Il bibliopatologo risponde

Una rubrica di posta sulle perversioni culturali. Se volete sottoporre i vostri casi, scrivete a g.vitiello@internazionale.it

Cure palliative per la bibliomania

Ho una manifesta dipendenza dai libri. Ultimamente però leggo libri che parlano di libri, di accumulatori di libri eccetera. Come uscire da questo tunnel che arredo da anni con ampi scaffali? Leggi

Cento puntate di bibliopatologo e il mondo va sempre peggio

Gentile bibliopatologo, cosa significa essere un lettore? E poi: lettori si nasce o si diventa? Leggi

pubblicità
A che servono le brutte prefazioni

Sento l’obbligo di leggere tutte le introduzioni e le prefazioni dei libri, anche le più scialbe, mediocri e inutili. È un caso di pedanteria? Leggi

Come sbarazzarsi di una moglie che ti impedisce di leggere

Mia moglie l’altro giorno mi ha accusato di essere più interessato ai miei libri che a lei: debbo considerarmi bigamo? Leggi

La massoneria dei traslocatori bibliofili

Durante un trasloco ho perso più di settanta libri. Come faccio a superare questo lutto? Leggi

pubblicità
La casta dei bibliopatologi

Caro dottore, come si fa ad avvicinarsi al mestiere del bibliopatologo? Leggi

Non accumulate libri su questa terra

Ho un conoscente che ama regalare i libri che ha appena finito di leggere. Non altre copie della stessa opera, ma proprio la sua copia. Che ci sarà dietro? Leggi

Il cimitero dei libri dimenticati

Sono intrigato solo da scrittori pressoché sconosciuti e di cui si sono perse le tracce dopo le prime pubblicazioni. A cosa è dovuta questa mia ossessione per gli obliati dalla repubblica delle lettere? Leggi

Anche i lettori marcano il territorio

Amo sottolineare i libri a penna, e questo mi costa le accuse più feroci. Che fare? Leggi

Il fascino dei libri proibiti

Ho sempre avuto un rapporto strano con i libri: sono una persona curiosa, ma sono cresciuta con paletti grandi come case imposti da insegnanti e genitori. ​ Leggi

pubblicità
Guida turistica ai mondi letterari

Caro bibliopatologo, un paio d’anni fa ho sperimentato sulla mia pelle l’effetto lenitivo di un libro in un momento in cui la vita mi ha ferito profondamente. Leggi

Chiodo scaccia chiodo, libro scaccia libro

Gentile bibliopatologo, come si fa a superare il senso di lutto che ci pervade quando finiamo di leggere un libro? Leggi

Processo al bovarismo

Caro bibliopatologo, quanto è grande il rischio di idealizzare un amore, se si sono lette le storie di Isabel Allende, Emily Brontë, Lev Tolstoj? Leggi

Dormire in mezzo ai libri fa bene

Gentile bibliopatologo, è più importante leggere o possedere un libro? Leggi

La biblioteca disonorata

Amo la lettura, ma non leggo mai. Perché non sopporto di trovarmi di fronte a un libro che non mi piace, che non riesce a rapirmi. Leggi

pubblicità
Lo spaesamento del lettore indeciso

Per ogni libro che leggo di un qualsivoglia autore, ne leggo anche uno di Calvino. È normale una tale ossessione per uno scrittore? Leggi

Lo yoga della lettura

Ogni volta che comincio un libro si presenta questo scenario. I primi giorni mi immergo in una lettura appassionata, poi lo abbandono. Leggi

Sbadigli repressi 

Succede da sempre, da quando leggevo le favole alla nonna. Leggo i libri fino alla fine, ma dopo 4-5 pagine sbadiglio. Leggi

Ogni scrittore è uno sciamano

Mi domando spesso come facciano gli scrittori, soprattutto quelli giovani, a pronunciarsi su cosa hanno in testa i loro personaggi. Leggi

Se ti rifugi nei libri non chiuderti a chiave

È normale cercare certe risposte nei libri? A volte temo che il mio sia un tentativo di allontanare la realtà, per paura di viverla fino in fondo. Leggi

pubblicità