Sommario

903 (24 / 30 giugno 2011)

La rivolta dei ragazzi europei

La crisi greca rischia di travolgere l’euro. Ma le difficoltà dell’Europa non riguardano solo la moneta unica. Dalla Spagna alla Francia milioni di giovani scendono in piazza.

903 (24 / 30 giugno 2011)

Scienza e tecnologia

I neutrini che cambiano sapore

Perché i politici non capiscono gli indignati

La paura si supera solo unendosi. In rete e nelle piazze. La domanda che si fanno i manifestanti è come incidere sulle decisioni che riguardano tutti. Non vogliono diventare un partito. Leggi

pubblicità

Editoriali

Indignati, atto secondo

Graphic journalism

Cartoline dal Belgio

Di Nix

Pop

L’Africa è in Brasile

Risate, gioia, piaceri dei sensi. Alegria, alegria, alegria. Di sicuro sarete urtati. Anche abbracciati, e perfino baciati. E, certamente, sarete trascinati da una folla interminabile. Un viaggio a Bahia con Abdourahman A. Waberi.

pubblicità

Mirtillo scaccia ulcera

Il succo di mirtillo può prevenire l’ulcera? Leggi

Ritratti

Daniel Kish. L’uomo radar

Ha perso completamente la vista quando aveva poco più di un anno. Ma riesce a “vedere” lo spazio intorno a lui grazie all’ecolocazione.

Asia e Pacifico

I pericoli nascosti per le donne in India

Cambiare per non cambiare

Marine Le Pen molto probabilmente vincerà la sfida che a suo padre non sarebbe mai stato possibile vincere: cambiare l’immagine del Front national. Leggi

Scuola italiana in uno specchio inglese

Il 38 per cento della popolazione italiana in età di lavoro ricade in condizioni di analfabetismo, il 33 per cento è a rischio. Leggi

pubblicità

Opportunità

Quando si parla di immigrazione sfuggono spesso i dati reali. Per questo sono preziose le ricerche come quella appena presentata dall’Abi, l’Associazione bancaria italiana, e dal Cespi, il Centro studi di politica internazionale. Si intitola Cittadinanza economica dei migranti e rapporto con le banche italiane. Gli stranieri che vivono regolarmente in Italia sono quasi cinque milioni. La composizione delle nazionalità è molto frammentata: le prime dieci coprono solo il 63 per cento degli stranieri, tutto il resto è formato da gruppi nazionali di piccole dimensioni. Tranne il Marocco, le prime cinque nazionalità oggi sono diverse rispetto a vent’anni fa. Internet e le low cost consentono di mantenere forti legami con i paesi d’origine. Il livello di scolarizzazione degli immigrati è simile a quello degli italiani. Nella provincia di Mantova il 19,2 per cento dei bambini iscritti alla scuola dell’infanzia è straniero. La ricerca entra anche nel dettaglio dei dati economici. Il 78 per cento degli stranieri ha un lavoro. Quasi un immigrato su cinque ha la casa di proprietà. Su tre nuovi imprenditori stranieri uno è donna. Tutte queste persone si scontrano ogni giorno, come gli italiani, con le lentezze e i cavilli della burocrazia. Solo che nel loro caso le difficoltà diventano ostacoli a volte insormontabili: chiedere un mutuo, ottenere un finanziamento, registrare una società. Se solo fosse più facile, l’Italia potrebbe diventare una terra di grandi opportunità.

Internazionale, numero 903, 24 giugno 2011 Leggi

In copertina

Primavera europea

Oleguer cerca un posto da ingegnere in qualche paese europeo. Paula non vuole vivere in una colonia del Fondo monetario internazionale. Julien vorrebbe un’Europa più democratica. Karl un sistema fiscale più equo. Dalla Spagna all’Irlanda, chi sono e cosa chiedono i ragazzi che scendono in piazza.

Repubblica Democratica del Congo

Vengono sempre di notte

I ribelli ruandesi continuano a saccheggiare il Nord Kivu anche se non hanno più un vero obiettivo. Tutti i leader e molti soldati sono stati catturati. Il reportage dello scrittore di origine etiopica Dinaw Mengestu.

Viaggi

La città della poesia

In barca sul lago e tra i templi di Hangzhou, in Cina. Luogo di meditazione amato dai poeti, oggi importante meta turistica.

Opinioni

Serve un nuovo accordo per salvare l’euro

pubblicità

Società

Quando l’aids faceva paura

“Continuate a lottare”. “Non dimenticatevi di noi”. “Ricordate con stupore”. Uno scrittore ritrova i messaggi scritti alla fine degli anni ottanta da centinaia di gay a San Francisco. E ricostruisce il clima di angoscia e solitudine di quel periodo.

Scienza e tecnologia

La trappola di Twitter

Americhe

Una ricetta contro il deficit per la California

Economia

Il futuro dei telefonini e l’avventura di Elop

Le sue quote di mercato si riducono, il titolo in borsa crolla. La Nokia è sull’orlo del fallimento. Ma il nuovo amministratore delegato vuole tirarla fuori dai guai.

In copertina

La lunga crisi dell’euro

La strategia per salvare la Grecia, l’Irlanda e il Portogallo non funziona. E l’integrazione europea è a rischio. L’analisi dell’Economist.

pubblicità

Alle prese con le sfide di un libro

Gli hawaiani credevano che il figlio nato dall’unione di fratello e sorella fosse superiore al figlio concepito in qualsiasi altro modo. E questo intorbidava le acque. Leggi

Cultura

Anversa vista dall’alto

Editoriali

La solitudine della Grecia

Caffettiere esplosive

Sul mercato razionato è in vendita solo un caffè mescolato con i piselli al 50 per cento. È stata soprannominata Bin Laden. Leggi

Doppia nazionalità

Roberto Ferrucci, Sentimenti sovversivi Leggi

Aguzzini come noi

A cura di G. Contini, F. Focardi e M. Petricioli, Memoria e rimozione Leggi

Cuccioli bobos

Hot head show, Mezzafemmina, Bianco Leggi

6.300 megawatt

Sembra che dopo un semiletargo ventennale siamo tornati protagonisti delle energie verdi. Non possiamo dire altrettanto sul versante della ricerca e della produzione delle tecnologie. Leggi

Società

La battaglia non è finita

Uno studio recente ha dimostrato che i farmaci antiretrovirali potrebbero prevenire la trasmissione del virus. Ma anche se i risultati raggiunti dagli anni ottanta a oggi nella lotta contro l’aids sono molti, non è il momento di fermarsi.

Africa e Medio Oriente

La democrazia marocchina è ferma alle porte del palazzo

Economia e lavoro

Il bilancio nero dei diritti sindacali

Portfolio

Omicidi mirati ed esecuzioni sommarie: la più grande città del Pakistan sprofonda nella violenza. Il reportage di Massimo Berruti.

Pop

Evoluzione del gabinetto

Bill Bryson

Sotto coperta

Ho chiesto di stipulare una polizza ad alto rischio prima di imbarcarmi di nuovo su una nave diretta nella Striscia di Gaza. Leggi

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.