Diritti umani

Stanno torturando i candidati egiziani al Nobel per la pace

Sono state tre figure centrali della primavera egiziana del 2011, convinte che la rivoluzione che stavano realizzando in prima persona avrebbe contribuito a liberare l’Egitto. Ora sono in carcere. Leggi

Musica per i diritti umani

Musicians for human rights, Human rights Band, Diodato. La musica al festival di Internazionale ribadisce il valore della dichiarazione dei diritti umani. Leggi

pubblicità
Come funziona la giustizia nell’Egitto di Al Sisi

I tribunali egiziani hanno condannato a morte circa tremila persone da quando Abdel Fatah al Sisi è diventato presidente dell’Egitto, nel 2014. Leggi

Storie di uiguri che spariscono nei centri di rieducazione

Gulbahar e Rishat sono riusciti a espatriare in Italia. Ma molti cinesi appartenenti alla minoranza musulmana continuano a essere perseguitati e sfruttati dalle autorità di Pechino. Leggi

Una storia di altri tempi, oppure no

Questo è un racconto tratto da un documento storico. È il mio contributo alla raccolta intitolata Mariti. Il ricavato va a un centro a Varanasi, in India, per contrastare lo spaventoso fenomeno delle spose bambine. Leggi

pubblicità
Nel mondo ci sono quaranta milioni di persone ridotte in schiavitù

La parola rievoca immagini che sembrano confinate al passato. Tuttavia oggi sono ridotte in schiavitù più persone rispetto a qualsiasi altro periodo storico. Leggi

Il successo del modello vietnamita è solo una facciata

I leader vietnamiti hanno parlato di pace e armonia durante il vertice tra Kim e Trump, ma nel paese gli attivisti per la democrazia e i diritti civili sono perseguitati. Leggi

Le violenze sessuali in Ucraina e il lungo cammino verso la giustizia

La sfida della società civile ucraina per riformare il codice penale e fare luce sulle violenze sessuali usate dalle forze armate come mezzo di tortura sui civili. Leggi

Scegliamo i diritti umani invece che i dittatori 

Scommettere tutto su Al Sisi sarebbe un errore storico. I giovani arabi avranno anche perduto la battaglia del 2011, ma non la guerra per la libertà. Leggi

La crisi dei gilet gialli segue Macron fino in Egitto

Al Cairo il presidente francese ha usato uno stratagemma per parlare di diritti umani. Ma in Francia ci si chiede se riuscirà a recuperare forza e legittimità. Leggi

pubblicità
L’equilibrismo di Macron sui diritti umani in Egitto

Il presidente francese non vuole rinunciare ai rapporti stretti con l’Egitto, anche perché è convinto che il posto della Francia lo prenderebbero i russi o i cinesi. Leggi

La volta buona

C’è un’arte in cui il genere umano eccelle: costruire favole per poi sfregiarle. Elenchiamo esempi a prova di questa terribile vocazione. Leggi

Cosa rende invisibili i diritti delle donne pachistane

Metà della popolazione del Pakistan è, in forme diverse, schiava dell’altra metà, e tutti sembrano accettarlo. Leggi

La solitudine di un detenuto gay a Taiwan

Il professore Senza Nome è detenuto nella prigione di Chiayi, punito perché è gay. Nessuno va a trovarlo da due anni. Cosa lo mantiene in vita? Leggi

Anniversario triste per i diritti umani

A settant’anni dalla firma della Dichiarazione universale per i diritti umani, il mondo è peggiorato. Leggi

pubblicità
Gli ultimi Khmer rossi condannati per genocidio

È la prima volta che il tribunale incaricato di giudicare i crimini dei Khmer rossi riconosce il crimine di genocidio. Ma questo potrebbe essere il suo ultimo processo, vista la reticenza del governo cambogiano a proseguire con le inchieste. Leggi

Rieducazione e sparizioni, lo stato di diritto secondo Pechino

In Cina sempre più spesso il potere “legalizza” pratiche inaccettabili per il diritto internazionale. Sperimenta una procedura extragiudiziale e poi la inserisce nel codice. Leggi

L’India fa un passo nel futuro cancellando le leggi contro i gay

Esiste davvero qualcosa che potremmo definire cultura globale? Prendiamo il caso dei diritti degli omosessuali. Leggi

Grazia

Ha compiuto quarantadue anni il 13 luglio, al sessantunesimo giorno di sciopero della fame. Oleg Sentsov è un regista ucraino nato in Crimea. Leggi

Le ambiguità del forum di Oslo per i diritti umani

Un sincero slancio umanitario è finito a vantaggio della realpolitik e della dottrina del “cambiamento di regime”, usata per imporre la democrazia con l’intervento armato. Leggi

pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.