Corea del Nord

Corea del Nord

Capitale
Pyongyang
Cambio
Ora locale
Borsa
Meteo
Pil pro capite
Temperatura
Popolazione
Moneta
Won nordcoreano
Superficie
Il mondo all’una

Il missile nordcoreano, violenze nella Repubblica Centrafricana, blackout alla British Airways: cosa succede nel mondo. Leggi

L’arma non convenzionale di Pyongyang

Al culmine della tensione con Washington, la Corea del Nord ha arrestato due statunitensi. L’unico fatto davvero preoccupante della crisi tra i due paesi. Leggi

pubblicità
Il voto in Corea del Sud riporterà il sole nella penisola?

Moon Jae-in, nuovo presidente sudcoreano, vuole riaprire le relazioni con la Corea del Nord. Ma la presenza di Donald Trump gli complica il compito. Leggi

La Cina prova a frenare l’aggressività della Corea del Nord

I leader cinesi vogliono mantenere buoni rapporti con Donald Trump e il governo di Pyongyang con le sue ambizioni belliche è diventato un intralcio. Leggi

Nel mio rifugio antiatomico

In Giappone aumenta la richiesta della costruzione di rifugi antiatomici nei sotterranei delle case, per paura di possibili attacchi nucleari nordcoreani. Leggi

pubblicità
In Cina aumenta l’insofferenza nei confronti di Pyongyang

Qualche giorno fa mi è stato chiesto di consultare la mia “sfera di cristallo” per dire come sarebbe andata a finire la vicenda nordcoreana: ci sarà la guerra? Leggi

L’esercito russo nega di aver schierato nuove forze al confine con la Corea del Nord.
L’esercito russo nega di aver schierato nuove forze al confine con la Corea del Nord. In un comunicato all’agenzia Interfax, il portavoce del distretto militare dell’estremo oriente Alexander Gordeyev ha negato lo schieramento di forze aggiuntive vicino al confine con la Corea del Nord. I movimenti di armamenti che la stampa ha riportato come nuovi schieramenti erano operazioni previste da tempo.
La portaerei Carl Vinson non è diretta verso la Corea.
La portaerei Carl Vinson non è diretta verso la Corea. Al contrario di quanto avevano annunciato Pentagono e Casa Bianca nelle ultime settimane, la flotta da guerra statunitense guidata dalla portaerei Carl Vinson non si è diretta verso la penisola coreana. Durante lo scorso finesettimana la flotta si trovava nell’oceano Indiano, tra Indonesia e Australia e solo adesso sta facendo rotta verso il Pacifico occidentale. Rimane alta la tensione diplomatica tra Stati Uniti e Corea del Nord: Washington minaccia di sabotare i test missilistici di Pyongyang, mentre il viceministro degli esteri nordcoreano è arrivato a parlare di attacco nucleare preventivo.
L’ambasciatore della Corea del Nord presso le Nazioni Unite ha dichiarato che “una guerra nucleare potrebbe scoppiare da un momento all’altro”.
L’ambasciatore della Corea del Nord presso le Nazioni Unite ha dichiarato che “una guerra nucleare potrebbe scoppiare da un momento all’altro”. Kim In-ryong ha detto che “gli Stati Uniti stanno disturbando la pace e la stabilità globale. La Corea è pronta a reagire a qualunque tipo di guerra voluta dagli Stati Uniti”. E il viceministro degli esteri nordcoreano, Han Song-ryol, in un’intervista alla Bbc ha dichiarato: “Condurremo altri test missilistici su base settimanale, mensile e annuale”. Intanto, a Tokyo, il primo ministro giapponese ha chiesto una soluzione pacifica della crisi nucleare durante il suo incontro di oggi con il vicepresidente degli Stati Uniti Mike Pence.
La Corea del Nord ha fallito il lancio di un missile balistico sulla sua costa orientale
La Corea del Nord ha fallito il lancio di un missile balistico sulla sua costa orientale. Secondo fonti militari sudcoreane e statunitensi, il missile è esploso a pochi secondi dal lancio. Poche ore prima, durante la parata militare per il 105esimo anniversario della nascita di Kim Il Sung, Pyongyang aveva avvertito di essere pronta a rispondere agli Stati Uniti con un attacco nucleare. Nel frattempo il vice presidente statunitense Mike Pence è arrivato a Seoul, da dove partirà un viaggio di dieci giorni in Asia per confermare il sostegno agli alleati nella regione. Dalla capitale sudcoreana Pence ha dichiarato che il tempo della pazienza con la Corea del Nord è finito.
pubblicità
La Corea del Nord è pronta a rispondere agli Stati Uniti con un attacco nucleare
La Corea del Nord è pronta a rispondere agli Stati Uniti con un attacco nucleare. Oggi il paese celebra il 105esimo anniversario dalla nascita del suo fondatore Kim Il Sung. Dopo la decisione di schierare la portaerei Carl Vinson nel Pacifico occidentale, durante la grande parata militare a Pyongyang sarebbero stati esibiti nuovi missili a lunga gittata e sottomarini. Nel frattempo il governo cinese, unico alleato della Corea del Nord, ha fatto sapere che se la tensione tra Pyongyang e Washington continuerà a crescere, il conflitto armato sarà inevitabile e non avrà vincitori. Pechino ha lanciato un appello a entrambe le parti perché smettano di minacciarsi.
Scene da Pyongyang
Secondo il Giappone la Corea del Nord potrebbe essere in grado di armare i propri missili con il gas sarin.
Secondo il Giappone la Corea del Nord potrebbe essere in grado di armare i propri missili con il gas sarin. Lo ha dichiarato il premier giapponese Shinzo Abe. Intanto la Corea del Nord si prepara alle celebrazioni del 15 aprile dedicate al 105° compleanno di Kim Il-sung, fondatore dello stato e nonno dell’attuale leader Kim Jong-un. Secondo alcuni osservatori potrebbe essere lo scenario per un nuovo lancio di missili o un test nucleare. Secondo il think tank 38 North alcune immagini satellitari scattate il 12 aprile mostrano “attività continue” al sito di test nucleari nordcoreano di Punggye-ri, nel nordest del paese.
Il presidente cinese Xi Jinping chiede una soluzione pacifica della crisi coreana.
Il presidente cinese Xi Jinping chiede una soluzione pacifica della crisi coreana. Il capo di stato cinese ha avuto un colloquio telefonico con il presidente statunitense Donald Trump all’indomani delle dichiarazioni di Donald Trump sulla Corea del Nord. Il presidente statunitense si era detto deciso a risolvere il problema da solo, se la Cina non darà una mano, e aveva inviato una flotta di portaerei verso la penisola coreana.
La Corea del Nord pronta a difendersi dalla flotta statunitense.
La Corea del Nord pronta a difendersi dalla flotta statunitense. Il ministro della difesa nordcoreano ha dichiarato “sconsiderata” l’azione della marina statunitense, che nei giorni scorsi ha schierato il gruppo d’attacco della portaerei Carl Vinson nel Pacifico occidentale. Corea del Sud e Cina hanno minacciato di inasprire le sanzioni contro la Corea del Nord se Pyongyang non interromperà i suoi test nucleari, e alla fine di aprile è previsto un vertice tra Stati Uniti, Giappone e Corea del Sud per mettere a punto una strategia comune. Ma Washington è pronta a muoversi anche da sola contro il regime di Kim Jong-un.
pubblicità
Un confine fantasma

