Uruguay

Uruguay

Capitale
Montevideo
Cambio
Ora locale
Borsa
Meteo
Pil pro capite
Temperatura
Popolazione
Moneta
Peso uruguaiano
Superficie
Offerte per la dea del mare
È morto Gregorio Álvarez, ultimo dittatore dell’Uruguay.
È morto Gregorio Álvarez, ultimo dittatore dell’Uruguay. Il generale, soprannominato Goyo, che ha guidato il paese dal 1981 al 1985, è morto a causa di un attacco cardiaco a 91 anni. Era stato condannato a 25 anni di carcere nel 2009, per i crimini commessi contro gli oppositori politici. È stato ritenuto responsabile della sparizione di 40 persone.
pubblicità
La migliore cannabis dell’Uruguay

L’Uruguay è stato il primo paese al mondo a legalizzare la vendita e il consumo di cannabis. Da 5 anni, nel mese di luglio, a Montevideo viene organizzata la Cannabis cup, una competizione in cui vengono votate le foglie migliori del paese. Leggi

Dolores distrutta
La Colombia legalizza l’uso terapeutico della cannabis

Dopo Cile, Puerto Rico e Uruguay (dove la sostanza è legale anche a fini ricreativi), la Colombia è il quarto paese dell’America latina che permette l’uso della cannabis per fini medici. Una pianta che resta proibita in 17 paesi paesi della regione. Leggi

pubblicità
Solidarietà da Montevideo
Giappone, Ucraina, Egitto, Senegal e Uruguay al Consiglio di sicurezza dell’Onu.
Giappone, Ucraina, Egitto, Senegal e Uruguay al Consiglio di sicurezza dell’Onu. Resteranno in carica per due anni a partire dal 1 gennaio. Il Consiglio di sicurezza è formato da cinque membri permanenti e da dieci non permanenti che vengono eletti, cinque all’anno, dall’Assemblea generale.
La scrittura cura la cattiva memoria

Dalla fondazione della scrittura in Iraq al perché è importante scrivere. Un estratto da Specchi. Una storia quasi universale, ultimo libro pubblicato in Italia dallo scrittore uruguaiano Eduardo Galeano. Leggi

È morto lo scrittore uruguaiano Eduardo Galeano

Lo scrittore uruguaiano Eduardo Galeano è morto a 74 anni a Montevideo. Era stato ricoverato in ospedale il 10 aprile per le conseguenze di un cancro ai polmoni. Galeano era nato a Montevideo il 3 settembre 1940 ed era giornalista, scrittore e saggista.

Dalla pubblicazione nel 1971 del romanzo Le vene aperte dell’America Latina, Galeano è diventato un punto di riferimento della letteratura di denuncia sudamericana. Le sue opere sono state pubblicate in una ventina di lingue. Prima di diventare uno dei più importanti intellettuali di sinistra dell’America Latina, Galeano aveva lavorato come operaio, disegnatore, imbianchino, postino, dattilografo e cassiere.

Quando i militari presero il potere con un colpo di stato in Uruguay nel 1973, Galeano fu messo in carcere e poi fuggì in Argentina. Quando il generale Jorge Rafael Videla salì al potere in Argentina, il suo nome fu aggiunto alla lista delle persone condannate dagli squadroni della morte e lui fuggì in Spagna. Tornò a Montevideo all’inizio del 1985.

pubblicità
Ritmo africano al carnevale di Montevideo

A Montevideo, la capitale dell’Uruguay, sono cominciate le celebrazioni del carnevale, con le tradizionali sfilate conosciute con il nome di llamadas. Leggi

Approvato l’uso di cannabis a scopo medico in Uruguay

In Uruguay il governo ha autorizzato l’uso di cannabis a scopo medico e scientifico, con l’approvazione del ministero della sanità pubblica. Nel 2013 il governo ha approvato una legge per legalizzare la marijuana a fini ricreativi, che ne permette la coltivazione, il consumo e la vendita. Ogni cittadino può acquistare un massimo di dieci grammi di marijuana ogni settimana, dopo l’iscrizione a un registro nazionale.

Per la ricerca scientifica gli studiosi potranno rifornirsi da produttori registrati all’Istituto di regolamentazione e di controllo della cannabis (Ircca), creato dopo la legalizzazione nel 2013. La cannabis potrà essere somministrata a pazienti con più di 18 anni di età, che per trenta giorni non potranno consumare marijuana per scopo ricreativo. Afp

Pepe Mujica, un politico vero

A dicembre, nel grande auditorium della fiera del libro di Guadalajara, in Messico, José “Pepe” Mujica ha risposto a qualche domanda. Era strano: il paese ospite della fiera era l’Argentina, ma l’evento principale è stato l’incontro con il presidente dell’Uruguay. Quasi duemila persone – di domenica, alle nove di mattina – sono venute ad ascoltarlo. Leggi

