Referendum

Erdoğan vuole allontanare la Turchia dalla democrazia

Non c’è giorno in cui il presidente della repubblica turca Recep Tayyip Erdoğan non rimproveri un politico europeo o non faccia la morale a un’istituzione europea. Gli epiteti “nazista” o “fascista” sono ripetuti senza sosta e nulla lascia intendere che i toni scenderanno. Gli europei, inizialmente silenziosi, rispondono adesso con più o meno tatto e determinazione. Leggi

La Turchia è divisa sul referendum per rafforzare il potere di Erdoğan

La Turchia si pronuncerà il 16 aprile sul rafforzamento dei poteri del presidente Recep Tayyip Erdoğan, nel corso di un referendum il cui esito potrebbe rimodellare il sistema politico del paese e ridefinire le sue relazioni con l’occidente. Leggi

pubblicità
Respinto il ricorso presentato da Valerio Onida sul quesito referendario.
Respinto il ricorso presentato da Valerio Onida sul quesito referendario. La corte civile di Milano ha bocciato il ricorso presentato dall’ex giudice della corte costituzionale che contestava la legittimità del quesito referendario del 4 dicembre sulla riforma costituzionale. Onida ha presentato un altro ricorso al tribunale amministrativo del Lazio (Tar). La sentenza è attesa per la metà di novembre.
Referendum sulle trivelle, quando e come si vota

Quando e dove si vota, cosa chiede il quesito referendario del 17 aprile. Dove si potrà richiedere la scheda elettorale, quando si sapranno i risultati, come possono votare gli italiani all’estero. Tutte le informazioni utili in vista del referendum di domenica. Leggi

Il paradosso di una campagna elettorale senza data del voto

È una situazione illogica: mentre in molte città italiane la campagna elettorale è partita a pieno ritmo, si ignora ancora la data delle elezioni. Eppure è un voto che coinvolge milioni di italiani in 1.351 comuni. E poiché in Italia i partiti litigano su tutto, anche la data è diventata oggetto di velenose polemiche. Leggi

pubblicità
Evo Morales affondato dalle accuse di corruzione

Dopo un conteggio dei voti durato due giorni, il 51,3 per cento dei boliviani ha detto no al referendum che chiedeva di cambiare la costituzione per permettere al presidente Evo Morales di candidarsi per la quarta volta nel 2019. Ora molti si chiedono com’è possibile che un politico di origine indigena, che da più di dieci anni è riuscito ad attirare un largo consenso, oggi venga abbandonato dai suoi elettori. Leggi

Gli euroscettici vincono il referendum sull’integrazione europea in Danimarca
Gli euroscettici vincono il referendum sull’integrazione europea in Danimarca. I danesi hanno bocciato la consultazione con cui si proponeva una maggiore cooperazione con l’Unione europea in materia di sicurezza e polizia. Con la maggior parte delle schede scrutinate, il no ha superato il 53 per cento dei voti.
Il no dei greci alla Fortezza Europa

Oxi, no, nein. La scommessa di Tsipras e Varoufakis è stata vinta. E molti in queste ore in Europa, non solo greci, stanno festeggiando. Una festa di lotta, perché lo sanno tutti che la realtà è difficile e il domani non è assicurato. Un no all’austerità e alla tecnocrazia. Ma un no anche contro la Fortezza Europa che uccide e respinge i migranti. Leggi

La Grecia dopo il referendum vista dalla stampa europea

“La Grecia ha messo in evidenza le debolezze strutturali dell’euro, un approccio uniforme che non conviene a paesi tanto diversi”. Dal Guardian a Le Figaro: la stampa europea commenta la crisi greca. Leggi

Per i greci è il momento della fierezza

“Italia, Spagna, Portogallo e Irlanda ci prenderanno come esempio”, commenta Anneta Kavadia, parlamentare di Syriza mentre partecipa all’euforia di piazza di migliaia di ateniesi che hanno festeggiato tutta la notte. “Abbiamo votato no ma in realtà è un sì al nostro futuro, per un’Europa nuova”. Le testimonianze da piazza Syntagma. Leggi

pubblicità
I festeggiamenti dopo la vittoria del no al referendum in Grecia

La notte del 5 luglio migliaia di greci sono scesi nelle strade delle principali città del paese per festeggiare la vittoria del no al referendum sulle proposte dei creditori internazionali. A piazza Syntagma, nel centro della capitale Atene, persone di tutte le età hanno cantato e ballato fino a tarda notte. Leggi

Secondo tutti i sondaggi il no sarebbe in vantaggio

Tutti i sondaggi condotti oggi che sono stati diffusi dalle tv greche danno il no in vantaggio. Le sei principali televisioni greche prevedono quindi una vittoria del no. Si tratta tuttavia di sondaggi non di exit poll, né di dati reali. Per i primi dati bisognerà aspettare le 20.30 o le 21 (ora italiana).

