Guido Vitiello

Insegna alla Sapienza di Roma. Ha scritto Una visita al Bates Motel e Il lettore sul lettino.

Guido Vitiello
Prendi quel libro, trattalo male

Leggo con grande amore da quando sono bambino: eppure da sempre, anche da bambino, senza mai dilatare o spalancare propriamente i libri. Ho paura di rovinarli. Leggi

Il bibliopatologo è tornato

Sono una libraia e ho sempre letto tantissimo, ma da quando scelgo in prima persona le novità non riesco più a portare a termine un libro: nel mare magnum delle novità editoriali vorrei leggere tutto e alla fine non leggo nulla. Leggi

pubblicità
Ogni segnalibro è un memento mori

Ho un vizio tremendo: perdo sempre il segnalibro e riempio le pagine di pieghe per tenere il segno. Me ne dispiaccio pure, ma non c’è soluzione. Leggi

Raccontare la shoah senza piangere

Sono una lettrice accanita, ma non riesco a leggere niente che sia a tema shoah: mi manca il coraggio di affrontare tutto quel dolore. Non ci riesco. Mi sento male. Che posso fare? Leggi

Ogni libro regalato è un cavallo di Troia

Si può fare male arrogandosi il diritto di regalare un libro? Se sì, quanto? Leggi

pubblicità
I rituali ossessivi della lettura

Gentile bibliopatologo, non tollero l’idea di finire l’anno con una lettura in corso… è grave? Leggi

All’ombra delle librerie in fiore

Sono affetto da una malattia rara (almeno così penso): vorrei leggere tanti libri, così non ne leggo nessuno. Come fare a capire ciò che è più urgente leggere? Leggi

I benefici dell’oblio

Ho quarantanove anni, non sono più il lettore vorace che ero da giovane e da qualche tempo non ricordo più niente del poco che leggo. Il massimo che posso dire è se un libro mi è piaciuto o meno. È grave? Leggi

A che serve non leggere i classici

Esistono libri che hanno l’ironico destino di trovarsi in ogni libreria senza che nessuno li legga? Possono ancora essere considerati classici? Leggi

Tutti i libri sono oggetti magici

L’amore tra mio marito e me è finito. Tuttavia, con due ragazzine da crescere (già forti lettrici anche loro) e una casa-biblioteca ristrutturata insieme, finora continuare a coabitare ci è parsa la soluzione più semplice. Leggi

pubblicità
Gli audiolibri e la vera lettura

Li ascolto quando cucino o quando cammino, però tolgono tempo a quel vagare della mente che può essere così creativo. E poi: sono vera lettura? Leggi

I cavalieri della cattedra rettangolare

Da quando ho cominciato la mia ricerca in ambito universitario, non riesco più a leggere per il piacere di farlo. Sono destinata a perire nelle pagine accademiche o c’è una cura? Leggi

L’ebook non è un’innovazione, è un’alternativa

Soffro di un’idiosincrasia nei confronti dei libri in formato digitale che, di anno in anno, sta contribuendo all’aumento della pressione interparietale della mia libreria e al calo proporzionale della saturazione del mio salvadanaio. Leggi

Il romanzo è un trucco illusionistico

Cosa spinge un bibliotecario a imprimere senza pietà, nel bel mezzo della mia lettura estasiata, un osceno timbro proprio sopra le righe? Vorrebbe forse esortarmi ad abbandonare il libro? Leggi

Un amico che possiamo tradire

Ho un problema con i libri che non mi sono piaciuti o che non sono riuscito a finire. Li metto da parte ma non riesco a liberarmene, vendendoli o regalandoli. Consigli? Leggi

pubblicità
Un casco da sommozzatore per leggere in silenzio

Esistono tecniche per riuscire a escludere i rumori che ammorbano la nostra vita di lettori? Io riesco a leggere solo in silenzio. Leggi

La scomparsa della lettura profonda

Ero capace di finire un libro di cinquecento pagine in tre giorni, di fare le ore piccole leggendo, di non sentire chi mi parlava mentre ero immersa nella lettura. Come posso tornare a essere quel tipo di lettrice? Leggi

Il dramma di vedersi leggere

Ho un problema che mi affligge: comincio libri che non concludo. Sembra un problema banale che si potrebbe derubricare con un semplice “si vede che non ti piaceva”. Invece no, sono sicurissima che non è quello il problema. Leggi

Colpire al cuore del lettore

Trovare preti, suore, frati e cardinali descritti con ammirazione nei romanzi mi provoca un fastidio tale che non posso continuare a leggere. È sensato lasciarsi trasportare da un’avversione così viscerale? Leggi

Dove vanno a finire i libri che abbiamo letto?

Una volta finiti, ho avuto l’impressione che i libri che ho amato alla follia avessero altro da dirmi. Sarebbe opportuno rileggerli o è più fruttuoso l’atteggiamento da viandante perenne? Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.