Gli artificieri fanno brillare un pacco sospetto vicino all’ambasciata israeliana in Uruguay

La polizia uruguaiana ha trovato un oggetto sospetto simile a una bomba a settanta metri dall’ambasciata israeliana a Montevideo. Gli artificieri l’hanno fatto brillare per precauzione. Secondo la polizia, il pacco conteneva un “elemento elettronico che imitava un detonatore” ma non ha causato alcun danno. Afp

Una bomba è esplosa parzialmente vicino all’ambasciata israeliana in Uruguay. Ha’aretz

Una bomba è esplosa vicino all’ambasciata israeliana in Uruguay. Ha’aretz

pubblicità
Rilasciati sei detenuti di Guantanamo

Gli Stati Uniti hanno rilasciato sei detenuti di Guantanamo e li hanno mandati in Uruguay per la riabilitazione. Si tratta di quattro siriani, un palestinese e un tunisino. Erano sospettati di far parte di Al Qaeda, ma non sono stati mai processati.

L’ex presidente José Mujica aveva proposto a marzo del 2014 di prenderli in carico. Quasi metà dei 136 detenuti di Guantanamo potrebbero uscire dal carcere ed essere trasferiti, ma i loro paesi di origine sono troppo instabili o insicuri perché possa avvenire il rimpatrio. Per questo una cinquantina di paesi ha dato la disponibilità ad accoglierli.Ap

Un voto senza sorprese

Il ballottaggio delle elezioni presidenziali in Uruguay, che si è svolto il 30 ottobre, non ha riservato nessuna sorpresa. Tabaré Vázquez, candidato della coalizione di centrosinistra Frente amplio, la stessa del presidente uscente José “Pepe” Mujica, ha vinto con il 53,6 per cento dei voti. Mentre Luis Lacalle Pou, il giovane candidato del Partido nacional (centrodestra) che al primo turno era arrivato secondo contro i pronostici, ha ottenuto solo il 41,1 per cento delle preferenze. Leggi

Tabaré Vázquez ha vinto il ballottaggio in Uruguay

Tabaré Vázquez, candidato del partito di centrosinistra Frente amplio, ha vinto il secondo turno delle elezioni presidenziali in Uruguay. Con il 52,8 per cento dei voti, ha sconfitto Luis Alberto Lacalle Pou, 41 anni, del Partido nacional di centrodestra, che si è fermato al 40,5 per cento.

Vázquez, un oncologo di 74 anni, ha già guidato il paese tra il 2005 e il 2010. Succederà a José “Pepe” Mujica. Reuters

Il mondo all’una

Uruguay. Si svolge oggi il secondo turno delle elezioni presidenziali. A sfidarsi sono Tabaré Vázquez, candidato del Frente amplio (centrosinistra), e Luis Alberto Lacalle Pou, del Partido nacional (centrodestra). Il candidato vincente succederà a José “Pepe” Mujica, attualmente alla guida del paese.

Moldova. Si vota oggi per le elezioni parlamentari. Il partito che dovrebbe prendere più voti è il Partito dei comunisti della Repubblica di Moldova (Pcrm), contro il principale avversario, il Partito liberale democratico di Moldova (Pldm). Il tema più importante riguarda il futuro dei rapporti con l’Unione europea e la Russia.

Papa Francesco. Prosegue il viaggio del papa in Turchia. A Istanbul è stato accolto dal patriarca ecumenico di Costantinopoli Bartolomeo I che lo ha accompagnato nella chiesa di san Giorgio. Il papa ha condannato il “disumano e insensato attentato” alla moschea di Kano in Nigeria rivendicato dal gruppo Boko haram.

Siria. Cinquanta jihadisti del gruppo Stato islamico sono morti durante le ultime ventiquattr’ore nella città di Kobane, in Siria. Le morti sono dovute agli attacchi aerei da parte della coalizione guidata dagli Stati Uniti, a violenti combattimenti contro le milizie curde e a cinque attentati suicidi avvenuti a Kobane.

Egitto. Un uomo è stato ucciso al centro del Cairo durante gli scontri tra la polizia e i manifestanti che protestavano ieri contro la decisione del tribunale di assolvere l’ex presidente Hosni Mubarak. L’ex presidente era stato accusato di complicità per le oltre 800 persone morte durante le proteste della primavera araba egiziana.

Il secondo turno delle presidenziali in Uruguay

Si svolge oggi in Uruguay il secondo turno delle elezioni presidenziali. Si sfidano Tabaré Vázquez, 74 anni, candidato del Frente amplio (centrosinistra), e Luis Alberto Lacalle Pou, 41 anni, del Partido nacional (centrodestra). Uno dei due candidati succederà a José “Pepe” Mujica, attualmente alla guida del paese.

pubblicità