Pensioni

Le pensioni tra propaganda referendaria e costi per i lavoratori

Gli interventi sulle pensioni approvati dal consiglio dei ministri nella legge di stabilità celano una strategia strutturale: sottrarre le pensioni all’intervento pubblico. Una tendenza che nei fatti si traduce nella privatizzazione del sistema previdenziale, e anche in una sua “individualizzazione”. Leggi

Per i comuni italiani il peso del fisco è arrivato al limite.
Per i comuni italiani il peso del fisco è arrivato al limite. La Corte dei conti ha calcolato che negli ultimi 3 anni i tributi locali sono aumentati del 22 per cento, per compensare gli 8 miliardi di tagli subìti dalle città in 5 anni. Dalle pagine de L’Unità il premier Matteo Renzi assicura che i soldi sottratti ai comuni con l’abolizione della Tasi/Imu saranno restituiti. Da lunedì i pensionati cominceranno a incassare le somme dovute per la rivalutazione delle pensioni sancita da una recente sentenza della Consulta e recepita con decreto legge del governo Renzi.
pubblicità
Il senato approva il decreto legge sulle pensioni

Il senato italiano ha approvato in via definitiva con 145 voti favorevoli e 97 contrari il decreto legge sulle pensioni, varato dal governo Renzi per rispettare la sentenza della consulta del 25 giugno.

La corte costituzionale aveva bocciato il blocco dell’adeguamento al costo della vita delle pensioni superiori alla minima di almeno tre volte, introdotto dall’esecutivo di Mario Monti dal gennaio del 2012.

Oltre a stabilire il rimborso dei soldi congelati nelle casse dello stato, il provvedimento introduce il pagamento di tutte le pensioni il primo giorno del mese, già operativo da giugno.

L’Inps ha già deciso come rimborsare i cittadini: il 1 agosto chi percepisce 1.500 euro al mese si troverà un versamento di 796,27 euro, che coprirà d’un colpo la rivalutazione del 2012, 2013, 2014 e i primi sette mesi del 2015. Da agosto, la pensione sarà aggiornata gradualmente: 1.525,49 euro al mese fino alla fine dell’anno e 1.541,75 euro da gennaio 2016.

In Italia diventare poveri è più facile che nel resto dell’Europa

La crisi del 2008-2014 ha fatto aumentare di un terzo il tasso di povertà in Italia e ci ha consegnato in eredità quattro milioni di “poveri assoluti” in più. Negli altri paesi europei i sistemi di protezione sociale hanno funzionato meglio contro i colpi della crisi. Ecco la prima relazione annuale dell’Inps diretto da Tito Boeri.  Leggi

La camera ha approvato il decreto legge sulle pensioni

La camera ha approvato il decreto legge sulle pensioni varato dal governo per ottemperare alla sentenza della consulta del 25 giugno. Il testo è stato approvato con 310 voti a favore, 164 contrari e due astenuti. La corte costituzionale aveva bocciato il blocco dell’adeguamento al costo della vita delle pensioni superiori alla minima di almeno tre volte, stabilito dall’esecutivo di Mario Monti dal gennaio del 2012. Il provvedimento passa ora all’esame del senato, che deve approvarlo entro la scadenza del 20 luglio.

L’Inps ha già deciso di adeguare le pensioni secondo il decreto dal 1 agosto.

pubblicità
Il primo agosto arrivano 800 euro di rimborso alle pensioni da 1.500

Oggi l’Inps ha emanato una circolare che spiega come e in che tempi applicherà il decreto con cui il governo di Matteo Renzi ha dato seguito alla sentenza della corte costituzionale sulle pensioni. La consulta aveva considerato illegittimo il blocco dell’adeguamento al costo della vita delle pensioni superiori alla minima di almeno tre volte, stabilito dall’esecutivo di Mario Monti dal gennaio del 2012.

