Marine Le Pen

Macron è finito nella trappola dell’estrema destra

Il governo accusa le università di far circolare idee vicine all’integralismo islamico. Ma secondo i ricercatori la politica strumentalizza temi identitari a fini elettorali. Leggi

Agli elettori sovranisti non importa se i soldi vengono da Putin

Matteo Salvini e altri leader sovranisti hanno capito che molti loro elettori amano l’uomo forte del Cremlino e non considerano affatto un problema le interferenze russe in Europa. Leggi

pubblicità
Marine Le Pen usa le stesse tattiche di Donald Trump

La candidata dell’estrema destra ha aggredito Emmanuel Macron come se fosse l’incarnazione del male e di un misterioso complotto contro la Francia. Leggi

L’Europa al centro del secondo turno francese

Ambizioni europeiste per Emmanuel Macron, ritorno delle frontiere nazionali per Marine Le Pen. Leggi

Il voto in Francia in tre parole

Dall’affermazione di nuove correnti politiche alla crisi dei grandi partiti, le prossime elezioni presidenziali francesi sono piene di novità. La campagna presidenziale, però, è segnata da un altro fatto nuovo: l’aumento dell’uso approssimativo di parole e concetti. Molti candidati e giornalisti si sono resi colpevoli di questo peccato. Leggi

pubblicità
Il peso di Putin e Trump sulle elezioni francesi

Non votano, non tengono comizi e si trovano a migliaia di chilometri dalle urne francesi. Eppure Donald Trump e Vladimir Putin sono figure influenti nella campagna presidenziale francese. Leggi

Parlare alla pancia o al cervello

Trump? Grandissimo comunicatore. Che abilità, che tecnica: ecco uno che sa parlare all’intestino. E Marine Le Pen? Anche lei, va diritta alla pancia dei francesi. Perché Donald ha vinto e lei potrebbe vincere? Perché hanno saputo trovare parole nuove e giuste. Cosa significa nuove e giuste? Leggi

Marine Le Pen non ha restituito dei soldi che doveva al Parlamento europeo.
Marine Le Pen non ha restituito dei soldi che doveva al Parlamento europeo. La leader del Front national doveva ridare entro oggi circa 300mila euro che avrebbe speso per pagare Catherine Griset, la sua capo di gabinetto a Parigi. Griset, secondo il parlamento europeo, avrebbe ricevuto i soldi per un lavoro di assistente a Bruxelles che non ha mai svolto. Le Pen ha dichiarato che non ha alcuna intenzione di restituire la somma perché è vittima di una “vendetta politica”. Secondo un sondaggio dell’Institut français d’opinion publique (Ifop) Marine Le Pen è la candidata alle presidenziali francesi che, se si votasse oggi, otterrebbe la percentuale maggiore di voti al primo turno.
Perché i partiti francesi fanno le primarie all’americana

Per la prima volta i principali partiti politici francesi, quello socialista e quello di centrodestra, useranno le primarie per scegliere i loro candidati ufficiali in vista delle elezioni presidenziali, che si terranno il 23 aprile 2017. Il motivo principale è che temono la vittoria di Marine Le Pen. Leggi

Come l’estrema destra approfitta delle paure degli europei

In Germania è Pegida. In Grecia Alba dorata. E in Francia è il Front national. Aiutati dalla paura del terrorismo e dalla crisi, i movimenti di estrema destra stanno conquistando sempre più elettori nei paesi europei. Il caso francese e l’ascesa del partito di Marine Le Pen in un video del New York Times. Leggi

pubblicità
La sconfitta del Front national alle regionali vista dalla stampa francese

All’indomani del secondo turno delle elezioni regionali, dove gli elettori hanno sbarrato la strada al Front national di Marine Le Pen, i giornali francesi mettono in guardia contro la tentazione di tornare al “business as usual” da parte dei partiti tradizionali e chiedono un vero risveglio democratico. Leggi

