Ramadan

Un tragicomico inizio di Ramadan a Tripoli

Il 26 maggio, un giorno prima dell’inizio del Ramadan, diverse milizie provenienti da Misurata e da qualche altra città hanno ricominciato a combattere a Tripoli. Leggi

La fine del Ramadan ha mostrato i tanti volti dell’islam italiano

Quest’anno in Italia i musulmani hanno festeggiato la fine del mese di Ramadan in due giorni diversi, il 5 e il 6 luglio. Le ragioni di questa diversità vanno cercate nelle differenti interpretazioni religiose, nelle diverse provenienze geografiche e anche nel campo della politica. Le due Eid al Fitr (letteralmente “festa dell’interruzione” del digiuno) di questi giorni illustrano bene la realtà plurale e multiforme dell’islam italiano. Leggi

pubblicità
L’Iran e le autorità religiose saudite condannano l’attentato suicida a Medina.
L’Iran e le autorità religiose saudite condannano l’attentato suicida a Medina. Il 4 luglio un kamikaze si è fatto esplodere vicino alla moschea del Profeta, uno dei luoghi sacri dell’islam perché luogo di sepoltura di Maometto. L’attacco, che ha causato la morte di quattro agenti delle forze di sicurezza e dell’attentatore, è stato duramente criticato dalle principali autorità religiose saudite e dalle autorità dell’Iran, la potenza rivale dell’Arabia Saudita nella regione. Poche ore prima altre due esplosioni erano state segnalate a Qatif, una città a maggioranza sciita nell’est del paese.
Parete sacra
Comincia il Ramadan
pubblicità
Le serie televisive arabe scoprono la tragedia siriana

Con la fine del Ramadan si è chiusa anche la stagione televisiva per eccellenza, quella a cui l’industria dei mezzi d’informazione arabi lavora per tutta la durata dell’anno. Il 2015 è stato caratterizzato da un segno malinconico, a tratti disperato, che non si vedeva da tempo sugli schermi arabi, e che è lo specchio della situazione politica (ed esistenziale) del Medio Oriente contemporaneo. Leggi

Verso la Luna
pubblicità
Almeno 25 persone sono morte in Bangladesh
Almeno 25 persone sono morte in Bangladesh. L’incidente è avvenuto durante un’iniziativa di beneficenza a Mynmensingh, a nord della capitale Dhaka. Un migliaio di persone si sono presentate alla distribuzione gratuita di vestiti per la fine del Ramadan, ma all’apertura dei cancelli le vittime – soprattutto donne e bambini – sono state travolte dalla folla.
Lettura a colori
pubblicità
A Damasco va in onda Il padrino

Damasco, la città che ci siamo abituati a vedere sui nostri schermi nell’estenuante catena di esplosioni-bombardamenti-morti riguadagna il prime time durante il Ramadan, mese che nel mondo arabo-islamico non significa soltanto digiuno e preghiera, ma anche abbuffata di fiction televisiva.  Leggi

Niente Ramadan per i musulmani cinesi

Anche quest’anno le autorità della regione autonoma dello Xinjiang, tradizionalmente abitata dalla minoranza turcofona e musulmana degli uiguri, hanno vietato ai funzionari pubblici, agli insegnanti e agli studenti di osservare il mese di digiuno del Ramadan. Ai ristoranti halal di alcune zone è stato anche “consigliato” di rimanere aperti in cambio di una riduzione del numero di ispezioni sanitarie.  Leggi

Momento di preghiera
Israele revoca il permesso ai palestinesi di Gaza di andare a Gerusalemme

Israele ha revocato il permesso concesso a cinquecento palestinesi della Striscia di Gaza per raggiungere Gerusalemme prima della preghiera del venerdì durante il periodo di Ramadan, a causa dei razzi lanciati da Hamas verso Israele.

Un portavoce del dipartimento del ministero della difesa che si coordina con Gaza, ha spiegato alla France presse che la revoca dei permessi concessi durante il mese del Ramadan è stata dovuta ai razzi che hanno colpito il sud di Israele la scorsa notte, senza causare vittime.

A Catania la moschea aiuta gli italiani poveri

La moschea di Catania, la più grande del sud Italia, è un punto riferimento per molte famiglie in difficoltà, sopratutto italiane. Grazie a un accordo con il Banco alimentare e alla collaborazione con Comunità di Sant’Egidio, focolarini e Caritas, durante il Ramadan le iniziative aumentano. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.