Il rimborso sarà automatico. Il primo di agosto chi percepisce 1.500 euro al mese si troverà un versamento di 796,27 euro, che coprirà d’un colpo la rivalutazione del 2012, 2013, 2014 e i primi sette mesi del 2015. Da agosto, la pensione sarà aggiornata gradualmente: 1.525,49 euro al mese fino alla fine dell’anno e 1.541,75 euro da gennaio 2016.

Il rimborso dei soldi congelati nelle casse dello stato per volere del governo tecnico spetta anche agli eredi dei pensionati interessati e che nel frattempo siano deceduti. In questo caso, i familiari devono presentare una domanda all’Inps.

Che fine fanno i soldi dei nostri fondi pensione? 

Ormai è chiaro: la pensione pubblica del futuro arriverà tardi e sarà bassina. Non per tutti, ma per molti. Quel che si sa di meno è che qualcuno sta già, per conto proprio, cercando ripari. Nel 2014, anno in cui l’Italia era ancora con tutti e due i piedi nella recessione, un comparto ha fatto segnare un più 8,5 per cento: quello della previdenza integrativa.  Leggi

Sulle pensioni i giudici scavalcano la politica

La sentenza della corte costituzionale, che dopo quattro anni ha bocciato il blocco delle pensioni deciso dal governo Monti, ha suscitato molte critiche. Non solo per il suo contenuto discutibile, ma anche per com’è stata raggiunta.  Leggi

La corte costituzionale boccia il blocco delle pensioni

La corte costituzionale ha stabilito che il blocco alla perequazione delle pensioni (l’adeguamento delle pensioni all’inflazione) previsto dalla norma Fornero nel 2011 è incostituzionale.

La norma, inserita dalla ministra del lavoro e delle politiche sociali Elsa Fornero nel cosiddetto decreto Salva Italia voluto dal governo di Mario Monti, aveva stabilito che, per il 2012 e il 2013, fosse bloccato l’adeguamento al costo della vita delle pensioni di importo superiore a tre volte il minimo pensionistico stabilito dall’Inps.

La manovra aveva riguardato circa sei milioni di persone, i pensionati con un reddito superiore a 1.500 euro mensili lordi (più del 36 per cento dei pensionati italiani).

Il 30 aprile 2015 la consulta ha deciso che la norma è incostituzionale, quindi lo stato dovrà ripagare il mancato adeguamento ai pensionati. Secondo alcune stime, si tratta in tutto di 5 miliardi di euro: 1,8 miliardi nel 2012 e 3 miliardi nel 2013.

Slittano i tempi per l’età della pensione, sale a 66 anni e sette mesi

Dal 1 gennaio 2016 bisognerà aspettare quattro mesi in più per andare in pensione. È il risultato dell’adeguamento dei requisiti previdenziali all’aspettativa media di vita introdotto da una legge del 2010 del governo Berlusconi con cadenza triennale. Quindi dal prossimo anno e fino al 2018 gli uomini andranno in pensione a 66 anni e sette mesi. Le donne del settore privato ci andranno a 65 anni e sette mesi e le lavoratrici autonome a 66 anni e un mese. Le dipendenti pubbliche invece avranno le stesse tempistiche degli uomini: 66 anni e sette mesi. La riforma Fornero, introdotta nel giugno del 2012, ha inserito un nuovo adeguamento alla speranza di vita nel 2019. La Stampa

pubblicità
Tre mesi all’anno

Mi sembra incredibile che questa statistica sia quasi sconosciuta. L’aspettativa di vita nei paesi sviluppati è aumentata costantemente di tre mesi all’anno dal 1840, e continua a crescere allo stesso ritmo. Leggi

273.000

L’emolumento aggiuntivo alla retribuzione noto come Sip (speciale indennità pensionabile) ammonta a 273mila euro lordi all’anno. Leggi

190.000

Un emendamento introdotto all’ultimo minuto nella legge di stabilità taglia le cosiddette pensioni d’oro Leggi

91.337

L’assegno mensile più alto che l’Inps eroga a un pensionato italiano è pari a 91.337 euro. Leggi

51

Le prestazioni di invalidità erogate nel Mezzogiorno sono il 51 per cento del totale nazionale. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.