Esercito

L’Europa aumenta la presenza nel Sahel per affrontare i gruppi jihadisti

La ministra della difesa francese in visita in Africa invita i paesi dell’Ue a cooperare nelle operazioni militari. Un tentativo di smorzare le dichiarazioni di Macron sulla “morte cerebrale” della Nato. Leggi

Le verità sulla guerra di un generale francese

È raro che un capo di stato maggiore prenda in mano la penna. Il generale Pierre de Villiers l’ha fatto ieri sulle pagine di Le Monde, e il suo articolo intitolato “Vincere la guerra non basta a ottenere la pace” merita assolutamente di essere letto. Leggi

pubblicità
Il Giappone dice addio alla costituzione di pace

L’élite giapponese non pensa a guerre di aggressione, naturalmente, ma solo a guerre “giuste”, probabilmente al fianco degli alleati statunitensi. Finora il grande ostacolo è sempre stato l’opinione pubblica, per la quale la costituzione antimilitarista va bene così com’è. Abe ha trovato un modo di aggirarla. Leggi

Il Giappone potrebbe dare più poteri alle forze armate
Il Giappone potrebbe dare più poteri alle forze armate. Un comitato speciale della camera bassa del parlamento giapponese ha approvato due progetti di legge che ampliano il ruolo delle forze armate. I provvedimenti dovranno ricevere il via libera da entrambi i rami del parlamento. L’approvazione di mercoledì è stata accompagnata dalle proteste dei deputati dell’opposizione e di centinaia di attivisti fuori del parlamento.
I capi dell’esercito sapevano degli omicidi extragiudiziali in Colombia

Generali e colonnelli erano a conoscenza delle uccisioni di civili avvenute in Colombia tra il 2002 e il 2008. Lo rivela l’organizzazione umanitaria Human rights watch (Hrw) in un rapporto pubblicato mercoledì 24 giugno. L’Hrw ha spiegato che i corpi delle vittime sono stati fatti poi passare per cadaveri di ribelli e paramilitari, per mostrare il successo delle forze armate nel contrastare la guerriglia rivoluzionaria. La tragedia è nota come “lo scandalo dei falsi positivi”.

Gli inquirenti stanno indagando su almeno 3.700 casi di omicidi extragiudiziali, cioè esecuzioni di civili avvenute senza un regolare processo. Questi omicidi potrebbero essere stati addirittura ordinati o compiuti dai vertici militari, aggiunge l’organizzazione: almeno 180 battaglioni e unità dell’esercito avrebbero compiuto questi crimini, si legge nel rapporto.

Finora sono stati condannati 815 soldati di basso grado, ma solo sei colonnelli e nessun generale. Molti alti ufficiali dell’esercito, responsabili di alcune delle brigate accusate degli omicidi, hanno fatto poi carriera nelle forze armate. Tra questi, i generali in pensione Mario Montoya e Óscar González Peña, il generale Juan Pablo Rodríguez Barragán, attuale comandante delle forze armate, e infine l’alto comandante dell’esercito, il generale Jaime Lasprilla Villamizar.

Le accuse mosse da Human rights watch sono state respinte dal presidente colombiano Juan Manuel Santos, che ha difeso Jaime Lasprilla e Juan Pablo Rodríguez, precisando che nessuna indagine è in corso nei loro confronti. Santos è stato ministro della difesa, e quindi massimo responsabile dell’esercito, dal 2006 al 2009.

pubblicità
Il disarmo europeo

L’opinione pubblica del vecchio continente pensa che non esistano minacce reali alla sua sicurezza, ma si sbaglia. Leggi

La legge marziale in Thailandia

Alle 3 del mattino del 20 maggio l’esercito tailandese ha annunciato in diretta televisiva l'imposizione della legge marziale per ristabilire l'ordine e la sicurezza nazionale. Leggi

Primule e caserme

Che ne è dei 400 siti militari del Friuli-Venezia Giulia? Lo racconta il documentario Un paese di primule e caserme. Una storia di persone e luoghi che hanno cambiato il paesaggio. Leggi

Cheney
Cotham
pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.