Seggi chiusi in Grecia, alta l’affluenza

In Grecia sono chiusi i seggi dalle 19 (le 18 in Italia). Quasi dieci milioni di elettori erano stati chiamati a esprimersi sul piano di salvataggio proposto dai creditori internazionali. Secondo i quotidiani locali, l’affluenza è stata alta, simile a quella delle elezioni politiche del gennaio 2015. Per Kathimerini l’affluenza potrebbe essere intorno al 64 per cento.

I risultati potrebbero arrivare intorno alle 20.30 (ora italiana), secondo alcuni exit poll il no sarebbe in vantaggio. Il ministro delle finanze greco Yanis Varoufakis ha detto alla tv Cnbc che ci sarà un accordo con i creditori nelle prossime 24 ore, qualsiasi sia il risultato del referendum.

Dopo la chiusura dei seggi, Yanis Varoufakis incontrerà il governatore della banca centrale greca

Chiuse le urne, il ministro delle finanze Yanis Varoufakis incontrerà il governatore della banca centrale greca, Yannis Stournaras, e i dirigenti delle principali banche del paese. Secondo la Bbc, l’incontro si terrà una volta conosciuto l’esito del voto, per discutere eventuali misure per allentare i limiti imposti ai prelievi bancari e ai trasferimenti all’estero. Leggi

Referendum greco: cosa succede dopo?

I greci stanno votando in queste ore per decidere se approvare il piano di tagli e aiuti proposto dai creditori ad Atene. Il piano è già stato rifiutato dal governo guidato da Alexis Tsipras il 26 giugno. Ma che succederà dopo? Se vince il no? E se vince il sì? Quattro domande e risposte.  Leggi

pubblicità
Aprono i seggi in Grecia per il referendum

Dieci milioni di greci sono chiamati a votare oggi: dovranno esprimere un sì o un no alle nuove misure di austerità proposte dai creditori internazionali (Banca centrale europea, Fondo monetario internazionale e Unione europea) in cambio di aiuti.
I seggi saranno aperti dalle 7 (le 6 in Italia) fino alle 19 (le 18 in Italia). I primi risultati attendibili si dovrebbero conoscere intorno alle 21 locali, una volta realizzato lo spoglio di circa il 10 per cento delle schede. La consultazione popolare è stata convocata dal premier Alexis Tsipras nella notte tra il 26 e il 27 giugno, dopo il fallimento delle trattative con i creditori. L’ultimo referendum che si è tenuto in Grecia risale al 1974, quando gli elettori abolirono la monarchia.

Yanis Varoufakis accusa i creditori di fare terrorismo con la Grecia

Il ministro delle finanze greco Yanis Varoufakis ha definito terroristica la retorica dei creditori di Atene che hanno chiesto agli elettori di votare sì al referendum di domenica 5 luglio. ”Quello che stanno facendo con la Grecia ha un nome: terrorismo”, ha detto in un’intervista al quotidiano spagnolo El Mundo. Leggi

Come voterebbero gli economisti nel referendum greco?

Il governo greco ha chiesto agli elettori di votare per il no al referendum del 5 luglio sul piano di aiuti e riforme proposto ad Atene dai creditori, mentre i leader dell’Unione europea hanno chiesto ai greci di votare per il sì. Ma come voterebbero i più importanti economisti del mondo? Se lo è chiesto il Guardian. Leggi

In Grecia è il momento di decidere

Il mio “insolito silenzio” degli ultimi giorni, come ha scritto qualcuno su Facebook, è dovuto al fatto che dal mio arrivo in Grecia per la campagna del no ho dormito poco e lavorato molto. Sono intervenuto a due manifestazioni (la stazione centrale di Atene e il palazzo della metropolitana). È stata una grande esperienza. In programma ci sono diversi interventi nella zona industriale di Moschato e un incontro pubblico a Petruopoli, alla periferia occidentale di Atene. Leggi

pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.