Volkswagen

La Commissione europea si schiera in difesa dei consumatori

L’8 settembre la Commissione europea riceverà le associazioni di consumatori di tutta l’Unione. Otto giorni dopo aver imposto alla Apple di pagare le tasse arretrate, la Commissione vuole informare le associazioni sui mezzi che la legislazione europea gli offre per chiedere un risarcimento alla Volkswagen nell’ambito dello scandalo dei motori diesel. Leggi

La Volkswagen pronta a pagare risarcimenti per 10 miliardi di dollari agli automobilisti statunitensi.
La Volkswagen pronta a pagare risarcimenti per 10 miliardi di dollari agli automobilisti statunitensi. Dopo lo scandalo dei test sulle emissioni truccati, la casa automobilistica tedesca dovrà provvedere alle riparazioni dei modelli interessati e versare una somma compresa tra i 1.000 e i 7.000 dollari ai proprietari di 482mila auto. L’accordo, frutto di mesi di negoziati, deve essere convalidato da un tribunale federale.
pubblicità
Volkswagen propone a Washington una soluzione per il caso dei test truccati.
Volkswagen propone a Washington una soluzione per il caso dei test truccati. La casa automobilistica è pronta a spendere 10 miliardi di dollari per riparare o ritirare 500mila veicoli negli Stati Uniti. Il piano dovrà essere approvato dall’Agenzia per la protezione ambientale di Washington, che ha fatto scoppiare lo scandalo denunciando le manipolazioni dei test sulle emissioni inquinanti di alcuni modelli diesel.
La Volkswagen trova l’accordo con la giustizia statunitense per risarcire i clienti.
La Volkswagen trova l’accordo con la giustizia statunitense per risarcire i clienti. La casa automobilistica tedesca darà dei “rimborsi sostanziosi” ai clienti statunitensi che possedevano auto coinvolte nello scandalo sulle emissioni truccate e darà possibilità di acquistare un nuovo veicolo. L’azienda è accusata di aver installato un software su circa 600mila auto che falsificava i test sull’inquinamento per i motori diesel.
Renault sfora i limiti consentiti per le emissioni, ma non trucca i test
Renault sfora i limiti consentiti per le emissioni, ma non trucca i test. Lo ha detto la ministra dell’ambiente francese Ségolène Royal. Oggi si è saputo che il 7 gennaio le autorità avevano perquisito alcuni stabilimenti della casa automobilistica per verificare se i test sui gas di scarico fossero manipolati come quelli della Volkswagen. Il gruppo francese ha perso il 10 per cento alla borsa di Parigi.
pubblicità
Renault crolla in borsa per i controlli sui test delle emissioni.
Renault crolla in borsa per i controlli sui test delle emissioni. I titoli della casa automobilistica francese hanno perso fino al 20 per cento in seguito alla notizia che le autorità stavano perquisendo gli stabilimenti del gruppo per verificare se i test sui gas di scarico sono manipolati come quelli della Volkswagen. L’azienda nega qualsiasi irregolarità.
Le vendite della Volkswagen in forte calo dopo lo scandalo sulle emissioni.
Le vendite della Volkswagen in forte calo dopo lo scandalo sulle emissioni. La casa automobilistica tedesca ha registrato un calo delle vendite mondiali del 5 per cento nel 2015. Si tratta della prima flessione negli ultimi tredici anni. Tra le cause del calo, oltre alla vicenda delle emissioni truccate sui motori diesel, c’è un rallentamento nel mercato cinese.
Gli Stati Uniti fanno causa alla Volkswagen per lo scandalo sulle emissioni truccate.
Gli Stati Uniti fanno causa alla Volkswagen per lo scandalo sulle emissioni truccate.Il dipartimento di giustizia statunitense e l’agenzia per la protezione ambientale hanno depositato una denuncia presso un tribunale civile di Detroit. L’azienda tedesca è accusata di aver installato un software su circa 600mila veicoli che falsificava i test sull’inquinamento per i motori diesel.
La Germania apre un’inchiesta anche sulle case automobilistiche straniere

L’autorità tedesca per la motorizzazione farà dei test su più di cinquanta veicoli di case automobilistiche tedesche e straniere per verificare se hanno falsificato le emissioni inquinanti dei motori diesel. Leggi

