Haiti

Haiti

Capitale
Port-au-Prince
Cambio
Ora locale
Borsa
Meteo
Pil pro capite
Temperatura
Popolazione
Moneta
Gourde haitiano
Superficie
La crisi sociale e politica è fuori controllo

La decisione del governo haitiano di aumentare il costo del carburante ha scatenato la rabbia della popolazione, stanca della violenza, dell’inflazione e della mancanza di servizi di base Leggi

Non dimenticare l’umanità

Conflitti, calamità naturali, epidemie: garantire la sicurezza della popolazione dovrebbe essere la priorità. Leggi

pubblicità
Violenza di strada

A Haiti la violenza delle gang, cresciuta dopo l’omicidio del presidente Jovenel Moïse, nel luglio 2021, è fuori controllo. “Secondo dati delle Nazioni Unite, tra l’8... Leggi

Ad Haiti la violenza delle bande criminali affama la popolazione

La fame è destinata ad aggravarsi ad Haiti con l’aumento della violenza delle bande criminali, avverte l’Onu. Persiste l’instabilità politica e il premier di fatto rifiuta di indire le elezioni presidenziali dopo l’omicidio del presidente Moise. Leggi

Nessuna soluzione per la crisi haitiana

Un anno dopo l’omicidio del presidente Jovenel Moïse, la situazione politica e sociale peggiora. Con le bande armate che cercano di destabilizzare le istituzioni già fragili Leggi

pubblicità
Il muro del razzismo blocca i rifugiati di Haiti 

Gli Stati Uniti esaminano le richieste di asilo degli haitiani in mare per respingerli con più facilità. È una scappatoia, ma i cittadini dell’isola sono discriminati anche in patria dalle stesse missioni Onu che dovrebbero assisterli. Leggi

Il prezzo pagato per la libertà

Quando Haiti conquistò l’indipendenza nel 1804, la Francia pretese un risarcimento che ha condizionato lo sviluppo del paese. Il New York Times è riuscito a quantificarlo Leggi

Il Messico è diventato lo scudo degli Stati Uniti contro i migranti

Il presidente Andrés Manuel López Obrador è accusato di ostacolare i migranti africani e haitiani diretti a nord. Le autorità del paese starebbero commettendo violenze e abusi su di loro. Il reportage video di Samuel Bregolin. Leggi

Il muro inutile tra Haiti e la Repubblica Dominicana

Il presidente dominicano vuole costruire una barriera per fermare il narcotraffico e l’immigrazione illegale. Ma l’esempio degli Stati Uniti insegna che erigere muri non serve. Leggi

Lavoratori in piazza

“Il giornalista Lazarre Maxiben, che lavorava per l’agenzia Roi des infos, è stato ucciso il 23 febbraio a Port-au-Prince mentre seguiva una manifestazione di operai... Leggi

pubblicità
Il potere assoluto delle bande criminali

Il recente rapimento di alcuni missionari statunitensi ha chiarito che ad Haiti lo stato è ormai completamente assente. E che i capi di alcune gang hanno aspirazioni politiche Leggi

Ad Haiti il potere è in mano alle bande

Il recente sequestro di un gruppo di missionari statunitensi ha rivelato il potere sempre più capillare delle gang criminali. Ecco alcune ragioni alla base della crescita della violenza. Leggi

Il potere in mano alle gang

“Il 18 ottobre le strade della capitale Port-au-Prince erano quasi vuote dopo l’appello a scioperare lanciato da varie associazioni per protestare contro la situazione... Leggi

Il terremoto infierisce sulla miseria di Haiti

La scossa ha provocato centinaia di vittime e lasciato migliaia di persone senza casa. Eppure dieci anni fa il governo e la comunità internazionale si erano impegnati a ricostruire in sicurezza. E intanto è in arrivo una tempesta tropicale. Leggi

Le zone d’ombra nell’assassinio del presidente haitiano

L’ipotesi più accreditata per l’omicidio di Jovenel Moïse parla di un regolamento di conti all’interno delle bande che controllano i rapimenti e il narcotraffico. La popolazione disperata spera nell’aiuto di Washington. Leggi

pubblicità
La paura del vuoto ad Haiti dopo l’omicidio del presidente Moïse

Il paese ora è di fronte a un vuoto istituzionale. La popolazione è stremata da anni di disastri, corruzione e indifferenza della comunità internazionale. Leggi

Haiti è in mano a un governo autoritario e alle bande criminali

Finalmente gli Stati Uniti, principale attore politico nel paese, si sono decisi ad agire. Il dipartimento del tesoro ha annunciato che imporrà una serie di sanzioni che colpiscono al cuore la presidenza di Moïse. Leggi

Il presidente di Haiti vorrebbe i pieni poteri

In assenza di un parlamento funzionante, il presidente governerà per decreto. Per un paese con un passato segnato da una brutale dittatura, la prospettiva di un’autocrazia è un cattivo presagio. Leggi

Ad Haiti un autobus ha investito un gruppo di persone provocando almeno 38 morti.
Ad Haiti un autobus ha investito un gruppo di persone provocando almeno 38 morti. L’incidente è avvenuto il 12 marzo a Gonaïves, 150 chilometri a nord della capitale Port-au-Prince. Il veicolo ha prima investito un pedone e, nel tentativo di fuggire, è finito contro un corteo di musicisti di strada uccidendo almeno 34 persone e ferendone decine. Altre quattro persone sono morte in ospedale. L’autista è stato fermato dalla polizia ed è poi riuscito a fuggire. Non è ancora chiaro il motivo dell’incidente.
pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.