Medio Oriente

Washington cerca una strategia diversa in Medio Oriente

Joe Biden ha lanciato due iniziative diplomatiche: fare luce sull’omicidio del giornalista saudita Khashoggi e cercare un dialogo sul nucleare iraniano. Primi test per riparare in parte agli errori commessi da Donald Trump nella regione. Leggi

Perché torna il dialogo tra i paesi del golfo Persico

Il recente accordo riflette una combinazione di vecchi metodi che non hanno funzionato e nuove promettenti realtà nella diplomazia tra i paesi arabi. E permette di analizzare il modo in cui questi paesi prendono le loro decisioni. Leggi

pubblicità
Dieci film per rivivere le rivolte del Medio Oriente

Il cinema dei paesi arabi offre una ricca scelta di film che raccontano l’utopia delle rivoluzioni, riflettono sul potere delle immagini e permettono anche di sperare. Leggi

Cosa resta della rivoluzione di piazza Tahrir

In Tunisia i giovani si scontrano con la polizia per chiedere riforme; in Egitto il pugno di ferro di Al Sisi impedirà di ricordare le proteste di piazza Tahrir. Il malcontento e l’esasperazione però sono ancora forti e si preparano a esplodere. Leggi

Joe Biden avrà pochi amici in Israele 

Gli attacchi dell’aviazione israeliana in Siria possono essere collegati alla transizione negli Stati Uniti, dove si insedierà un presidente che vorrebbe riaprire il dialogo sul nucleare iraniano, da sempre ostacolato da Israele. Leggi

pubblicità
Una nuova newsletter sul Medio Oriente

Arriva una volta alla settimana, il mercoledì, e racconta cosa succede nella regione. Leggi

A Israele tutto è concesso

L’uccisione di Mohsen Fakhrizadeh non è stato il primo omicidio di uno scienziato iraniano da parte dei servizi segreti israeliani. Eppure chiedersi se siano azioni legittime è quasi un’eresia. Leggi

In Medio Oriente i cittadini non si fidano più dello stato

Già dalla fine del secolo scorso i cittadini arabi hanno cominciato a perdere fiducia nella credibilità, e a volte nella legittimità, delle autorità statali. Preferendo rivolgersi a gruppi armati, religiosi o tribali. Leggi

Israeliani e sauditi lanciano un avvertimento a Joe Biden

In un incontro segreto a Riyadh si sarebbe discusso di come far sì che il futuro presidente statunitense non riprenda il dialogo sul programma nucleare iraniano. Leggi

In Iraq e in Libano resta la voglia di cambiamento

Le rivendicazioni politiche dei manifestanti rivelano un coraggio nuovo: i libanesi e gli iracheni chiedono di rimuovere il sistema di governo confessionale e di rimpiazzarlo con un parlamento in cui ci sia spazio per tutti. Leggi

pubblicità
Il Nagorno Karabakh sembra il Medio Oriente

Prendete un conflitto territoriale di trent’anni fa. Aggiungeteci una dimensione religiosa e una retorica quasi sacra da entrambi i lati. Siamo nel Caucaso ma si comincia già a sentire aria di Medio Oriente. Leggi

Sette giorni in Medio Oriente

Al Middle East now di Firenze si racconta la cultura mediorientale contemporanea attraverso il cinema, i fumetti, le arti visive, il cibo e la musica. Leggi

A Marsiglia ci s’immerge nelle sonorità del Medio Oriente

La mostra L’orient sonore, aperta fino al prossimo gennaio, esplora la grande diversità musicale di una regione dove tanti generi rischiano di scomparire. Leggi

La pace tra Israele e i paesi del Golfo voluta dalla Casa Bianca

Per alcuni è solo un’occasione elettorale organizzata da Trump, per altri una svolta importante per la pace in Medio Oriente. Ma comunque la si guardi, la questione palestinese è la grande assente dall’equazione geopolitica. Leggi

La distensione tra Israele ed Emirati Arabi Uniti significa vera pace?

La normalizzazione dei rapporti tra Tel Aviv e l’emirato segna un cambiamento nella regione in cui nuove minacce riavvicinano vecchi nemici mentre la grande sconfitta è la Palestina, che sembra aver perso peso politico tra gli alleati arabi. Leggi

pubblicità
Gli ultimi giorni del vecchio Medio Oriente

L’accordo tra Israele ed Emirati Arabi Uniti non incide più di tanto sugli equilibri nella regione. Che nei prossimi anni saranno determinati dal crollo del mercato petrolifero e dalle difficoltà economiche di alcuni paesi. Leggi

L’epoca del petrolio arabo è quasi al tramonto

Il covid-19 ha fatto precipitare il prezzo del petrolio ai minimi storici e le regioni più colpite saranno il Medio Oriente e il Nordafrica, che dovranno affrontare una crisi piena di incognite sul piano sociale ed economico. Leggi

Nei Territori palestinesi il tasso di povertà rischia di raddoppiare

Le misure d’isolamento hanno messo a dura prova gli abitanti di Gaza e Cisgiordania, e minato la stabilità finanziaria dell’Autorità Nazionale Palestinese. Leggi

La pandemia mette in evidenza le fragilità del Medio Oriente

Per ora la catastrofe sanitaria che si temeva non si è verificata, ma il bilancio economico e politico nella regione è tutt’altro che positivo. Leggi

Per i palestinesi l’annessione della Cisgiordania è il male minore

L’annessione dei Territori occupati svelerebbe ogni ipocrisia e imporrebbe a tutti di fare i conti con la realtà. E cioè che non c’è mai stata davvero l’intenzione di trovare una soluzione. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.