La regione speciale al confine tra Cina e Corea del Nord sarebbe dovuta essere un’area di sviluppo comune tra i due paesi, ma tutti i progetti economici sono in stallo in seguito alle crescenti tensioni nella regione. La zona di frontiera oggi è un area fantasma, tra edifici abbandonati, lotti vuoti e tubi impilati. Leggi

Gli Stati Uniti schierano navi da guerra a largo della Corea del Sud
Gli Stati Uniti schierano navi da guerra a largo della Corea del Sud. La marina militare statunitense ha ordinato al gruppo di attacco della portaerei Carl Vinson di schierarsi nel Pacifico occidentale. La mossa, descritta come una misura preventiva, arriva in seguito alle crescenti preoccupazioni riguardanti il programma nucleare nordcoreano. Il presidente statunitense Donald Trump si è detto pronto ad agire da solo per contenere la minaccia nucleare di Pyongyang.
Corea del Nord, Russia e Iran reagiscono all’attacco missilistico statunitense in Siria.
Corea del Nord, Russia e Iran reagiscono all’attacco missilistico statunitense in Siria. Continuano le reazioni dei leader mondiali alla decisione degli Stati Uniti di lanciare 59 missili Tomahawk contro la base militare di al Shayrat, in Siria. Il ministero degli esteri nordcoreano ha condannato l’attacco definendolo un “imperdonabile atto di aggressione” che conferma “che sviluppare armi nucleari in Corea del Nord è la scelta giusta”. Il vice inviato di Mosca alle Nazioni Unite ha definito “illegittime” le azioni di Washington, che “potrebbero avere serie conseguenze sugli equilibri nell’area”. Il presidente iraniano Hassan Rouhani ha dichiarato che l’attacco statunitense porterà “solo distruzione e pericolo per la regione e per il mondo intero”.
Lancio di un missile nordcoreano verso il Giappone
Lancio di un missile nordcoreano verso il Giappone. È la quinta volta dall’inizio dell’anno che Pyongyang conduce test nucleari di questo tipo, nonostante le sanzioni internazionali. Il lancio è avvenuto un giorno prima dell’inizio di un vertice tra Stati Uniti e Cina per discutere proprio dei pericoli del programma nucleare di Pyongyang.
pubblicità