Unione africana

La democrazia dimezzata a Kinshasa

Nessuno celebra Félix Tshisekedi come un presidente democraticamente eletto. Ma la Repubblica Democratica del Congo deve evitare un’altra guerra civile. Leggi

La lotta al traffico di migranti è solo un diversivo

I governi europei hanno fatto del contrasto ai trafficanti di migranti una priorità. Ma i veri obiettivi sono altri: ostacolare la circolazione delle persone, criminalizzare le ong e confondere l’opinione pubblica. Leggi

pubblicità
Il re marocchino Mohammed VI ad Addis Abeba per il vertice dell’Unione africana (Ua)
Il re marocchino Mohammed VI ad Addis Abeba per il vertice dell’Unione africana (Ua). Il sovrano sarà in visita ufficiale in Etiopia fino al summit dei capi di stato previsto per il 30 e 31 gennaio, durante il quale si discuterà del rientro del Marocco nell’organizzazione panafricana dopo 33 anni. Rabat aveva deciso di uscire dall’Ua nel 1984 per divergenze sulla questione dei sahrawi.
Le Farc approvano l’accordo di pace.
Le Farc approvano l’accordo di pace. Il congresso delle Forze armate rivoluzionarie della Colombia ha approvato all’unanimità l’accordo con il governo che dovrebbe mettere fine a una guerra civile cominciata nel 1964. Il 26 settembre il documento sarà firmato dal presidente colombiano Juan Manuel Santos e dai leader delle Farc, e il 2 ottobre sarà sottoposto con un referendum al voto dei colombiani.
L’Unione africana farà da mediatore nel conflitto in Gabon.
L’Unione africana farà da mediatore nel conflitto in Gabon. Il presidente del Ciad Idriss Deby, che al momento presiede l’Unione africana, ha annunciato che cercherà una mediazione nel conflitto scoppiato in Gabon dopo la rielezione di Ali Bongo, contestata dall’opposizione che lo accusa di brogli.
pubblicità
L’Unione africana fa un passo indietro sul Burundi

Era prevedibile che il Burundi dominasse l’agenda del vertice dell’Unione africana. È una crisi emergente che potrebbe diventare devastante. In realtà è già devastante: basta chiederlo alle centinaia di migliaia di profughi e sfollati interni, o alle famiglie delle decine di giornalisti, attivisti e sospetti simpatizzanti dell’opposizione uccisi in modo sommario. Per l’Unione africana, però, quella in Burundi è anche un’opportunità: l’organismo continentale può dimostrare di avere un potere reale e di essere in grado di agire in modo positivo. Leggi

L’Unione africana vota sulla possibilità di mandare le sue truppe in Burundi.
L’Unione africana vota sulla possibilità di mandare le sue truppe in Burundi. I leader africani vogliono mandare cinquemila uomini a Bujumbura per porre fine alle violenze cominciate lo scorso anno dopo l’annuncio del presidente Pierre Nkurunziza di candidarsi per un terzo mandato. Nkurunziza ha annunciato che le truppe dell’Unione africana non sono le benvenute e che saranno respinte.
A Malta Unione europea e paesi africani discutono d’immigrazione.
A Malta Unione europea e paesi africani discutono d’immigrazione. Gli stati europei sono pronti a creare un fondo per la cooperazione con i paesi africani (1,8 miliardi di euro) in cambio di accordi per permettere il rimpatrio dei migranti irregolari arrivati in Europa. Nel frattempo, sette adulti e sette bambini sono annegati al largo della Turchia nel tentativo di raggiungere l’isola greca di Lesbo.
I mediatori propongono un accordo politico per il Burkina Faso.
I mediatori propongono un accordo politico per il Burkina Faso. Dopo il colpo di stato di giovedì scorso la Comunità economica degli stati dell’Africa occidentale (Cédéao) ha annunciato la bozza di un’intesa per superare la crisi, che prevede la partecipazione alle elezioni di candidati vicini all’ex presidente Blaise Compaoré e un’amnistia per i golpisti.
Obama denuncia i leader africani che frenano il progresso democratico.
Obama denuncia i leader africani che frenano il progresso democratico. Il presidente statunitense ha lasciato l’Etiopia dopo aver tenuto un discorso alla sede dell’Unione africana di Addis Abeba, nell’ultima tappa della sua visita di cinque giorni in Africa. “Nessuno dovrebbe fare il presidente a vita”, ha detto. “Quando un leader cerca di cambiare in corsa le regole del gioco per tenersi la poltrona rischia instabilità e conflitti, come abbiamo visto in Burundi”.
pubblicità
Cos’ha detto Barack Obama all’Unione africana

Barack Obama ha lasciato l’Etiopia dopo aver tenuto un discorso alla sede dell’Unione africana di Addis Abeba, nell’ultima tappa della sua visita di cinque giorni in Africa. “Nessuno dovrebbe fare il presidente a vita”, ha detto. “Non capisco perché le persone vogliano restare in carica così a lungo, soprattutto quando sono piene di soldi”. Leggi

Robert Mugabe assume la presidenza di turno dell’Unione africana

Il capo di stato dello Zimbabwe Robert Mugabe, 90 anni, è stato designato presidente di turno dell’Unione africana (Ua). Mugabe ha assunto la guida dell’organizzazione internazionale durante il summit nella capitale dell’Etiopia Addis Abeba. L’incarico durerà un anno.

Mugabe è al potere nello Zimbabwe dal 1980 ed è il capo di stato africano in carica da più tempo. Afp

Il presidente dell’Unione africana arriva a Ouagadougou, in Burkina Faso, raccolto dal presidente ad interim, il tenente colonnello Isaac Zida. Afp

Il presidente dell’Unione africana arriva a Ouagadougou, in Burkina Faso, accolto dal presidente ad interim, il tenente colonnello Isaac Zida. Afp

Isaac Zida non rispetterà la scadenza dell’Unione africana

Il colonnello Isaac Zida, capo di stato ad interim del Burkina Faso dopo la deposizione di Blaise Conpaoré, ha respinto la richiesta dell’Unione africana di restituire il potere ai civili entro due settimane.

Il 3 novembre l’Unione africana aveva dato all’esercito due settimane di tempo per restituire il potere ai civili. Ma Isaac Zida ha detto che la scadenza non li riguarda:

The News

L’Unione africana chiede ai burkinabé di mantenere la calma

L’Unione africana dice su Twitter che sta monitorando la situazione in Burkina Faso.

pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.