a vantaggio della realpolitik e della dottrina del “cambiamento di regime”, usata per imporre la democrazia con l’intervento armato. Leggi

Nella vicenda Babčenko la vera vittima è la fiducia

La messa in scena dell’omicidio del giornalista russo in esilio Arkadij Babčenko solleva delle domande: cosa succederà se un reporter sarà davvero ucciso? Chi ascolteremo? A chi potremo credere? Leggi

L’impossibile divorzio tra Europa e Stati Uniti

Nonostante la presenza di Trump, l’Europa non uscirà dalla sua alleanza storica con gli Stati Uniti, perché non ha né la capacità né la volontà di lanciarsi in questa costosa avventura. Leggi

Dopo il massacro di Gaza deve cambiare qualcosa

Il governo e buona parte degli abitanti di Israele si comportano da anni come se la questione palestinese non esistesse più, come se lo statu quo potesse durare in eterno. Leggi

pubblicità
Chi dà una mano a Trump nello scontro con l’Iran

Il mondo lo considera un isolazionista. Ma da Israele all’Arabia Saudita, il presidente statunitense non è il solo a volere il rovesciamento del regime a Teheran. Leggi

Riusciranno gli europei a salvare l’accordo con l’Iran?

Trump ha tre opzioni: prolungare l’accordo e scontentare il suo elettorato; seguire l’istinto, Israele e i consiglieri cancellando tutto; o imboccare la via di mezzo suggerita dal suo “amico” Macron. Leggi

Madeleine Albright lancia un monito contro il fascismo

Se le forze illiberali hanno il vento in poppa è perché offrono risposte semplicistiche a problemi complessi a cui le vecchie democrazie non hanno saputo trovare soluzioni. Leggi

La politica estera di Trump è piena di contraddizioni

La svolta diplomatica nei confronti di Pyongyang è di sicuro una cosa positiva. Ma l’ostilità di Trump per l’accordo sul nucleare iraniano potrebbe renderla inutile. Leggi

Cosa spinge Macron a seguire Trump

L’elezione del presidente francese era stata accolta come un argine al populismo. Ma adesso l’intesa con Trump sulla Siria crea un clima di confusione. Leggi

pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.