Silvio Berlusconi

Loro e noi

Loro, l’atteso film di Paolo Sorrentino su Silvio Berlusconi e il suo sistema di potere, arriva nelle sale in uno dei tanti momenti topici che continuano a scandire l’interminabile vicenda politica del leader di Forza Italia. Leggi

Il senato ha negato l’autorizzazione per l’uso delle intercettazioni di Silvio Berlusconi.
Il senato ha negato l’autorizzazione per l’uso delle intercettazioni di Silvio Berlusconi. La giunta per le immunità parlamentari aveva chiesto il via libera all’aula per utilizzare le intercettazioni nell’ambito dell’inchiesta Ruby ter sulle presunte feste “a luci rosse” nella residenza di Arcore dell’ex premier italiano. Le telefonate intercettate erano quelle con le cosiddette “olgettine”, le ragazze che avrebbero partecipato alle feste.
pubblicità
Silvio Berlusconi sarà operato al cuore.
Silvio Berlusconi sarà operato al cuore. L’ha confermato il suo medico personale Alberto Zangrillo, secondo il quale Berlusconi “ha rischiato di morire”. L’ex premier, 79 anni, soffre di “insufficienza aortica di grado severo” e sarà operato per la sostituzione della valvola aortica. Berlusconi è ricoverato all’ospedale San Raffaele di Milano dal 7 giugno.
Silvio Berlusconi ricoverato a Milano, non è in gravi condizioni.
Silvio Berlusconi ricoverato a Milano, non è in gravi condizioni. L’ex premier italiano, 79 anni, è stato ricoverato il 7 giugno all’ospedale San Raffaele per una serie di accertamenti, già programmati dopo uno scompenso cardiaco avvenuto il 5 giugno.
Paragonare Donald Trump a Silvio Berlusconi è sbagliato

Osservando dall’Italia l’ascesa di Donald Trump si ha spesso la sensazione di guardare un vecchio film. Ricorda il tempo in cui Silvio Berlusconi – anche lui proveniente dal mondo dell’immobiliare e dello show business – è comparso sulla scena politica e l’ha calcata come nessuno aveva mai fatto. Leggi

pubblicità
Guido Bertolaso ritira la sua candidatura alle comunali a Roma
Guido Bertolaso ritira la sua candidatura alle comunali a Roma. Forza Italia sosterrà Alfio Marchini. La decisione è arrivata dopo un incontro a palazzo Grazioli tra Silvio Berlusconi e l’ex capo della Protezione civile. Le elezioni nella capitale si terranno il 5 giugno. Tra gli altri candidati al Campidoglio ci sono Roberto Giachetti del Partito democratico, Virginia Raggi del Movimento 5 stelle e Giorgia Meloni di Fratelli d’Italia.
La procura di Roma apre un’inchiesta sulle intercettazioni a Silvio Berlusconi.
La procura di Roma apre un’inchiesta sulle intercettazioni a Silvio Berlusconi. L’ex premier italiano è uno dei leader stranieri che sono stati intercettati dall’agenzia statunitense Nsa, come hanno rivelato dei nuovi documenti pubblicati dal sito Wikileaks. Tra le telefonate di Berlusconi spiate ce ne sarebbe una con Angela Merkel e Nicolas Sarkozy dell’ottobre 2011, alla vigilia delle sue dimissioni.
A Bologna Berlusconi ha celebrato il suo funerale politico

È salito sul palco per primo. Non in virtù della sua età o della sua esperienza, ma semplicemente come il primo in ordine alfabetico degli oratori. Domenica 8 novembre, a Bologna, l’ex presidente del consiglio che ha regnato sul paese per nove anni e sulla destra italiana per venti ha firmato la sua resa politica partecipando a un comizio organizzato dalla Lega nord. Leggi

Raduno della Lega nord a Bologna, la polizia carica gli antagonisti.
Raduno della Lega nord a Bologna, la polizia carica gli antagonisti. Un agente è rimasto ferito negli scontri con militanti di collettivi e centri sociali, che protestavano contro la manifestazione convocata nel capoluogo emiliano da Matteo Salvini. Oltre al leader della Lega, dal palco hanno parlato l’ex premier Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni di Fratelli d’Italia.
Berlusconi torna in scena, ma solo per un film

