Haiti

Haiti

Capitale
Port-au-Prince
Cambio
Ora locale
Borsa
Meteo
Pil pro capite
Temperatura
Popolazione
Moneta
Gourde haitiano
Superficie
Il Messico è diventato lo scudo degli Stati Uniti contro i migranti

Il presidente Andrés Manuel López Obrador è accusato di ostacolare i migranti africani e haitiani diretti a nord. Le autorità del paese starebbero commettendo violenze e abusi su di loro. Il reportage video di Samuel Bregolin. Leggi

Il muro inutile tra Haiti e la Repubblica Dominicana

Il presidente dominicano vuole costruire una barriera per fermare il narcotraffico e l’immigrazione illegale. Ma l’esempio degli Stati Uniti insegna che erigere muri non serve. Leggi

pubblicità
Lavoratori in piazza

“Il giornalista Lazarre Maxiben, che lavorava per l’agenzia Roi des infos, è stato ucciso il 23 febbraio a Port-au-Prince mentre seguiva una manifestazione di operai... Leggi

Il potere assoluto delle bande criminali

Il recente rapimento di alcuni missionari statunitensi ha chiarito che ad Haiti lo stato è ormai completamente assente. E che i capi di alcune gang hanno aspirazioni politiche Leggi

Ad Haiti il potere è in mano alle bande

Il recente sequestro di un gruppo di missionari statunitensi ha rivelato il potere sempre più capillare delle gang criminali. Ecco alcune ragioni alla base della crescita della violenza. Leggi

pubblicità
Il potere in mano alle gang

“Il 18 ottobre le strade della capitale Port-au-Prince erano quasi vuote dopo l’appello a scioperare lanciato da varie associazioni per protestare contro la situazione... Leggi

Il terremoto infierisce sulla miseria di Haiti

La scossa ha provocato centinaia di vittime e lasciato migliaia di persone senza casa. Eppure dieci anni fa il governo e la comunità internazionale si erano impegnati a ricostruire in sicurezza. E intanto è in arrivo una tempesta tropicale. Leggi

Le zone d’ombra nell’assassinio del presidente haitiano

L’ipotesi più accreditata per l’omicidio di Jovenel Moïse parla di un regolamento di conti all’interno delle bande che controllano i rapimenti e il narcotraffico. La popolazione disperata spera nell’aiuto di Washington. Leggi

La paura del vuoto ad Haiti dopo l’omicidio del presidente Moïse

Il paese ora è di fronte a un vuoto istituzionale. La popolazione è stremata da anni di disastri, corruzione e indifferenza della comunità internazionale. Leggi

Haiti è in mano a un governo autoritario e alle bande criminali

Finalmente gli Stati Uniti, principale attore politico nel paese, si sono decisi ad agire. Il dipartimento del tesoro ha annunciato che imporrà una serie di sanzioni che colpiscono al cuore la presidenza di Moïse. Leggi

pubblicità
Il presidente di Haiti vorrebbe i pieni poteri

In assenza di un parlamento funzionante, il presidente governerà per decreto. Per un paese con un passato segnato da una brutale dittatura, la prospettiva di un’autocrazia è un cattivo presagio. Leggi

Ad Haiti un autobus ha investito un gruppo di persone provocando almeno 38 morti.
Ad Haiti un autobus ha investito un gruppo di persone provocando almeno 38 morti. L’incidente è avvenuto il 12 marzo a Gonaïves, 150 chilometri a nord della capitale Port-au-Prince. Il veicolo ha prima investito un pedone e, nel tentativo di fuggire, è finito contro un corteo di musicisti di strada uccidendo almeno 34 persone e ferendone decine. Altre quattro persone sono morte in ospedale. L’autista è stato fermato dalla polizia ed è poi riuscito a fuggire. Non è ancora chiaro il motivo dell’incidente.
È morto l’ex presidente haitiano René Préval
È morto l’ex presidente haitiano René Préval. Il presidente in carica Jovenel Moïse ha confermato in un tweet che Préval è morto il 3 marzo nella sua abitazione di Port-au-Prince. Aveva 74 anni. Préval fu eletto per la prima volta nel 1995 e durante il suo secondo mandato dovette affrontare la tragedia del terremoto che colpì il paese nel gennaio 2010. Il bilancio delle vittime è di circa 300mila persone. La sua gestione della crisi umanitaria fu criticata, ma molti haitiani gli riconoscono il merito di aver migliorato le infrastrutture del paese, lavorato ad una riforma agraria ed evitato accuse di violazione dei diritti umani.
Prima della parata
pubblicità
Il carnevale di Haiti
Jovenel Moïse è il nuovo presidente di Haiti.
Jovenel Moïse è il nuovo presidente di Haiti. Dopo un anno e mezzo di crisi politica in quello che è considerato uno dei paesi più poveri dei Caraibi, Moïse è diventato il 58° presidente di Haiti. Moïse, scelto dal presidente uscente Michel Martelly, ha vinto le elezioni presidenziali del 2015, ma il voto è stato annullato a causa della denuncia di brogli e irregolarità. Moïse ha vinto, infine, le elezioni del novembre del 2016.
Per le vittime del colera ad Haiti le scuse dell’Onu non bastano

Nel mondo è passato inosservato il discorso pronunciato il 1 dicembre dal segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon, ormai alla fine del suo mandato. Non così ad Haiti: quel giorno un centinaio di persone si è raccolto per ascoltarlo in diretta streaming, e molti hanno festeggiato. Per la prima volta l’Onu, per bocca del suo massimo rappresentante, ha ammesso di aver avuto un ruolo nell’epidemia di colera, scoppiata nel 2010, che ha ucciso quasi diecimila haitiani. Leggi

Un nuovo capitolo nella storia tormentata di Haiti

Devastata sette anni fa da un terremoto le cui ferite sono ancora aperte, Haiti è nuovamente sprofondata nel caos dopo le presidenziali dello scorso 20 novembre. Le strade sono invase da manifestanti e soldati. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.