Brexit

Donald Trump a Londra apre la sua campagna elettorale

La visita nel Regno Unito serve al presidente degli Stati Uniti per acquisire visibilità in vista dell’annuncio della sua ricandidatura alla Casa Bianca. Leggi

Adesso Jeremy Corbyn insegue gli elettori contrari alla Brexit

Il partito d’opposizione aveva tutto per rappresentare l’alternativa a un potere caduto in disgrazia, ma ha finito per mancare un appuntamento storico. Leggi

pubblicità
In Europa sono rimasti in pochi a voler copiare la Brexit

Le forze che speravano di cavalcare la Brexit per forzare altre “uscite” nazionali dovranno cambiare tattica, perché i loro elettori non ci credono più. Leggi

Il Regno Unito nel tunnel della Brexit

Il paese che il 23 giugno 2016 ha votato per uscire dall’Unione europea, immaginando un futuro di gloria, ricchezza e sovranità ritrovata, oggi annaspa ancora nell’incertezza di un negoziato complicatissimo. Leggi

La Brexit è una doccia fredda per gli euroscettici

Non ci si fa ancora molta attenzione, ma il fallimento della Brexit ha già portato la quasi totalità dei partiti euroscettici a cambiare posizione. Leggi

pubblicità
L’ultimatum europeo alla premier britannica 

A otto giorni dalla scadenza del 29 marzo la situazione è grottesca. Anche se in fondo May e i leader europei vogliono la stessa cosa: un divorzio senza scossoni. Leggi

La Brexit minaccia di mandare in rovina gli agricoltori

Gli asparagi coltivati nel Regno Unito sono considerati dai cuochi tra i migliori del mondo. La mancanza di lavoratori stagionali minaccia tuttavia l’industria dell’asparago nazionale e la sostenibilità di molte aziende. Leggi

Il pericoloso ritorno dei controlli alle frontiere irlandesi

Gli abitanti dell’isola vogliono preservare la normalità ottenuta con gli accordi di pace del 1998, che hanno permesso anche l’aumento degli scambi economici tra i due paesi. Leggi

Theresa May va a Bruxelles e sarà un giorno infernale

Al centro del disaccordo sulla Brexit c’è la libera circolazione tra la Repubblica d’Irlanda e l’Irlanda del Nord, necessaria per preservare gli accordi di pace che hanno messo fine al conflitto irlandese. Leggi

L’ennesimo stallo sulla Brexit visto dalla stampa europea

La scadenza della Brexit non è stata rimandata ma May potrà rinegoziare a Bruxelles l’accordo di novembre, e in particolare il backstop irlandese. Leggi

pubblicità
Un secondo referendum sulla Brexit è legittimo e necessario

I cittadini britannici sono stati talmente ingannati sulla posta in gioco nel voto del 2016 che sarebbe giusto interpellarli una seconda volta. Leggi

Una storica battuta d’arresto per Theresa May e la Brexit

Dopo il voto contrario del parlamento di Londra sull’accordo proposto dalla premier May, la data del 29 marzo ha poche possibilità di essere confermata. Leggi

L’ora della verità a 73 giorni dalla Brexit

C’è bisogno che qualcuno intervenga nel caos politico britannico. In un certo senso è meglio che lo facciano gli elettori, in un modo o nell’altro. Leggi

Londra ricorre a espedienti ridicoli per far approvare la Brexit

Theresa May non è in grado di far approvare dal parlamento l’accordo che ha negoziato con l’Unione europea. E non può neanche chiedere di modificarlo. Leggi

Francia e Regno Unito in crisi d’identità

Un tempo dominavano il mondo, ma da decenni cercano il loro posto in un contesto radicalmente cambiato. La Brexit e i gilet gialli sono le espressioni di questa crisi. Leggi

pubblicità
E se alla fine il Regno Unito restasse nell’Unione europea?

L’idea a lungo considerata inverosimile, sostenuta solo da pochi europeisti, prende forma mentre il mondo politico britannico è sempre più impantanato. Leggi

La Brexit e i gilet gialli sono le rivolte degli esclusi

Ci sono due modi di valutare l’accordo raggiunto il 25 novembre a Bruxelles tra Theresa May e gli altri 27 paesi dell’Unione europea. Leggi

Il compromesso sulla Brexit mette in crisi Theresa May 

Nei fatti, il Regno Unito sarà tenuto a rispettare le regole europee, e per i sostenitori della Brexit dura si tratta di un tradimento. Leggi

Ultimo giorno utile per un accordo sulla Brexit

Ciò che colpisce è la distanza tra il clima politico a Londra e la relativa indifferenza con cui l’opinione pubblica degli altri 27 paesi segue la vicenda. Leggi

I dettagli della Brexit spaccano i conservatori britannici

Il testo finale dovrà essere scritto tra un mese, ma i tory, principali sostenitori dell’uscita dall’Ue, sono confusi e divisi. E la premier May potrebbe rischiare il posto. Leggi

pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.