Il 29 settembre festeggia 79 anni. I suoi più stretti collaboratori si sono pian piano allontanati da lui e dieci parlamentari di Forza Italia l’hanno abbandonato per entrare nei partiti satellite della maggioranza di Matteo Renzi, l’unico che oggi sembra in grado di garantirgli un futuro.  Leggi

pubblicità
Berlusconi e Lavitola condannati a tre anni di carcere per corruzione

L’ex primo ministro Silvio Berlusconi e l’ex direttore dell’Avanti Valter Lavitola sono stati condannati a tre anni di carcere per corruzione nell’ambito dell’inchiesta sulla cosiddetta compravendita dei senatori. È stata disposta anche l’interdizione dai pubblici uffici per cinque anni. A emettere la sentenza è stato il tribunale di Napoli. Leggi

Silvio Berlusconi condannato per corruzione
Silvio Berlusconi condannato per corruzione. Il tribunale di Napoli ha condannato l’ex premier italiano e l’ex direttore dell’Avanti Valter Lavitola a tre anni di carcere per corruzione, al termine del processo di primo grado sulla cosiddetta compravendita dei senatori.
Chiuse le indagini sul Ruby ter, Silvio Berlusconi rischia un nuovo processo

Silvio Berlusconi avrebbe pagato dieci milioni di euro alle ragazze che hanno partecipato alle feste “a luci rosse” nella sua residenza di Arcore per spingerle al silenzio. È questa l’accusa mossa all’ex premier dalla procura di Milano, che oggi ha chiuso l’indagine Ruby ter sulla presunta compravendita di testimonianze fatta da Berlusconi. L’ex premier risulta indagato per corruzione in atti giudiziari.

Secondo gli inquirenti, Berlusconi avrebbe “comprato” il silenzio delle 21 ragazze che hanno partecipato alle feste e le avrebbe spinte a dare false testimonianze nei processi Ruby (in cui è stato assolto) e Ruby bis. Circa sette milioni sarebbero stati consegnati alla sola Karima El Mahroug, detta Ruby.

Sono in tutto 34 le persone per le quali i pubblici ministeri hanno depositato gli atti dell’inchiesta. Tra loro ci sono l’avvocato milanese Luca Giuliante, il presidente di Medusa film, Carlo Rossella, e molte delle ragazze che parteciparono alle feste.

La procura di Napoli chiede cinque anni di carcere per Silvio Berlusconi

La procura di Napoli ha chiesto una condanna a cinque anni di reclusione per l’ex presidente del consiglio italiano Silvio Berlusconi, accusato di corruzione nel processo sulla cosiddetta compravendita dei senatori. Nello stesso procedimento è imputato anche l’ex direttore de L’Avanti Valter Lavitola, per cui il pubblico ministero ha chiesto una pena di quattro anni e quattro mesi di carcere.

Secondo i magistrati, nel 2007, Berlusconi riuscì a far cadere il governo guidato da Romano Prodi corrompendo alcuni senatori che passarono dal centrosinistra al centrodestra. Tra questi Sergio De Gregorio, eletto nella lista dell’Italia dei valori e poi transitato nelle fila di Forza Italia. L’accusa si basa sulle dichiarazioni dello stesso De Gregorio che, nei mesi scorsi, ha patteggiato una condanna a un anno e otto mesi, confessando di aver ricevuto soldi da Berlusconi e che Lavitola avrebbe avuto il ruolo di mediatore.

Il 7 luglio ci saranno le arringhe degli avvocati della difesa e l’8 è attesa la sentenza.

Chi conquisterà la prateria del centrodestra italiano?