La Germania ha chiesto modifiche al motore per 540mila auto Volkswagen.
La Germania ha chiesto modifiche al motore per 540mila auto Volkswagen. Per il ministero dei trasporti sarebbero necessari cambiamenti tecnici che vanno oltre la sostituzione del software usato per violare le leggi antismog. I richiami dei modelli Volkswagen ordinati dalla motorizzazione tedesca Kba dovrebbero cominciare a inizio 2016.
pubblicità
Greenpeace contro Volkswagen
Volkswagen ammette irregolarità in altri 800mila veicoli diesel
Volkswagen ammette irregolarità in altri 800mila veicoli diesel. In un comunicato l’azienda tedesca ha spiegato che “indagini interne hanno permesso di stabilire che sono state commesse irregolarità” nella registrazione dei valori delle emissioni di anidride carbonica durante l’omologazione delle auto. I danni di questo annuncio sono stati stimati in circa due miliardi di euro.
Le aziende non resisteranno alla tentazione di usare software che mentono

Oggi i software possono barare per far crescere i profitti delle aziende. Come è successo con il trucco usato dalla Volkswagen. E nessuna azienda resisterà alla tentazione di approfittarne. Leggi

La Volkswagen in rosso per la prima volta dopo 15 anni.
La Volkswagen in rosso per la prima volta dopo 15 anni. La casa automobilistica chiude il terzo trimestre dell’anno con una perdita netta di 1,67 miliardi di euro e una operativa di 3,48 miliardi. I ricavi sono stati superiori alle attese, a 51,5 miliardi, ma a causa dello scandalo delle emissioni la società si aspetta nel 2015 un utile operativo sotto i livelli del 2014.
C’è del marcio nelle aziende tedesche ma se ne parla poco

Lo scandalo che coinvolge la Volkswagen, che ha ammesso di aver manipolato i sistemi di rilevamento delle emissioni di alcuni motori diesel ed è stata costretta a richiamare milioni di vetture, ha messo in luce un aspetto del mondo dell’imprenditoria tedesco poco noto all’opinione pubblica: l’elevata tendenza alla corruzione e alla frode. Leggi

pubblicità
I grandi azionisti della Volkswagen verso una causa contro l’azienda
I grandi azionisti della Volkswagen verso una causa contro l’azienda. Chiederanno alla casa automobilistica 40 miliardi di euro di risarcimento per lo scandalo dei motori diesel che alteravano i test sulle emissioni inquinanti. Seguirà il caso l’avvocato Quinn Emanuel famoso per le sue vittorie in importanti cause collettive.
La Volkswagen richiamerà 8,5 milioni di veicoli in Europa.
La Volkswagen richiamerà 8,5 milioni di veicoli in Europa. Da gennaio le auto con il software che falsificava i test sulle emissioni devono tornare in fabbrica, senza alcun costo per i proprietari. La procura di Verona indaga sei dirigenti della Volkswagen Italia per frode in commercio, dopo le perquisizioni condotte questa mattina dalla guardia di finanza nella sede italiana del gruppo a Verona e in quella della Lamborghini, della stessa proprietà, fuori Bologna.
La Germania ordina alla Volkswagen di ritirare 2,4 milioni di auto
La Germania ordina alla Volkswagen di ritirare 2,4 milioni di auto. La decisione dell’autorità tedesca sui trasporti è arrivata in seguito allo scandalo sulle emissioni truccate nei motori diesel. Stamattina la guardia di finanza italiana ha fatto una serie di perquisizioni nella sede dell’azienda a Verona.
Indagati i manager della Volkswagen in Italia.
Indagati i manager della Volkswagen in Italia. La guardia di finanza sta eseguendo una serie di perquisizioni nella sede della Volkswagen a Verona. Le perquisizioni, secondo l’Ansa, sono state disposte dalla procura di Verona, che ipotizza il reato di frode in commercio.
Perquisizioni nelle fabbriche della Volkswagen in Germania.
Perquisizioni nelle fabbriche della Volkswagen in Germania. Gli inquirenti hanno perquisito la sede centrale di Wolfsburg e altri stabilimenti della casa automobilistica alla ricerca di documenti sulla manipolazione delle emissioni. Intanto il viceministro dei trasporti italiano, Riccardo Nencini, ha fatto sapere che non sono ancora arrivati dati ufficiali sul numero di vetture che circolano in Italia e potrebbero essere coinvolte.
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.