Emilia-Romagna

L’astensione record in Emilia-Romagna minaccia il futuro della democrazia

Un disastro. L’astensione degli elettori in Emilia-Romagna ha superato le più pessimistiche previsioni assestandosi al 37 per cento. Ha fatto crollare quel legame tradizionale che aveva retto per decenni tra gli elettori di sinistra e il “loro” partito. Ed è inutile che Matteo Renzi finga che il suo governo sia estraneo a questo risultato. Leggi

pubblicità
Il primo dato ufficiale sull’affluenza in Emilia-Romagna

È del 10,75 per cento l’affluenza registrata alle 12 per le elezioni regionali in Emilia-Romagna. Alle precedenti consultazioni, quando si votò però anche il lunedì, l’affluenza alle urne, alla stessa ora, era stata del 12,9 per cento. A Bologna città ha votato il 12,56 per cento dell’elettorato (era il 12,4 per cento nel 2010). Ansa

L’Emilia-Romagna al voto per eleggere il nuovo presidente

Si sono aperte alle sette le urne per eleggere il nuovo presidente dell’Emilia-Romagna e il nuovo consiglio regionale. I circa 3,4 milioni di cittadini chiamati a
votare sceglieranno chi dovrà prendere il posto di Vasco Errani.

I candidati principali sono Maurizio Mazzanti (Liberi cittadini), Stefano Bonaccini (sostenuto da Partito democratico, Sel, Emilia-Romagna civica e Centro per Bonaccini), Alan Fabbri (Lega Nord, Forza Italia, Fratelli d’Italia), Cristina Quintavalla (L’altra Emilia-Romagna), Giulia Gibertoni (Movimento 5 stelle) e Alessandro Rondoni (Nuovo centrodestra). I seggi chiudono alle 23. Ansa

pubblicità
Votare stanca

Di fronte alla campagna elettorale per le elezioni regionali in Emilia-Romagna, i primi ad annoiarsi sono stati proprio gli analisti e i commentatori politici. Non c’è stata una vera competizione, non c’è mai stata partita, Stefano Bonaccini ha già vinto. A dire il vero, è proprio la discussione politica che non c’è più, e non da oggi. Leggi

La sfida della Lega in Emilia-Romagna

Ha ignorato la raccomandazione di Silvio Berlusconi, che gli aveva consigliato di tagliarsi il codino e la barba incolta. “Sono una pecora nera”, sorride Alan Fabbri, 35 anni. Fino a poco tempo fa il candidato della Lega nord a presidente della regione Emilia-Romagna era conosciuto solo agli abitanti di Bondeno, che l’hanno eletto sindaco per la seconda volta. Leggi

Elezioni regionali in Calabria e in Emilia-Romagna

Domenica 23 novembre, dalle 7 alle 23, si svolgeranno le elezioni regionali in Calabria e in Emilia-Romagna. Verranno eletti il presidente della giunta e dell’assemblea legislativa della regione Emilia-Romagna e il presidente della giunta e del consiglio regionale della Calabria. Sono chiamati al voto poco meno di 5,4 milioni di elettori. Leggi

Aggrappati ai consumi

Giorgio Falco, La gemella H Leggi

Dalla parte degli oppressi

Valerio Evangelisti, Il sole dell’avvenire Leggi

pubblicità
Luigi Ghirri. Pensare per immagini

Pensare per immagini la mostra di Luigi Ghirri in corso al Maxxi di Roma. Leggi

Più forti della scossa

Il 20 maggio 2012, alle 4,03, due scosse di terremoto di magnitudo 5,9 e 5,8 sulla scala Richter colpivano l’Emilia-Romagna tra le province di Modena, Bologna e Ferrara, con epicentro a Finale Emilia. Leggi

Ferrara

I terremoti non si possono prevedere. Invece è possibile costruire edifici antisismici, preparare piani di intervento, far circolare le notizie. Leggi

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.