Appena due settimane fa, Raffaele Fitto lanciava la sfida a Silvio Berlusconi dal suo blog con queste parole: “C’è ormai un cupo bunker, costruito intorno a Silvio Berlusconi, dove pochi autonominati pretendono di decidere sulla sorte delle persone, e – peggio ancora – sulla linea politica”. A colpire non è solo il fatto che uno dei massimi dirigenti meridionali di Forza Italia, che ha condiviso in un quindicennio ogni misura e ogni diktat del berlusconismo, lamenti ora l’assenza di democrazia all’interno del suo partito. Leggi

pubblicità
Estinta le pena per Silvio Berlusconi nel processo Mediaset

Il tribunale di sorveglianza di Milano ha dichiarato estinta la pena per Silvio Berlusconi all’esito dei dieci mesi e mezzo di affidamento in prova ai servizi sociali, ai quali l’ex presidente del consiglio era stato ammesso un anno fa dopo la condanna definitiva a quattro anni di carcere (tre dei quali coperti da indulto) per il caso Mediaset.

È stata cancellata anche la pena accessoria, cioè l’interdizione dai pubblici uffici per due anni, e quindi Berlusconi tornerà in libertà. Restano invece in vigore gli effetti della legge Severino, la cui applicabilità è contestata dagli avvocati dell’ex presidente del consiglio. Silvio Berlusconi quindi potrà votare, ma resta ineleggibile.

Il processo Mediaset. Il processo Mediaset era nato da un filone del processo All Iberian e riguardava la compravendita di diritti televisivi da parte di Mediaset attraverso società offshore, riconducibili al gruppo di Berlusconi.

Silvio Berlusconi era stato condannato in via definitiva a quattro anni per frode fiscale l’8 maggio 2013. Secondo l’accusa, Mediaset comprava diritti di film girati negli Stati Uniti attraverso società offshore, che a loro volta li cedevano ad altre società gemelle, facendo lievitare il prezzo dei diritti a ogni passaggio. Questo sistema, aggiungeva l’accusa, permetteva alla società di creare e occultare dei fondi neri.

Salvini e Berlusconi pronti al duello

Si detestano a vicenda, ma per evitare una sconfitta bruciante sono condannati a un’alleanza difficile: a Silvio Berlusconi e a Matteo Salvini rimangono pochi giorni per decidere sulle coalizioni per le elezioni regionali di maggio. Leggi

Ruby ter, da Silvio Berlusconi bonifici ad altre dieci ragazze non indagate

Silvio Berlusconi verserebbe ogni mese dei “bonifici sistematici” tra i 1.500 e i 2.500 euro a dieci ragazze che non sono indagate nel procedimento Ruby ter, l’inchiesta sulla presunta compravendita di testimonianze sulle feste “a luci rosse” nella residenza di Arcore di Berlusconi.

La notizia emerge dagli atti dell’inchiesta, in particolare da una testimonianza del ragioniere contabile Giuseppe Spinelli, la persona che gestiva i pagamenti alle ragazze. Non sarebbero quindi solo le ragazze indagate a ricevere con regolarità soldi dall’ex presidente del consiglio. La Stampa, Ansa

Silvio Berlusconi ha dato più di due milioni di euro alle ragazze ospiti ad Arcore

Più di due milioni di euro, in assegni e bonifici, sono stati versati da Silvio Berlusconi alle ragazze ospiti delle feste “a luci rosse” nella residenza di Arcore, tranne Ruby, nel periodo compreso tra il 2010 e i primi mesi del 2014.

È quello che emerge dagli atti della procura di Milano relativi all’inchiesta “Ruby 3”, depositati al tribunale del riesame dopo gli accertamenti bancari sui conti correnti. Tra assegni e bonifici, dal 2010 al 2014 le ragazze hanno ricevuto circa due milioni di euro. Ansa

Le illusioni di Berlusconi

Dopo l’euforia per l’assoluzione nel caso Ruby e l’annuncio del suo “ritorno in campo”, Silvio Berlusconi deve fare i conti con la triste realtà del centrodestra oltre che con un partito in coma, precipitato al 12 per cento e lacerato da profonde divisioni che sarà difficile risolvere. Leggi

pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.