Leonid Bershidsky

È un giornalista russo. Columnist di Bloomberg View, ha fondato il quotidiano finanziario Vedomosti e il sito Slon.ru.

Le elezioni europee non distruggeranno l’Unione

Anche se i partiti antieuropei vincessero un terzo dei seggi nel prossimo Parlamento, molto probabilmente saranno così divisi che non dovrebbero causare molti danni. Leggi

Il peso delle notizie false sulla politica svedese

La Svezia si era attrezzata per contrastare le ingerenze provenienti dalla Russia, ma non aveva previsto che la maggior parte delle notizie false per orientare le elezioni sarebbero state fabbricate all’interno dei suoi confini. Leggi

pubblicità
Putin ha le spie che si merita

Quando si predilige la fedeltà alla competenza le conseguenze sono spiacevoli, anche per il capo del Cremlino. Leggi

Russia e Ucraina si contendono anche i fedeli

L’Ucraina non può riprendersi il territorio annesso dalla Russia. Ma Kiev potrebbe sottrarre a Putin qualcosa di altrettanto prezioso: il potere sui cristiani ortodossi ucraini. Leggi

I progetti di Mosca in Africa sono costati la vita a tre giornalisti

La Repubblica Centrafricana è ricca di diamanti e di oro, ma è anche teatro di una guerra civile infinita. I tre reporter indagavano sugli interessi russi nel paese. Leggi

pubblicità
Viktor Orbán vuole essere il portavoce della nuova destra europea

L’obiettivo del premier ungherese non è quello di sciogliere l’Unione europea, ma di trasformarla. Leggi

Per la Croazia il calcio non è solo un gioco

Il nazionalismo, la guerra, la ricostruzione e le delusioni successive hanno contribuito ai risultati della nazionale ai Mondiali di Russia. Leggi

Mosca dovrebbe ammettere le sue responsabilità sul volo MH17

Anche se Putin considera legittime le azioni militari russe in Ucraina, dovrebbe chiarire che considera l’abbattimento dell’aereo un terribile errore e offrire dei risarcimenti alle famiglie delle vittime. Leggi

Il progetto autoritario di Viktor Orbán

Come Vladimir Putin il premier ungherese è ossessionato dalla sovranità, che per i critici significa potere personale assoluto. Orbán, tuttavia, persegue lo scopo con maggiore senso del limite. Leggi

Le due guerre che Mosca combatte in Siria

C’è la guerra combattuta dalle truppe regolari secondo le priorità del Cremlino. L’altra coinvolge aziende militari private, che però non possono danneggiare gli interessi di Putin. Leggi

pubblicità