Sommario

16/22 gennaio 2015 • Numero 1085

Con il cuore a Kobane

Zerocalcare. Reportage a fumetti dal confine turco-siriano tra i combattenti curdi che difendono la città dal gruppo Stato islamico.

16/22 gennaio 2015 • Numero 1085

In copertina

Kobane calling

Facce, parole e scarabocchi da Rebibbia al confine turco-siriano. Di Zerocalcare

Attualità

Dopo la strage di Charlie 

La reazione della Francia agli attentati. Il rapporto tra islam e democrazia. I giovani musulmani e la propaganda jihadista. La stampa internazionale riflette sulle cause e le conseguenze degli attacchi di Parigi

pubblicità

Spagna

Podemos all’attacco

Con le elezioni in programma entro l’anno, il partito nato dalle manifestazioni degli indignados punta a conquistare il voto delle altre forze di sinistra e dei nazionalisti catalani e baschi

Economia

La Monsanto semina dati

La multinazionale statunitense è alla ricerca di nuove quote di mercato per fermare il calo dei profitti. E punta sui servizi informativi per i coltivatori, sfruttando il suo enorme archivio di dati sui terreni agricoli e sul clima

Scienza

Nel mondo dei sordi

Una giornalista scopre che il figlio non sente. Così esplora tutte le strategie per aiutarlo. Ma si accorge che non ci sono soluzioni facili né una risposta unica

pubblicità

Portfolio

Operazione Condor

Un libro del fotografo portoghese João Pina rende omaggio alle 60mila vittime del piano segreto messo a punto dalle dittature sudamericane negli anni settanta

Ritratti

Barney Curley. Cavallo vincente

È il truffatore più famoso nel mondo delle scommesse ippiche britanniche. I suoi raggiri sono costati ai bookmaker milioni di sterline, ma non hanno mai violato le leggi e i regolamenti delle corse

Viaggi

Al mercato di Atene

Un sabato nella capitale greca, tra i banchi e i negozi dei commercianti che sfidano la crisi vendendo prodotti artigianali di qualità

Pop

La milonguera

Di Tamzin Baker

Africa e Medio Oriente

Silenzio colpevole sul massacro in Nigeria

A Baga i miliziani di Boko haram hanno ucciso in pochi giorni centinaia di civili. Ma la strage è passata in secondo piano rispetto ai fatti di Parigi. Anche in Africa

pubblicità

Europa

La Croazia spaccata in due sceglie la destra

Al ballottaggio dell’11 gennaio Kolinda Grabar-Kitarović ha sconfitto il capo di stato uscente Ivo Josipović. Che ha pagato la sua mancanza di iniziativa ma soprattutto gli errori del governo

Asia e Pacifico

Lo Sri Lanka volta pagina

Dopo dieci anni al potere, il presidente Rajapaksa ha perso le elezioni. Gli srilanchesi si liberano di un leader accusato di dispotismo, corruzione e violazione dei diritti umani

Cultura

Morti e basta

Il giorno dopo la strage, Luz, disegnatore di Charlie Hebdo, parla dei suoi dubbi, delle sue paure e della sua rabbia

Scienza e tecnologia

Il secondo che scombussola la rete

Il 2015 durerà un secondo in più per compensare il rallentamento della rotazione terrestre. Ma questo aggiustamento potrebbe avere pesanti conseguenze su internet

Economia e lavoro

La riforma di Jang Geu-rae

Il governo sudcoreano ha proposto un piano contro il lavoro precario. E ha intitolato la legge al protagonista di una fiction di successo che parla dei lavoratori a tempo determinato

pubblicità

Editoriali

Le altre vittime del terrorismo

Financial Times

Editoriali

La repressione non è la risposta

Le Monde

Un correttore dalla Cabilia

Mustapha Ourrad aveva sessant’anni e due figli. Faceva il correttore di bozze a Charlie Hebdo. È morto insieme ad altre undici persone nell’attentato di mercoledì 7 gennaio. Leggi

Simbolo

“Tra un anno cosa resterà di questo entusiasmo per la libertà d’espressione? La gente si opporrà alla chiusura dei giornali? Delle edicole? La gente comprerà ancora i giornali?”. Gli interrogativi di Luz, uno dei disegnatori di Charlie Hebdo (un giornale) sopravvissuti alla strage del 7 gennaio, sono stati pubblicati su Les Inrockuptibles (un altro giornale) ed escono questa settimana anche su Internazionale (ancora un giornale). Leggi

Genitori e padroni

Il parco dove gioca mia figlia è pieno di cacche: ma i padroni dei cani proprio non ci pensano ai bambini? Leggi

pubblicità

Rischio di emulazione

Pochi palestinesi hanno partecipato alle manifestazioni di condanna degli attentati in Francia organizzate in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza. La posizione ufficiale dell’Autorità Nazionale Palestinese è stata naturalmente di indignazione e solidarietà, e anche Hamas si è unito alla condanna. Tuttavia Facebook ha diffuso la teoria popolare secondo cui dietro gli attacchi ci sarebbe il Mossad israeliano, che in questo modo avrebbe voluto diffamare l’islam. Leggi

La ragione degli albanesi

Tradotto da Elio Miracco, il romanzo Il visionario alato e la donna proibita evoca il periodo della confusa transizione da dittatura a democrazia vissuto dall’Albania. Il punto di vista è quello di uno scrittore che ha fatto dieci anni di galera e lavori forzati, e che sceglie come chiave del suo racconto la figura di Ema, una giovane oppositrice uccisa dagli sgherri di Hodja, l’amore per lei e i suoi tentativi di far aprire in Europa un’inchiesta sull’atroce condizione delle donne nelle carceri del regime. Leggi

Giri di vita

Riva, Lorenzo Palmeri, OneRepublic: la nuova playlist. Leggi

Senza risposta

Tanti auguri di buone feste e di buon anno nuovo. Non è facilissimo riuscire a mettere in discussione la sincerità di certe formule abusate (anche se in molti casi sarebbe quantomeno salutare). Ma non si può fare a meno di constatare che l’accelerazione continua a cui ci sottopone il mondo di oggi finisce per corrompere anche gli auguri fatti con le migliori intenzioni. Leggi

Piccoli laici crescono

I poveri non hanno voglia di lavorare, perciò sono poveri. Chi lavora non è povero. I bambini poveri a scuola vanno peggio degli altri. Ecco alcune convinzioni circolanti tra bambine e bambini in Francia, e non solo. Leggi

Sempre nel posto giusto

Olivier Roy è uno degli studiosi che negli ultimi decenni ci ha fatto capire meglio come è nato e si è evoluto il movimento a cui diamo il nome di islamismo politico, nonché un grande raccontatore di aneddoti, spesso assurdi, paradossali e chiarificatori. Leggi