Energia

Gas e nucleare resistono

Dopo più di un anno di negoziati, la Commissione europea ha presentato agli stati dell’Unione una proposta in base alla quale le centrali nucleari e a gas naturale potrebbero... Leggi

Un momento decisivo per la rivoluzione energetica

Di recente c’è stato un cambio di passo nella crescita dell’energia eolica e solare, che potrebbe avere conseguenze positive per tutto il pianeta. Ma i cambiamenti innescati dalla transizione saranno caotici e in molti casi traumatici. Leggi

pubblicità
Il Nordafrica è la nuova frontiera dell’idrogeno verde

I piani europei per l’energia a idrogeno da produrre in Nordafrica e da esportare in Europa presentano diversi elementi di sfruttamento ambientale e della manodopera che ricordano i meccanismi dell’epoca coloniale. Leggi

Nuovo stop al Nord Stream 2

Il gasdotto Nord Stream 2, che dovrebbe collegare i giacimenti russi alla Germania attraverso il mar Baltico raddoppiando la portata della condotta già esistente, ha incontrato... Leggi

Una banca dati globale degli impianti solari

Per favorire la transizione energetica, alcuni ricercatori hanno catalogato migliaia di centrali grazie a una tecnica di apprendimento automatico basata sulle immagini satellitari Leggi

pubblicità
Transizione a rischio

Secondo l’Agenzia internazionale per l’energia (Iea), l’instabilità estrema dei prezzi dell’energia continuerà a essere un rischio per l’economia mondiale se nei... Leggi

Prezzi alle stelle

Il 28 settembre i prezzi del petrolio hanno superato la soglia degli ottanta dollari al barile, raggiungendo il picco più alto dall’ottobre 2018. Il prezzo del greggio... Leggi

La vicenda Navalnyj minaccia il gasdotto tra Russia e Germania

Il tentato omicidio dell’oppositore russo Aleksej Navalnyj si sta trasformando in un momento della verità tra Mosca e Berlino, che coinvolge anche il resto d’Europa e che minaccia l’interruzione del gasdotto Nord Stream 2. Leggi

In Africa 600 milioni di persone sono senza elettricità

L’obiettivo dell’Onu di elettricità per tutti entro il 2030 è molto lontano. Questo è un grave ostacolo per la fornitura dei servizi fondamentali, come scuole e ospedali. Leggi

Poveri di energia

Secondo la Commissione europea la povertà energetica coinvolge tra i 50 e i 125 milioni di persone in tutta Europa. I reportage di quattro fotografi. Leggi

pubblicità
Solar Impulse non è l’aereo del futuro

Mentre scrivo queste righe il Solar Impulse 2 è già in volo, nell’ultima tappa di 48 ore del suo straordinario viaggio: il primo giro del mondo compiuto da un velivolo alimentato esclusivamente a energia solare. Quando leggerete questo articolo, il pilota Bertrand Piccard probabilmente sarà atterrato ad Abu Dhabi per essere acclamato da tutto il mondo. E io non posso fare a meno di chiedermi: questo è il futuro del volo? Leggi

In Africa le energie rinnovabili fanno grandi passi avanti

Le rinnovabili potrebbero essere una buona scelta per l’Africa almeno per un ottimo motivo: in buona parte del continente non esistono ancora reti elettriche in grado di trasportare l’elettricità da una grande centrale fino a ogni angolo in cui è usata. E le nuove tecnologie, come il solare o l’eolico potrebbero, in tanti casi, rendere inutile la costruzione di queste reti. Leggi

Riscaldiamo le persone, non gli edifici

Gli Stati Uniti consumano il 13 per cento della loro energia per riscaldare o raffreddare gli edifici, ma gran parte di quell’energia è usata per climatizzare spazi dove non ci sono persone: per esempio, perché il soffitto di un ufficio dovrebbe essere sempre a 22 gradi, se nessuno è sospeso in aria per apprezzarlo? Leggi

In Nigeria un campo di calcio a energia solare è illuminato anche dalla corsa dei giocatori

È da un po’ che l’Africa si è resa conto delle opportunità offerte dalle energie rinnovabili. Un’iniziativa in questo senso è un campo di calcio a Lagos, in Nigeria, alimentato sia dall’energia solare sia da quella cinetica generata dagli spostamenti dei giocatori in azione. Leggi

Il mondo perde energia

A causa dei mutamenti del clima e delle conseguenti variazioni nella disponibilità delle risorse idriche, dopo il 2040 potrebbe ridursi la capacità delle centrali idroelettriche e termoelettriche a livello mondiale. Un’analisi di oltre 25mila impianti in tutto il mondo indica un possibile calo generalizzato della capacità di produrre energia, in alcuni casi pari al 30 per cento in meno. Leggi

pubblicità
La Russia interrompe le forniture di gas all’Ucraina mentre la Crimea resta al buio

Sono sempre più tese le relazioni tra Russia e Ucraina dopo che Gazprom – il principale produttore russo di gas naturale – ha annunciato la sospensione della fornitura a Kiev e il premier ucraino Arsenij Jacenjuk ha risposto affermando di aver trovato forniture più convenienti dal punto di vista economico. Le tensioni tra i due paesi sono peggiorate dopo il sabotaggio di linee elettriche che ha lasciato al buio la penisola di Crimea, annessa alla Russia nel marzo 2014. Leggi

Nel 2020 più di un quarto dell’energia arriverà da fonti rinnovabili

L’Agenzia internazionale dell’energia ha pubblicato un nuovo rapporto in cui si prevede che entro il 2020 il pianeta produrrà il 26 per cento del suo fabbisogno energetico a partire da fonti rinnovabili. Leggi

Il fracking non contribuisce a far diminuire le emissioni di gas serra

Gli Stati Uniti hanno ridotto le loro emissioni di gas serra nell’atmosfera grazie alla recessione del 2007 e al conseguente calo dei consumi. La grande disponibilità di gas naturale, indotta dal boom del fracking, ha giocato un ruolo marginale.  Leggi

La Costa Rica usa solo energie rinnovabili

La Costa Rica sta funzionando senza usare nessun tipo di combustibile fossile da ben 75 giorni. Grazie alle intense precipitazioni di quest’anno, le centrali idroelettriche stanno generando da sole quasi tutta l’energia elettrica che serve per alimentare il paese. Leggi

La Commissione europea approva un pacchetto di misure per creare un mercato energetico unico

La Commissione europea ha approvato un pacchetto di misure per creare un mercato energetico unico in Europa. Il piano dell’Unione energetica darebbe alla Commissione un ruolo maggiore nella negoziazione dei contratti per la fornitura di gas. È in parte destinato a ridurre la dipendenza europea dal gas russo, in un momento di tensione a causa del conflitto nell’est dell’Ucraina.

Le proposte devono ancora essere approvate dagli stati membri e dal parlamento europeo. Secondo la Commissione, un mercato energetico unico darà più scelta agli utenti, abbatterà i prezzi e ridurrà l’uso di combustibili fossili.

“L’energia che sostiene la nostra economia deve essere resistente, affidabile, sicura e sempre più rinnovabile e sostenibile”, ha detto il presidente della Commissione Jean-Claude Juncker. I critici però accusano la Commissione di voler prendere il controllo del settore energetico, mentre secondo gli ambientalisti bisognerebbe fare di più per ridurre le emissioni di gas serra. Bbc

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.