Come sono andate le elezioni regionali in Francia

Il Front National non ha conquistato neanche una regione nel secondo turno delle elezioni, nonostante il risultato storico raggiunto nel primo turno (quasi il 28 per cento). Leggi

La Francia vota per il secondo turno delle regionali.
La Francia vota per il secondo turno delle regionali. Al primo turno, il partito di estrema destra Front national (Fn) è arrivato primo in sei regioni su 13, affermandosi su scala nazionale come la forza più votata. I sondaggi indicano però che oggi il risultato potrebbe rovesciarsi, in seguito alle alleanze tra gli altri concorrenti e alla desistenza dei socialisti nelle due regioni in cui il Fn ha superato il 40 per cento.
Perché Marine Le Pen potrebbe perdere il secondo turno delle regionali

Secondo gli ultimi sondaggi, grazie alla desistenza dei socialisti, il Front national potrebbe essere sconfitto nelle due regioni in cui sono candidate proprio Marine Le Pen e la nipote: Picardia-Nord-Pas-de-Calais e Provenza-Alpi-Costa Azzurra. Leggi

Matteo Salvini ha ancora molto da imparare da Marine Le Pen

Alleato del Front national al Parlamento europeo, il leader della Lega nord è stato tra i primi a festeggiare i risultati del primo turno delle regionali in Francia. Al di là delle smancerie tra alleati, la situazione delle due formazioni è molto diversa. Leggi

pubblicità
Il nuovo volto dell’Europa

Per quanto fosse un risultato annunciato, la vittoria dell’estrema destra al primo turno delle regionali francesi ha disorientato destra e sinistra tradizionali. Leggi

Il premier francese chiede di votare il centrodestra in tre regioni
Il premier francese chiede di votare il centrodestra in tre regioni. Il socialista Manuel Valls ha invitato gli elettori a scegliere la coalizione di Nicolas Sarkozy al secondo turno delle regionali, il 13 dicembre, per fermare i candidati del Front national in Picardia-Nord-Pas-de-Calais, Provenza-Alpi-Costa Azzurra e in Alsazia-Lorena-Champagne-Ardenne. L’estrema destra di Marine Le Pen è in testa in sei delle 13 regioni, con un risultato nazionale mai così alto: oltre il 27 per cento.
Il Front national in testa al primo turno delle regionali in Francia con il 28 per cento.
Il Front national in testa al primo turno delle regionali in Francia con il 28 per cento. È un risultato storico per il partito di estrema destra guidato da Marine Le Pen, in vantaggio in sei regioni su 13. La coalizione dell’ex presidente Nicolas Sarkozy ha ottenuto il 27 per cento; il Partito socialista il 23 per cento ed è in testa in due regioni. La partecipazione è stata del 49,9 per cento.
La vittoria di Marine Le Pen al primo turno delle regionali vista dalla stampa francese

Per la stampa francese la vittoria del Front national al primo turno delle elezioni regionali di domenica è “uno choc”, come recitano diversi titoli di apertura. Uno sconvolgimento del panorama politico e istituzionale, mandato in frantumi dal partito di Marine Le Pen, sull’onda dello scontento degli elettori nei confronti dei partiti tradizionali. Leggi

Il Front national in testa alle regionali francesi.
Il Front national in testa alle regionali francesi. Si è votato per eleggere i governi delle 13 nuove regioni metropolitane, che dal primo gennaio sostituiranno le attuali 22. Secondo le prime proiezioni, in almeno sei regioni il partito di Marine Le Pen è in vantaggio. In Picardia-Nord-Pas-de-Calais e in Provenza-Alpi-Costa Azzurra, dove erano candidate Marine e sua nipote Marion Maréchal Le Pen, il Front national ha superato il 40 per cento. Su base nazionale l’Fn sarebbe il primo partito con il 30 per cento, seguito dai Républicains di Nicolas Sarkozy al 27 e dal Partito socialista al 23. L’affluenza è stata del 51 per cento.
pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.