Moda

L’industria dell’abbigliamento ha tradito la sua forza lavoro

Nel corso della pandemia le fabbriche delocalizzate nel sud del mondo hanno ridotto i salari già bassissimi. Alcuni marchi invece hanno aumentato i profitti. Serve un nuovo patto del lavoro che limiti lo sfruttamento e offra più garanzie. Leggi

pubblicità
Il libro di Paul

Per due anni la fotografa di moda Collier Schorr ha ritratto un giovane modello nella sua vita quotidiana. Ne è nato un libro in cui le immagini mescolano lo stile del ritratto a quello documentario. Leggi

La moda accende il sogno dell’Africa di domani

Dalle passerelle di Parigi a quelle di New York, Londra e Milano, negli ultimi anni ha sempre sfilato almeno un capo “africano”, disegnato da giovani donne e uomini protagonisti della vitalità del continente. Leggi

A proposito di quelle strane aziende di moda su Instagram

Su internet c’è un nuovo genere di negozi. Chi li gestisce non realizza prodotti, ma ha altri trucchi per fare soldi a partire dal nulla. Leggi

pubblicità
Olivier Assayas racconta una scena di Personal shopper

“In questa prima scena lunga e senza dialogo seguiamo la protagonista Maureen”, dice Olivier Assayas, regista di Personal shopper. “Subito dopo la vediamo a lavoro: è la personal shopper di una celebrità. È un lavoro che non la soddisfa. Ho voluto concentrarmi proprio sul rapporto tra la vita quotidiana e il mondo idealizzato dell’alta moda e del lusso”. Leggi

Il mondo della cultura è ancora controllato da uomini bianchi

“Cosa hanno in comune Beyoncé, Viola Davis e Naomi Campbell? Sono donne nere che hanno raggiunto grandi traguardi in un contesto dominato da uomini bianchi”, dice la scrittrice Hanna Yusuf. “Ma se per valutare il loro successo consideriamo i premi e le recensioni a cinque stelle, vediamo come le donne nere non possono ancora superare un certo limite”. Il video del Guardian. Leggi

Lo stile della modernità

Negli anni venti la moda femminile ha incarnato lo spirito dei cambiamenti sociali e culturali come non era mai successo prima di allora. Una mostra a Londra ricostruisce il fermento di quel periodo selezionando abiti originali e fotografie. Leggi

L’eleganza enigmatica di Lillian Bassman

Lillian Bassman è stata una figura fondamentale nella fotografia di moda. Tra gli anni quaranta e sessanta ha concepito un linguaggio nuovo e personale che ha rivelato una prospettiva complessa sulla rappresentazione della donna, nella moda e nell’arte. La galleria Edwyn Houk di New York le dedica una mostra fino all’8 luglio 2016. Leggi

Nicolas Winding Refn racconta una scena di The neon demon

“In questa scena presentiamo il personaggio di Jesse, al suo primo casting”, spiega Nicolas Winding Refn, regista di The neon demon, ambientato nel mondo della moda. “Lei vuole diventare una top model. L’idea di girare la scena con le modelle in biancheria intima, in uno scenario realistico, nasce dalla volontà di mostrare le persone trattate come pure carne, prodotto a perdere che si deteriora”. Leggi

pubblicità
Entrata in nero
Scatto elegante
Passerella oscura
pubblicità
È morto Elio Fiorucci
È morto Elio Fiorucci. Lo stilista italiano è stato trovato stamattina nella sua casa di Milano. Aveva 80 anni. Aveva cominciato a lavorare nella moda a 17 anni, collaborando con il padre in un negozio di scarpe. Nel 1967 ha aperto il suo primo negozio e nel 1970 ha disegnato la prima collezione.
La moda di Tokyo

Me ne vado in giro per Tokyo osservando le persone come se fossero un paesaggio. Chi lavora negli uffici, in Giappone, si veste di bianco, grigio e nero. Se no, sono colori pallidi: celestini, rosa cipria, sabbia. È bianca e grigia o nera o, al massimo, blu scuro anche la maggior parte delle uniformi scolastiche delle studentesse. Nel quartiere di Shibuya, però, l’omogeneità della folla si frantuma ed è facile incrociare ragazze vestite secondo stili davvero peculiari. Leggi

Perché la moda ha prezzi bassi ma costi alti

Il viaggio dei vestiti che ogni settimana rinnovano freneticamente l’offerta dei più popolari negozi di abbigliamento low cost parte da fabbriche lontane, in Bangladesh, Cina o Cambogia. Come quelle ospitate nel Rana Plaza, l’edificio crollato in Bangladesh nell’aprile del 2013 causando 1.134 vittime.

I prezzi bassi di questi vestiti sono garantiti dallo sfruttamento della manodopera. Lo statunitense Andrew Morgan si è chiesto quale sia il vero costo sociale, umano e ambientale del gigantesco business della moda low cost, e la sua risposta è il documentario The true cost, che si può scaricare o comprare in dvd sul sito truecostmovie.com.

Firenze in passerella
pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.