Ossessioni

Giornalisti

Secondo qualcuno l’epoca della stampa è finita, ma per i giornalisti non ci sono mai state tante opportunità. I rischi, le difficoltà e il futuro del mestiere nell’epoca della crisi dei giornali.

Una vittoria a metà per Julian Assange

Un tribunale di Londra ha deciso che il fondatore di WikiLeaks non può essere estradato negli Stati Uniti per via delle condizioni di detenzione a cui sarebbe sottoposto. Ma non ha riconosciuto il valore della sua attività giornalistica. Leggi

Il giornalismo della bozza, eredità della pandemia in Italia

Nelle redazioni dei giornali italiani si dovrebbe aprire una riflessione sull’informazione e il rapporto con il potere, tanto più dopo i cambiamenti di questi mesi. Leggi

pubblicità
Teheran sfida l’occidente con l’esecuzione del giornalista Ruhollah Zam

Dal 2011 il giornalista dissidente viveva in Francia come rifugiato politico. La sua impiccagione mette in luce l’aggressività di un regime che si sente minacciato e complica la ripresa dei negoziati sul nucleare voluta da Biden. Leggi

Reazioni prevedibili

“I rifugiati che mi hanno picchiato sono un simbolo dell’odio e della rabbia causati da questa sporca guerra”. In un articolo dall’archivio di Internazionale, Robert Fisk racconta un episodio accaduto durante il conflitto in Afghanistan. Leggi

In Libia i giornalisti sono nel mirino delle milizie

Il 20 ottobre a Tripoli è stato arrestato Mohamed Omar Baaio, capo dell’ente libico per l’informazione. È la conferma che in Libia la libertà di stampa è sotto attacco. E che la transizione è ancora molto difficile. Leggi

pubblicità
Anni

“Sono nata negli anni venti a Pola con sconcerto delle anagrafi”. Un brano tratto da La ragazza del secolo scorso per ricordare Rossana Rossanda. Leggi

Alternative

Insieme all’industria del turismo, anche i giornalisti che si occupano di viaggi sono stati colpiti dal covid-19. Ma hanno saputo reinventarsi, trasformandosi in uno spazio di consigli per chi vuole continuare a viaggiare. Leggi

Gli afroamericani contestano i pregiudizi dei giornalisti bianchi

“È il momento di una resa dei conti nel mondo dell’informazione”. Negli Stati Uniti il 77 per cento dei giornalisti è bianco. Come possono redazioni così poco diversificate raccontare davvero la vita di tutte le comunità? Leggi

In Turchia si è aperto il processo per l’omicidio Khashoggi

Dopo un processo farsa in Arabia Saudita, che ha portato alla condanna di alcuni agenti, il 3 luglio un tribunale di Istanbul ha avviato un processo in contumacia contro venti cittadini sauditi. Leggi

Rischio

Per i giornalisti di tutto il mondo il posto di corrispondente da Washington era uno dei più ambiti. Ma da qualche tempo non è più così. Leggi

pubblicità
Giornalisti come Omar Radi nel mirino dei software spia

I dati raccolti da Amnesty international svelano che anche il reporter dissidente marocchino era sorvegliato attraverso il suo telefonino. Leggi

Una giornalista coraggiosa condannata nelle Filippine

Maria Ressa è stata condannata per le sue critiche al presidente Duterte. Ma ovunque i giornalisti costringono il potere a rendere conto delle loro scelte. Per continuare a farlo non bisogna lasciarsi intimorire. Leggi

Decisioni

La scelta del New York Times di pubblicare l’opinione di un senatore ha scatenato un dibattito: nell’informazione l’equidistanza è possibile? Leggi

Intanto nel mondo

Respinto il piano statunitense per il Venezuela, approvata la riforma agraria in Ucraina, scomparso un giornalista pachistano in Svezia, migliaia di persone in fuga dal nord del Mozambico. Leggi

Intanto nel mondo

Poteri straordinari per Orbán in Ungheria, cessate il fuoco dell’Eln in Colombia, assassinata una giornalista in Messico. Leggi

pubblicità
La libertà di stampa è indispensabile per combattere l’epidemia

In molti paesi del mondo aumentano i casi di censura sul numero di contagi. Allo stesso tempo l’informazione deve essere affidabile e di qualità e permetterci di distinguere il vero dal falso. Leggi

Un giornalista marocchino in prigione per un tweet

Omar Radi è stato arrestato a Casablanca per aver criticato la sentenza di un magistrato contro alcuni manifestanti. Rischia un anno di carcere. Leggi

A Malta si avvicina la verità per Daphne Caruana Galizia

Due anni di pressioni locali e internazionali hanno fatto in modo che l’omicidio della giornalista, in un paese dell’Unione europea, non restasse impunito. Leggi

Il regime egiziano prende di mira l’ultimo giornale indipendente

Ogni volta che c’è un’operazione dei servizi segreti, tutti – scrittori, politici, diplomatici che si occupano di Egitto – vanno a controllare su Mada Masr di che cosa si tratta. Ma questa volta sono stati proprio i suoi giornalisti a finire nel mirino. Leggi

Il Messico non riesce a fermare le violenze contro i giornalisti

Il presidente López Obrador ha vinto le elezioni nel 2018 grazie anche a una campagna sulla sicurezza. Ma chi fa informazione continua a morire e a subire minacce. Storie e racconti di chi resiste. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.