Energia nucleare

I giovani ucraini che sfidano le radiazioni di Černobyl

Negli ultimi anni diverse persone hanno cominciato a entrare illegalmente nella zona contaminata. Si definiscono stalker. Chi sono e perché lo fanno. Leggi

Il Giappone e l’India rafforzano i loro rapporti strategici

Durante la sua ultima visita a Tokyo, il primo ministro Narendra Modi ha firmato un accordo che autorizza la vendita di impianti nucleari progettati da aziende giapponesi all’India. Leggi

pubblicità
Edf deve fermare cinque reattori nucleari attivi in Francia.
Edf deve fermare cinque reattori nucleari attivi in Francia. L’Autorité de sûreté nucléaire (Asn), l’ente francese che si occupa di controllare la sicurezza degli impianti di produzione di energia nucleare, ha ordinato all’azienda Edf di fermare altri cinque reattori dopo aver rilevato delle “anomalie” in quattro reattori già fermati. Un portavoce dell’Asn ha voluto rassicurare il pubblico specificando che non ci sono emergenze e che l’obiettivo è di rimetterli tutti in funzione entro la fine dell’anno. Ma i gravi problemi affrontati dalla Edf nelle ultime settimane finiranno per avere ripercussioni sui prezzi dell’energia.
Testate nucleari attive nel mondo per paese
Nel 2010 il trattato New Start (Strategic arms reduction treaty) tra Stati Uniti e Russia aveva fissato a 1.550 il numero massimo di testate nucleare di cui le superpotenze si potevano dotare. Ma nel 2014 la proliferazione nucleare è ancora un problema: Stati Uniti e Russia possiedono più di quattromila testate nucleari. 
La minaccia nucleare nel mondo

Nel 2010 il trattato New Start (Strategic arms reduction treaty) tra Stati Uniti e Russia aveva fissato a 1.550 il numero massimo di testate nucleare di cui le superpotenze si potevano dotare. Il Doomsday clock, l’orologio dell’apocalisse, istituito dal Bulletin of Atomic Scientists per monitorare l’ampiezza della minaccia atomica globale, fu allora spostato indietro a sei minuti dall’ipotetica fine del mondo.

Anche se rispetto al picco del 1986 (64.500 testate) si è arrivati alle circa diecimila testate del 2014, ci sono ancora nove potenze nucleari. Washington vuole spendere 350 miliardi di dollari per modernizzare il suo arsenale, e Mosca ha aumentato il suo bilancio per la difesa. A gennaio del 2015 il Doomsday clock è stato portato a tre minuti dall’ora X, dove si trovava nel 1984.

pubblicità
L’accordo sul nucleare iraniano slitta al 10 luglio.
L’accordo sul nucleare iraniano slitta al 10 luglio. L’Iran e le maggiori potenze mondiali del gruppo 5+1 non hanno ancora trovato un’intesa e continueranno a trattare sul programma nucleare di Teheran fino a venerdì a Vienna.
Comincia la fase finale dei negoziati sul nucleare iraniano

Entrano nella fase conclusiva i negoziati a Vienna sul nucleare iraniano. Oggi sono attesi nella capitale austriaca, che ospita la sede dell’Agenzia internazionale per l’energia nucleare (Aiea), i ministri degli esteri di Francia, Germania, Regno Unito e Cina. Anche l’Alto rappresentante per la politica estera europea, Federica Mogherini, dovrebbe unirsi al tavolo dei colloqui, a cui partecipa il ministro degli esteri statunitense John Kerry e quello iraniano Mohammad Javad Zarif. Non è chiaro se a Vienna tornerà anche il capo della diplomazia russa Sergei Lavrov. Leggi

Fukushima quattro anni dopo 

L’11 marzo 2011 il terremoto più forte della storia del Giappone ha causato uno tsunami che ha ucciso più di 18mila persone, danneggiando gravemente la centrale nucleare di Fukushima. La bonifica del territorio contaminato durerà decenni e costerà miliardi di dollari. Le bugie del governo, i danni all’ambiente, le migliaia di sfollati: quattro anni dopo il Giappone si prepara a riattivare le sue centrali nucleari. Il reportage del Guardian. Leggi

I negoziati sul nucleare iraniano ricominceranno la settimana prossima

L’Iran ricomincerà i negoziati sul nucleare con le potenze occidentali il 17 dicembre a Ginevra. L’ha annunciato il viceministro degli esteri iraniano, Abbas Araghchi. Al vertice, oltre ai rappresentati di Teheran, ci sarà il gruppo “5+1” formato da Cina, Stati Uniti, Francia, Regno Unito, Russia e Germania. Afp

Non è stata registrata radioattività in Ucraina

Non è stata registrata radioattività anomala in Ucraina, dopo l’incidente nella centrale nucleare di Zaporizhzhya. Lo dichiara l’istituto per la sicurezza pubblica francese Irsn che ha detto che non c’è pericolo per la popolazione e per l’ambiente. Reuters

pubblicità
I negoziati potrebbero slittare fino a luglio 2015

Un diplomatico occidentale ha reso noto che l’Iran e le sei potenze mondiali riunite a Vienna potrebbero decidere di estendere i colloqui sul nucleare iraniano fino al luglio 2015. L’obiettivo sarebbe quello di raggiungere un accordo politico entro marzo e arrivare a un accordo completo entro il 1 luglio. Reuters

Verso il prolungamento dei negoziati

Potrebbero essere aggiornati a dicembre in Oman i negoziati sul nucleare iraniano, visto il probabile fallimento dell’ultimo giro di colloqui tra Iran e le sei potenze riunite a Vienna. Lo ha riferito una fonte anonima vicina ai negoziati.

I dettagli devono ancora essere resi pubblici, ma secondo la fonte per il momento le sanzioni contro l’Iran non saranno cancellate. Reuters

L’Iran è pronto a prolungare i negoziati 

L’Iran sta riflettendo sulla possibilità di prolungare i negoziati sul nucleare per un periodo da sei fino a dodici mesi se non sarà raggiunto entro stasera un accordo a Vienna. Lo sostiene un fonte diplomatica iraniana. Afp

La scommessa di Abe

“Ho bisogno di sentire l’opinione del popolo”, ha dichiarato il primo ministro giapponese Shinzō Abe. “Se non riuscissimo a conservare la maggioranza mi dimetterò, perché questo significherebbe che la nostra Abenomics è stata bocciata”. Con questa debole giustificazione Abe ha indetto nuove elezioni per il prossimo 14 dicembre, due anni prima della scadenza della legislatura. Leggi

Il futuro dell’Iran

Una volta firmato l’accordo sul nucleare, Teheran potrà finalmente assumere il ruolo di prima potenza del Medio Oriente. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.