Africa

L’avanguardia del ciberattivismo africano

Corruzione, meritocrazia, trasparenza: i giovani del continente chiedono ai loro leader di essere più responsabili e attenti ai bisogni dei cittadini. La battaglia civile è nata sul web e ora punta a trasferirsi sul terreno. Leggi

L’afrofuturismo militante di Nkisi

Attivista, dj e produttrice londinese di origine congolese, è in arrivo in Italia, al festival Terraforma, con la sua elettronica della diaspora africana. Leggi

pubblicità
La vittoria dei contadini del Mozambico contro l’impero della soia

Nel 2011 il paese africano ha lanciato un piano agroindustriale per convertire milioni di ettari di terra in monocolture da esportazione. I contadini si sono mobilitati contro il progetto. E hanno vinto. Leggi

Le donne africane possono cambiare il continente

In Africa l’impegno delle donne è sempre stato parte integrante della politica del continente, ma ci troviamo di fronte a un processo di sistematica cancellazione. Leggi

Il sessantotto speciale del Congo

Per capire come il sessantotto sia ancora vivo nel nostro presente bisogna allontanarsi dalle strade più frequentate del villaggio globale, ed esplorare nuovi territori. Un articolo di Pedro Monaville, dall’archivio di Internazionale. Leggi

pubblicità
Come essere un buon africano

Mi piace pensare di essere un buon africano. O quanto meno che, avendo visitato una decina di paesi tra l’Africa e l’Europa, posso dire la mia su ciò che significa esserlo. Leggi

La guerra civile non ferma gli studenti del Sud Sudan

I giovani universitari che vivono nel campo profughi della capitale Juba cercano di portare avanti gli studi, nonostante le difficoltà della vita quotidiana. Leggi

Un’eredità complicata in Sudafrica, Angola e Zimbabwe

È una fatalità che i liberatori, una volta al potere, ereditino i vizi dei predecessori? Nei tre paesi ci sono stati tre cambi di testimone, ma le incognite sono tante. Leggi

Le donne africane raccontano le mutilazioni genitali

Da oltre quarant’anni le donne africane lottano per riappropriarsi del loro corpo e della loro femminilità. Leggi

Due presidenti assenti

Nigeria e Zimbabwe avevano riposto molte speranze nei loro presidenti. Ma Muhammadu Buhari e Robert Mugabe sono in ospedale da diverso tempo. Leggi

pubblicità
Il G20 di Amburgo sarà inutile ma resta indispensabile

Il 7 e 8 luglio si incontreranno per la prima volta nuovi e vecchi leader. Il vertice è l’occasione per conoscersi invece di ignorarsi o combattersi. Leggi

I volti africani di Melbourne

L’artista sudsudanese Atong Atem esplora la diaspora africana, il rapporto tra pubblico e privato e la ricerca di un’identità culturale usando il ritratto in studio. Leggi

L’Africa punta allo spazio

In vari paesi africani sono nati osservatori astronomici, sono stati lanciati satelliti e s’inaugurano programmi spaziali. Queste iniziative, spesso considerate velleitarie, sono utili allo sviluppo del continente. Leggi

Perché in Africa si soffre ancora la fame

Per la prima volta negli ultimi sei anni, nel mondo c’è una carestia: una vera carestia, dichiarata dalle Nazioni Unite, con più del trenta per cento della popolazione coinvolta che soffre di grave malnutrizione e più di mille persone che muoiono di fame ogni giorno. E ci sono altri tre paesi dove, da un momento all’altro, potrebbe esserne dichiarata un’altra. Leggi

Salviamo le giraffe

Negli ultimi trent’anni la popolazione di giraffe si è ridotta del 30 per cento. Secondo il Living Planet Report 2016 del Wwf, se non agiremo rapidamente il mondo potrebbe perdere i due terzi dei suoi animali selvatici entro il 2020. Il video del Guardian. Leggi

pubblicità
Il rischio di carestia in Nigeria, Somalia, Sud Sudan e Yemen mette in pericolo la vita di 1,4 milioni di bambini.
Il rischio di carestia in Nigeria, Somalia, Sud Sudan e Yemen mette in pericolo la vita di 1,4 milioni di bambini. Lo denuncia l’Unicef, secondo la carestia imminente in questi quattro paesi è legata soprattutto ai conflitti in corso, non solo alla siccità. L’agenzia delle Nazioni Unite per la tutela dell’infanzia prevede quest’anno di portare aiuti a 220mila bambini malnutriti in Nigeria, 200mila in Sud Sudan, 200mila in Somalia e 320mila nello Yemen.
Il videogioco fantasy che ci porta nell’Africa del futuro 

Il gioco Aurion: legacy of the Kori-Odan, sviluppato in Camerun, è ambientato in un’Africa futura mai colonizzata. Dopo il suo successo in occidente, diventerà anche un film prodotto a Hollywood. Manca solo un traguardo: farlo conoscere agli africani. Leggi

Al vertice dell’Unione africana si discute del rientro del Marocco

Le decisioni che saranno prese al 28° summit dell’Unione africana, in corso il 30 e 31 gennaio nella capitale etiope Addis Abeba, potrebbero cambiare il volto del continente. Leggi

Yahya Jammeh, il leader del Gambia che non vuole lasciare il potere

Il 19 gennaio il presidente Yahya Jammeh avrebbe dovuto lasciare il suo incarico, dopo aver perso le elezioni dello scorso dicembre. Il leader ha respinto i risultati elettorali e il suo mandato è stato esteso dal parlamento. Alcuni paesi dell’Africa occidentale stanno organizzando una coalizione militare per costringerlo a farsi da parte. Il video della Thomson Reuters Foundation. Leggi

Ricomincia il processo storico contro l’ex dittatore del Ciad

Il 9 gennaio è cominciato a Dakar il processo in appello di Hissène Habré, l’ex presidente del Ciad al potere dal 1982 al 1990. Soprannominato il “Pinochet africano” per le atrocità commesse durante il suo regime, Habré a maggio era stato condannato all’ergastolo per crimini di guerra, crimini contro l’umanità, torture e violenze sessuali. Oggi gli avvocati della difesa cercano di far annullare questa sentenza. Leggi

pubblicità