Guerra

La vita degli iracheni dopo la fine dell’occupazione jihadista

L’esercito dell’Iraq ha liberato le zone del paese occupate dal gruppo Stato islamico nel 2017. Ma tra sfollati, povertà, attentati e una ricostruzione che stenta a ripartire, le difficoltà per i civili continuano. Leggi

La partita che i migranti non possono perdere

Sulla rotta balcanica si è creato un sistema per passare da un paese all’altro chiamato dai migranti e dai trafficanti the game, la partita. Leggi

pubblicità
Sei anni di guerra in Siria raccontati per immagini 

Dal 15 marzo 2011 il conflitto in Siria ha causato 321mila morti e 145mila dispersi, oltre che milioni di rifugiati e di sfollati. La guerra civile è scoppiata dopo la primavera araba del 2011, quando migliaia di cittadini sono scesi in piazza per chiedere più democrazia e il regime di Bashar al Assad ha risposto con una repressione violentissima. Il video della Thomson Reuters Foundation ripercorre le tappe del conflitto. Leggi

Soccorrere senza soccombere

Rischi e compromessi dell’azione umanitaria in zone di crisi Leggi

La situazione in Libia dopo il bombardamento degli Stati Uniti

Il 1 agosto Washington ha ammesso di aver condotto degli attacchi aerei contro il gruppo Stato islamico a Sirte, in Libia. Per compiere i bombardamenti, il governo statunitense non ha dovuto chiedere l’autorizzazione del parlamento, ma ha agito all’interno di una risoluzione approvata nel 2001, dopo l’attacco alle torri gemelle. Ma qual è la situazione a Sirte e che possibilità ci sono che l’Italia intervenga? Leggi

pubblicità
Il commercio internazionale è un deterrente per la guerra

Hanno scoperto che tra il 1950 e il 2000 il numero delle guerre tra coppie di paesi per anno è stato circa un decimo di quanto registrato tra il 1820 e il 1949, malgrado l’aumento del numero degli stati. Il commercio internazionale potrebbe favorire la pace tra le nazioni. Le reti di alleanze militari diventano pacifiche e stabili grazie agli scambi commerciali tra i diversi paesi. Leggi

La guerra messa a fuoco

La mostra Questa è guerra! documenta i modi in cui la fotografia ha raccontato i grandi conflitti del passato e come affronta quelli di oggi. Leggi

L’eredità della Prima guerra mondiale

Se oggi non consideriamo più la guerra una cosa normale lo dobbiamo soprattutto agli orrori del conflitto scoppiato un secolo fa. Leggi

Viva la libertà

Il 17 maggio alla Casa di vetro di Milano s’inaugura la mostra Vive la liberté, a settant’anni dalla battaglia di Normandia. Leggi

In Crimea, 160 anni fa

Da fine febbraio 2014 la crisi in Crimea è oggetto di resoconti, analisi e reportage da parte dei mezzi d'informazione di tutto il mondo. Ma i conflitti nella regione sono stati raccontati anche molto prima, segnando così gli inizi della fotografia di guerra. Leggi

pubblicità
Sintesi dell’orrore

Federico De Roberto, La paura e altri racconti della grande guerra Leggi

Campagna elettorale anticipata

Sembra che la campagna in vista delle elezioni legislative irachene, fissate per il 30 aprile 2014, sia cominciata molto prima del previsto. Leggi

Cheney
Napoleone e i gas

Domenica 1 settembre 2013, edizione di metà giornata del telegiornale spagnolo. Come altrove nel mondo l’apertura è dedicata alla possibilità di un attacco statunitense contro la Siria. Ma non c’è niente da mostrare. Leggi

Una vita in trincea

Tim Hetherington è stato un fotoreporter britannico. È morto nel 2011 a Misurata, durante la guerra civile in Libia. Leggi

pubblicità
I monumenti di Tito

Spomenik significa monumento in serbocroato, la lingua ufficiale nell'ex Jugoslavia. Tra gli anni sessanta e settanta il dittatore Tito commissionò la costruzione di memoriali per ricordare i campi di battaglia della seconda guerra mondiale. Per il progetto furono coinvolti i maggiori architetti del paese. Leggi

Non solo vittime

Michela Ponzani, Guerra alle donne. Partigiane, vittime di stupro, “amanti del nemico” 1940-1945 Leggi

La profezia di Abdullah

Il mio amico Abdullah vive nel Regno Unito. Ma è molto deluso dalla situazione in Iraq: “Non è un paese, sono le rovine di un campo di battaglia”, dice. Leggi

Obiettivi di guerra

War photography: images of armed conflict and its aftermath è una mostra che racconta l'esperienza della guerra, cercando di esplorare in modo critico il legame tra fotografia e conflitti armati. Leggi

Pittori in fuga

Hiba e Adnan sono una giovane coppia siriana immigrata in Iraq tre mesi fa. Hanno entrambi una trentina d’anni e sono pittori. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.