Nato

I missili della discordia tra Stati Uniti e Turchia

Il presidente turco, nel suo sogno di restituire alla Turchia la grandezza ottomana, collabora con la Russia e l’Iran sulla Siria, attacca l’occidente di cui dovrebbe essere alleato e ignora qualsiasi critica sui diritti umani. Leggi

L’uscita degli Stati Uniti dalla Nato sarebbe un regalo per Mosca

Si tratterebbe di un sisma strategico perché, tranne Francia e Regno Unito, gli altri paesi europei si sono affidati agli americani dai tempi della guerra fredda. Leggi

pubblicità
Le alleanze variabili tra Nato, Trump e Putin

Nonostante la consueta tempesta di affermazioni contraddittorie e improvvisate, la settimana di Donald Trump ha fatto emergere un paio di evidenti verità. Leggi

Cosa aspettarsi da Trump negli incontri con la Nato e Putin

A Bruxelles e a Mosca diventerà più chiaro se è possibile ostacolare il tentativo di Trump di smantellare le basi dell’attuale sistema di governo mondiale. Leggi

La versione del Cremlino

Il conflitto in Ucraina, la guerra in Siria, i rapporti con l’Europa. Le posizioni dell’establishment di Mosca, e di milioni di russi, nell’intervista con il politologo Sergej Markov. Leggi

pubblicità
L’impossibile divorzio tra Europa e Stati Uniti

Nonostante la presenza di Trump, l’Europa non uscirà dalla sua alleanza storica con gli Stati Uniti, perché non ha né la capacità né la volontà di lanciarsi in questa costosa avventura. Leggi

In Medio Oriente cambiano alleanze e tradizioni

Le guerre e le rivalità hanno cambiato la situazione: Bashar al Assad è scontento del sostegno turco, in Iran gli accademici alzano la voce e il clero saudita diventa moderato. Leggi

Con l’attacco ai curdi la Turchia si allontana dalla Nato

Il presidente turco non vuole restare in secondo piano sul futuro della Siria e non vuole alla frontiera un’enclave armata di curdi, appoggiati dagli Stati Uniti. Leggi

Gli Stati Uniti minacciano di diminuire la loro partecipazione alla Nato
Gli Stati Uniti minacciano di diminuire la loro partecipazione alla Nato. Il segretario della difesa James Mattis ha dichiarato che se i paesi membri della Nato non aumenteranno le proprie spese militari Washington “diminuirà il suo coinvolgimento” nell’alleanza atlantica. Nei giorni scorsi il presidente Donald Trump aveva chiesto ai paesi che fanno parte della Nato di far salire le loro spese al 2 per cento del loro prodotto interno lordo, cosa che al momento fanno solo cinque nazioni.
Le manovre della Nato contro la Russia di Putin

L’8 e il 9 luglio, i capi di stato e di governo della Nato si riuniscono in un vertice a Varsavia per rafforzare la loro presenza militare in Europa orientale; un chiaro messaggio rivolto alla Russia di Vladimir Putin. Leggi

pubblicità
La Nato rafforza la sua presenza militare in Europa orientale

La Nato moltiplica le sue iniziative per contrastare la Russia e rafforza le sue posizioni a est schierando quattro battaglioni multinazionali negli stati baltici (Lituania, Lettonia, Estonia) e in Polonia. Paesi che più degli altri avvertono la minaccia di Mosca dopo la sua annessione forzata della Crimea nel marzo 2014. Leggi

È in corso la più grande esercitazione militare in Europa orientale dai tempi della guerra fredda.
È in corso la più grande esercitazione militare in Europa orientale dai tempi della guerra fredda. Le grandi manovre in Polonia dureranno una decina di giorni e coinvolgeranno 31mila soldati di 24 paesi della Nato e dei paesi partner, tra cui l’Ucraina. L’esercitazione rischia di far salire la tensione tra Mosca e Washington, che si accusano a vicenda di voler rafforzare la loro presenza militare in Europa.
La Nato invierà delle navi nel mar Egeo.
La Nato invierà delle navi nel mar Egeo. Il segretario generale dell’alleanza atlantica Jens Stoltenberg ha confermato che la nato invierà delle navi nell’Egeo con lo scopo di identificare le imbarcazioni dei trafficanti di esseri umani che trasportano i profughi dalla Turchia alle isole greche. L’annuncio arriva dopo una richiesta dei ministri della difesa di Turchia, Germania e Grecia, riuniti a Bruxelles.
La Nato potrebbe partecipare a un’operazione di pattugliamento del mar Egeo.
La Nato potrebbe partecipare a un’operazione di pattugliamento del mar Egeo. I mezzi dell’alleanza atlantica avranno lo scopo di identificare le imbarcazioni dei trafficanti di esseri umani che trasportano i profughi dalla Turchia alle isole greche. Lo ha dichiarato Ashton Carter, segretario alla difesa degli Stati Uniti.
La Nato invita il Montenegro a entrare nell’alleanza
La Nato invita il Montenegro a entrare nell’alleanza. I ministri degli esteri della Nato riuniti a Bruxelles hanno chiesto al paese dell’ex blocco comunista di avviare i negoziati per diventare il 29º paese dell’alleanza militare guidata dagli Stati Uniti. Un’iniziativa apertamente osteggiata da Mosca, che teme la destabilizzazione dell’area balcanica.
pubblicità
Germania, Turchia e Italia resteranno in Afghanistan
Germania, Turchia e Italia resteranno in Afghanistan. Lo scrive la Reuters Italia, citando fonti anonime della Nato. La decisione formale dovrebbe arrivare al prossimo vertice della Nato all’inizio di dicembre. Il 15 ottobre il presidente Barack Obama ha annunciato che prolungherà la presenza delle truppe statunitensi in Afghanistan.
La Nato esprime preoccupazione sui raid russi in Siria.
La Nato esprime preoccupazione sui raid russi in Siria. Il segretario generale Jens Stoltenberg ha avvertito che l’alleanza è pronta a dispiegare le proprie forze in Turchia, se continueranno le incursioni nello spazio aereo turco da parte dell’aviazione russa. Il governo siriano ha annunciato nel frattempo una vasta operazione via terra.
La Nato pronta a schierarsi in Turchia se la Russia non rispetta il suo spazio aereo

Lo ha detto il segretario generale dell’Alleanza, Jens Stoltenberg, a margine della riunione dei ministri della difesa dell’Alleanza che si è tenuta oggi a Bruxelles. Leggi

Il regime siriano lancia un’offensiva via terra contro i ribelli
Il regime siriano lancia un’offensiva via terra contro i ribelli. Dopo una settimana di raid aerei russi, il governo siriano ha detto di essere pronto a una vasta operazione militare via terra. Mosca, intanto, intensificherà i bombardamenti. La crisi siriana è al centro di una riunione dei ministri della difesa della Nato oggi a Bruxelles.
La Nato chiede alla Russia di interrompere i raid aerei in Siria
La Nato chiede alla Russia di interrompere i raid aerei in Siria. Una riunione d’emergenza del Consiglio atlantico, convocata a Bruxelles dopo le violazioni dello spazio aereo turco da parte di caccia russi, si è conclusa con una dichiarazione in cui i 28 paesi dell’Alleanza chiedono “l’immediata cessazione degli attacchi contro l’opposizione siriana e i civili”. Mosca sostiene che i bombardamenti sono contro lo Stato islamico e altri gruppi jihadisti.
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.