Haiti

Haiti

Capitale
Port-au-Prince
Cambio
Ora locale
Borsa
Meteo
Pil pro capite
Temperatura
Popolazione
Moneta
Gourde haitiano
Superficie
Ad Haiti un autobus ha investito un gruppo di persone provocando almeno 38 morti.
Ad Haiti un autobus ha investito un gruppo di persone provocando almeno 38 morti. L’incidente è avvenuto il 12 marzo a Gonaïves, 150 chilometri a nord della capitale Port-au-Prince. Il veicolo ha prima investito un pedone e, nel tentativo di fuggire, è finito contro un corteo di musicisti di strada uccidendo almeno 34 persone e ferendone decine. Altre quattro persone sono morte in ospedale. L’autista è stato fermato dalla polizia ed è poi riuscito a fuggire. Non è ancora chiaro il motivo dell’incidente.
pubblicità
È morto l’ex presidente haitiano René Préval
È morto l’ex presidente haitiano René Préval. Il presidente in carica Jovenel Moïse ha confermato in un tweet che Préval è morto il 3 marzo nella sua abitazione di Port-au-Prince. Aveva 74 anni. Préval fu eletto per la prima volta nel 1995 e durante il suo secondo mandato dovette affrontare la tragedia del terremoto che colpì il paese nel gennaio 2010. Il bilancio delle vittime è di circa 300mila persone. La sua gestione della crisi umanitaria fu criticata, ma molti haitiani gli riconoscono il merito di aver migliorato le infrastrutture del paese, lavorato ad una riforma agraria ed evitato accuse di violazione dei diritti umani.
Prima della parata
Il carnevale di Haiti
pubblicità
Jovenel Moïse è il nuovo presidente di Haiti.
Jovenel Moïse è il nuovo presidente di Haiti. Dopo un anno e mezzo di crisi politica in quello che è considerato uno dei paesi più poveri dei Caraibi, Moïse è diventato il 58° presidente di Haiti. Moïse, scelto dal presidente uscente Michel Martelly, ha vinto le elezioni presidenziali del 2015, ma il voto è stato annullato a causa della denuncia di brogli e irregolarità. Moïse ha vinto, infine, le elezioni del novembre del 2016.
Per le vittime del colera ad Haiti le scuse dell’Onu non bastano

Nel mondo è passato inosservato il discorso pronunciato il 1 dicembre dal segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon, ormai alla fine del suo mandato. Non così ad Haiti: quel giorno un centinaio di persone si è raccolto per ascoltarlo in diretta streaming, e molti hanno festeggiato. Per la prima volta l’Onu, per bocca del suo massimo rappresentante, ha ammesso di aver avuto un ruolo nell’epidemia di colera, scoppiata nel 2010, che ha ucciso quasi diecimila haitiani. Leggi

Un nuovo capitolo nella storia tormentata di Haiti

Devastata sette anni fa da un terremoto le cui ferite sono ancora aperte, Haiti è nuovamente sprofondata nel caos dopo le presidenziali dello scorso 20 novembre. Le strade sono invase da manifestanti e soldati. Leggi

Il candidato vicino all’ex presidente Martelly vince le presidenziali ad Haiti.
Il candidato vicino all’ex presidente Martelly vince le presidenziali ad Haiti. Jovenel Moïse, il candidato scelto dall’ex presidente haitiano Michel Martelly, leader del partito Tèt kale (Phtk), ha ottenuto il 55,67 per cento dei voti, secondo i risultati ufficiali pubblicati la sera dal 28 novembre. Al secondo posto, con il 19,52 per cento dei voti, Jude Célestin, della Lega alternativa per il progresso e l’emancipazione haitiana (Lapeh).
pubblicità
Ad Haiti sale la tensione nell’attesa dei risultati elettorali

Gli haitiani sono andati alle urne il 20 novembre dopo che le elezioni presidenziali sono state più volte rinviate. Sebbene la legge elettorale vieti di diffondere i risultati prima della proclamazione ufficiale, due partiti hanno già rivendicato la vittoria. Leggi

Pescatori di Haiti
Dopo l’incendio
Ad Haiti si vota per le elezioni presidenziali e legislative.
Ad Haiti si vota per le elezioni presidenziali e legislative. I circa sei milioni di elettori haitiani potranno oggi scegliere tra ventisette candidati per la presidenza e votare per rinnovare un terzo del Senato e venticinque seggi della Camera dei deputati. A meno che uno dei candidati non vinca la maggioranza in questo primo turno, il 29 gennaio 2017 si terrà il ballottaggio tra i primi due. Il governo ha deciso di andare avanti con le consultazioni, anche se è ancora alle prese con le conseguenze dell’uragano Matthew, che il mese scorso ha devastato il paese uccidendo 546 persone.
I sogni spezzati di Haiti

Nathanaelle Bernard era al settimo mese di gravidanza quando l’uragano Matthew si è abbattuto sulle coste di Haiti distruggendo la sua piccola casa, portandosi via i vestiti e le coperte che era riuscita a conservare per il bambino. Secondo le Nazioni Unite sono 14mila le donne della penisola che partoriranno nei prossimi tre mesi. Leggi

pubblicità
Il presidente haitiano Jocelerme Privert lancia l’allarme sulla scarsità di scorte alimentari.
Il presidente haitiano Jocelerme Privert lancia l’allarme sulla scarsità di scorte alimentari. Tra le conseguenze del devastante passaggio dell’uragano Matthew sull’isola di Haiti c’è anche quella di aver ridotto le scorte alimentari, peggiorando la situazione già drammatica a livello di malnutrizione. Il presidente Privert ha quindi lanciato un appello alla comunità internazionale perché si mobiliti in aiuto del popolo haitiano.
Contro il colera
Haiti in crisi
Dopo l’uragano a Les Cayes
pubblicità