Sommario

925 (25 novembre/1 dicembre 2011)

Egitto, secondo atto

Perché gli egiziani sono di nuovo in piazza. Articoli di Tariq Ramadan e Ala al Aswani.

925 (25 novembre/1 dicembre 2011)

In copertina

La rivoluzione sotto tortura

Dopo la caduta di Mubarak sono aumentati i casi di tortura e il numero di civili processati dai tribunali militari

Analfabetismo senza fondo

Dal 1 al 3 novembre si è svolto a Doha, la capitale del Qatar, il terzo World innovation summit in education. Leggi

pubblicità

Viaggi

La città originale

Percorrendo le vie di Trieste, visitando i palazzi e mangiando nelle trattorie, si scopre che il passato asburgico si fonde con la rilassatezza italiana

Editoriali

L’ultima follia del Belgio

Le Soir

Niente sonno, niente sesso

L’apnea del sonno causa problemi sessuali? Leggi

pubblicità

900 euro

Chi ha cominciato a lavorare a 23 anni nel 1996 potrebbe ricevere 900 euro di pensione quando avrà 64 anni. Leggi

Capolavoro

Perbene, affidabile, serio, autorevole, onesto, uno stile impeccabile. Sulla stampa sono tutti pazzi per Mario Monti. Leggi

Ritratti

Tyler Cowen. Economia e libertà

Ha scritto un best seller sulla crisi economica, tiene un blog di successo e legge tantissimo. Secondo alcuni è l’economista del momento

La furia del mare

Richard Hughes, Nel pericolo Leggi

Europa

Un potere senza precedenti

La maggioranza assoluta dà a Rajoy la possibilità di governare senza scendere a patti con l’opposizione

pubblicità

Ce la faremo?

Tra i brutti edifici di cemento e le ville con il giardino stanno aprendo nuovi locali. Leggi

Imparare dai selvaggi

David Graeber, Frammenti di antropologia anarchica Leggi

Il papa e i paparazzi

Volendo commentare l’ultima campagna pubblicitaria di Benetton, divento vittima e complice più o meno involontario della provocazione. Leggi

Asia e Pacifico

Sospetti sul tribunale che giudica i Khmer rossi

Il tribunale speciale cambogiano ha aperto il secondo processo ai leader del regime di Pol Pot. Ma la scarsa credibilità dei giudici rischia di vanificare tutto

Editoriali

Monti sul filo del rasoio

Financial Times

pubblicità

Pop

Morte al minibar!

Di Dubravka Ugrešić

Economia e lavoro

L’ombra della yakuza dietro i guai della Olympus

Nei bilanci del gruppo giapponese è emerso un buco miliardario. Secondo gli inquirenti, parte di quei soldi potrebbe essere finita nelle mani della criminalità organizzata

Americhe

Nessun accordo sul debito statunitense

Il gruppo bipartisan incaricato di trovare una strategia per ridurre il debito pubblico non ha raggiunto un compromesso. Repubblicani e democratici si accusano a vicenda

A braccia aperte

Una mia amica ha subìto la perdita più grande, quella di suo figlio. Noi la guardiamo dilaniarsi senza poter fare nulla e questo ci distrugge. Siamo davvero così inutili? Leggi

Argentina

La mano sinistra di Dio

La chiesa cattolica argentina conosceva e approvava i metodi usati dai militari durante la dittatura di Jorge Videla. Un’inchiesta di Horacio Verbitsky.

pubblicità

Libri

Quello che resta del muro

Negli ultimi anni il panorama letterario europeo si è ridisegnato, evidenziando le differenze tra est e ovest

Opinioni

L’eredità di Steve Jobs

Tecnologia

L’anno dei fantastici quattro

Apple, Facebook, Google e Amazon: nei prossimi due anni queste aziende si contenderanno il mercato delle innovazioni tecnologiche. Dai tablet ai telefonini fino alla tv e alla finanza, sarà una sfida feroce e senza confini, scrive Farhad Manjoo.

Africa e Medio Oriente

Un processo equo per Saif al Islam Gheddafi

Il 19 novembre è stato catturato il secondogenito ed erede di Muammar Gheddafi. Sarà giudicato in Libia, da un tribunale composto anche da giudici internazionali

Europa

La Spagna scommette su Mariano Rajoy

Il Partito popolare vince le elezioni con 186 seggi. I socialisti ottengono il peggior risultato dal 1977. L’analisi del quotidiano spagnolo El País

I vestiti nuovi del maresciallo

Il vero obiettivo della giunta militare è far rinascere il regime di Mubarak, scrive Ala al Aswani. Leggi

Pop

Ero un giovane semiologo

Di Steven Johnson

Taranta rumors

Perturbazione, Zweisamkeit, Babalù Leggi

In copertina

Contro tutti i nemici della democrazia

I paesi arabi che escono dalle dittature possono reinventare il modello democratico occidentale, scrive Tariq Ramadan.

Il mondo è a un bivio ma non lo sa

Il declino del dollaro americano, la crisi del sogno europeo, la corsa alle armi in Asia e la paralisi dell’Onu: messi insieme, questi elementi indicano che stiamo entrando in acque inesplorate. Leggi

In copertina

Egitto, secondo atto

Migliaia di egiziani sono tornati in piazza per difendere la rivoluzione di gennaio. Questa volta si battono contro il consiglio supremo delle forze armate, che non sembra disposto a cedere il potere

Americhe

Obama scalda i motori della macchina elettorale

Il presidente punta a superare i 750 milioni di dollari di finanziamenti raccolti nel 2008. Un’armata di telefonisti è già al lavoro per individuare i potenziali donatori

Visti dagli altri

L’Italia salvata dai cinesi

Le migliaia di immigrati cinesi stanno trasformando il paese più di quanto si pensi. Non solo dal punto di vista economico

Portfolio

Con il volto nascosto

Il fotografo cambogiano Khvay Samnang ha ritratto gli abitanti di un complesso popolare di Phnom Penh. Dietro le maschere ha colto la loro identità profonda, scrive Christian Caujolle

La primavera araba sulla via di Damasco

Una guerra civile in Siria non durerebbe a lungo, perché le reazioni interne e internazionali porterebbero rapidamente alla fine del regime e all’avvento di un nuovo ordine. Leggi

Scienza e tecnologia

Il colore dei numeri e delle lettere

Una musica che fa sentire un sapore, un segno scritto che fa vedere un colore. Quali sono i meccanismi neurologici che causano la sinestesia, la contaminazione tra i sensi

Russia

Letargo russo

Cervelli in fuga, istituzioni screditate, corruzione dilagante. Vent’anni dopo la fine dell’Unione Sovietica, la Russia è ossessionata da una parola: zastoi, stagnazione

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.