Reportage

Moby Duck 

La straordinaria avventura di 7.200 paperelle di plastica gialla alla deriva e dell’uomo che decise di inseguirle fino all’Artico. Dall’archivio di internazionale. Leggi

La giusta misura.Il giornalismo non è tutta una questione di lunghezza

Tre giornalisti di magazine cartacei si sono confrontati sul futuro del giornalismo. L’appuntamento era al Cinema Apollo alle ore 11.00 di sabato 1 ottobre al Festival di Internazionale a Ferrara. I protagonisti sono stati Patrick de Saint-Exupéry del XXI, John R. MacArthur di Harper’s e Daniel Puntas Bernet di Reportagen con lo scrittore e insegnante Christian Raimo come moderatore.

La partita in gioco vede attualmente schierati il giornalismo on-line e il giornalismo sulla carta stampata. I lettori si stanno spostando via via dalla carta a internet e si portano dietro anche gli investimenti pubblicitari, mettendo in evidente crisi i giornali tradizionali. Il giornalismo on-line sembra andare contro l’approfondimento. Chi scrive per i blog non è portato a scrivere pezzi lunghi e anche i giornalisti tradizionali che stanno usando questo mezzo sembrano farsi corrompere.
“Credo che i giornalisti stiano impazzendo” ha affermato John R. MacArthur. C’è come una frenesia nell’aria che coinvolge tutti e porta a una “valanga informativa” che quando passa travolge e non lascia molto. Eppure diversi studi scientifici stanno dimostrando che la ritenzione di ciò che si legge su carta è maggiore rispetto all’on-line. L’attenzione migliora e ne giova la concentrazione e la voglia di proseguire. “Spero di diffondere il panico tra i genitori qui in sala” incalza John R. MacArthur che difende a spada tratta il suo modo di fare giornalismo.
Tra l’altro questa velocità e impazienza nei confronti delle notizie sul web sembra manifestarsi anche sulla pubblicità digitale che, come stanno confermando altri studi, non viene letta: “mi auguro che questo sia l’inizio della fine delle follie digitali che hanno fatto tanti danni al nostro mestiere” – auspica John R. MacArthur.
In questo panorama non solo resistono ma prosperano altre realtà. È il caso di Reportagen che, nato cinque anni fa, ha puntato tutto sulla carta stampata guadagnandosi la rispettabile fetta del 40% di pubblico sotto i trent’anni. Patrick de Saint-Exupéry sostiene che “l’obiettivo del giornalismo è offrire una rappresentazione del mondo”. Le notizie brevi tipiche del web non sono in grado di farlo: descrivono i fatti ma per comprendere cosa ci accade attorno abbiamo bisogno di andare oltre, di uscire dalla confusione e di aggiungere altri contenuti. E non è solamente la lunghezza degli articoli. Fumetti, infografiche e perfino i dati possono offrire soluzioni per raffigurare la realtà. L’importante è andare contro la semplificazione e non rinunciare mai alla complessità. L’approfondimento inoltre si accompagna con la democrazia che oggi è messa in pericolo “dal 75% di notizie che non sono da confondere con le informazioni”, sottolinea Daniel Puntas Bernet. Andare oltre la notizia offre alla gente la possibilità di reagire.

Non ultimo “leggere ci rende belli” sostiene Daniel Puntas Bernet. La lettura richiede impegno. Bisogna sedersi, prendersi del tempo, fermarsi e farsi coinvolgere dalla storia. E i migliori giornalisti sono gli scrittori: sanno immergere il lettore nel racconto e portarlo lontano.

Elisa Bianchi

pubblicità
La solitudine dei bambini in fuga dalla guerra

Il fenomeno dei minori non accompagnati che partono per l’Europa occidentale attraverso i paesi balcanici è in crescita. I ragazzi, in fuga dalla guerra, sperano di ottenere lo status di rifugiati e di farsi raggiungere legalmente dalla propria famiglia. Arrivati in Bulgaria, però, si trovano spesso in situazione difficili. Leggi

A Teheran i murales raccontano una città che non c’è più

Nazgol Ansarinia, artista iraniana nata a Teheran, racconta la sua città in continua trasformazione. Mentre molti edifici vengono demoliti per lasciare spazio a nuove costruzioni, centinaia di murales richiamano un passato che non esiste più. Il video del Guardian. Leggi

Due giorni ad Abu Dhabi per capire come funzionano le Nazioni Unite

Bianca, Rahzadie e Felix fanno parte dei 180 giovani di varie nazionalità che hanno partecipato al progetto Change the world model United Nations, organizzato dall’associazione italiana Diplomatici in collaborazione con la New York University di Abu Dhabi. Leggi

pubblicità
Le parole sono finite

La scatola che contiene gli appunti per i miei articoli sta per esplodere. Leggi

Svegliarsi a Chittagong

In Bangladesh è arrivato soltanto il primo tempo della modernizzazione, quello della mobilità a gas e della plastica. Leggi

La superficie del Bangladesh

Reportage dal paese più densamente popolato del mondo. Leggi

Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.