Geopolitica

Ungheria e Turchia rompono l’unità del campo occidentale

Nel nuovo mondo multipolare Budapest e Ankara cercano di emanciparsi e negoziano il proprio allineamento, ma va chiarita la loro posizione nelle istituzioni di cui fanno parte, come l’Unione europea e la Nato. Leggi

La Turchia cerca uno spazio diplomatico e commerciale in Africa

Nel continente l’espansione dell’influenza turca è ancora lontana da quella cinese o statunitense, ma è in rapidissima crescita. Ne è un esempio l’invio in Somalia di ingegneri, armi, soldati e anche serie televisive. Leggi

pubblicità
I dubbi degli statunitensi sul conflitto ucraino

L’opinione pubblica statunitense è favorevole a fornire armi ma non a un intervento diretto. Questo coincide con la linea dell’amministrazione Biden che vede nella resistenza di Zelenskyj l’occasione per indebolire Russia e Cina. Leggi

L’era dei tiranni

I leader autoritari di tutto il mondo osservano la guerra in Ucraina per capire se segnerà la fine di Vladimir Putin. Comunque vada, lo stile politico da lui inaugurato difficilmente scomparirà. Leggi

Per l’Africa non è il momento di restare neutrale sull’Ucraina

Nell’ultimo decennio la Russia ha accresciuto la sua influenza nel continente, e ora molti paesi esitano a prendere le distanze dall’invasione ordinata da Mosca. Leggi

pubblicità
Acrobazie diplomatiche in un mondo multipolare

L’India resta fedele alla Russia, sua fornitrice storica di armi ed equipaggiamenti militari, ma anche al proprio passato di paese non allineato, malgrado le tensioni permanenti con il vicino cinese. Leggi

Cosa c’è in gioco nel triplo vertice occidentale sulla Russia

La Nato, il G7 e l’Unione europea si riuniscono in tre vertici compatti sulla condanna alla Russia. Questa unità occidentale lascia incredulo il mondo meno industrializzato dove le disuguaglianze proseguono nell’indifferenza generale. Leggi

La paura di finire in guerra frena l’aiuto della Nato all’Ucraina

I paesi dell’alleanza atlantica hanno respinto due volte le pressanti richieste del governo ucraino di un maggior sostegno militare contro l’invasore russo. Il rischio di un’escalation è alto, e Putin lo sa. Leggi

La Cina resta a fianco della Russia ma con prudenza

Le diplomazie occidentali si aggrappano all’idea che la Cina, in questo conflitto, non abbia gli stessi interessi della Russia. Ma questo non basta a trasformarla in un alleato dell’occidente. Leggi

Le crisi in Ucraina o nel Sahel non si affrontano con le semplificazioni

Una lettura legata unicamente allo scontro tra grandi potenze non è sufficiente. Bisogna comprendere le radici storiche dei problemi e le dinamiche in atto nei paesi. Leggi

pubblicità
Perché Londra è più aggressiva di Parigi e Berlino con Putin

Il premier britannico Johnson è più “guerriero” con Mosca perché rivuole la leadership strategica azzoppata dalla Brexit. Francia e Germania vogliono dialogare con Putin per evitare il sopravvento dei “falchi”. Leggi

Le sanzioni possono essere un’arma a doppio taglio

Le sanzioni sono un atto di guerra, economica sì, ma pur sempre guerra, e nel 2021 Washington ne aveva attive 9.421. Sono uno strumento facile da imporre e fare approvare, ma difficili da ritrattare. Eppure sembrano essere diventate un tic della diplomazia internazionale. Leggi

La crisi ucraina fa esplodere le contraddizioni del governo tedesco

Gli interessi russi alla base del massiccio dispiegamento di forze al confine con l’Ucraina hanno costretto la nuova coalizione al potere a Berlino ad affrontare la sua prima crisi, sia internazionale sia interna. Leggi

Il dialogo impossibile tra la Russia e la Nato

Vladimir Putin si comporta come se la zona dell’ex Unione Sovietica sia ancora sotto il controllo di Mosca e vuole approfittare di un apparente indebolimento occidentale. La crisi ucraina potrebbe però ridare vigore all’Alleanza atlantica. Leggi

Americani e russi parlano dell’Europa senza gli europei

L’incontro bilaterale tra le delegazioni di Washington e di Mosca arriva in un momento di grande tensione. Vladimir Putin vuole rientrare nel club delle superpotenze e negoziare da pari a pari. Leggi

pubblicità
Cinque potenze mondiali unite contro la proliferazione nucleare

Cina, Stati Uniti, Francia, Russia e Regno Unito hanno pubblicato una dichiarazione comune impegnandosi a mantenere l’arma atomica a fini difensivi. Un messaggio rassicurante in vista di obiettivi più ambiziosi. Leggi

Per il mondo arabo il 2022 sarà ancora più difficile

La pubblicazione di nuovi rapporti internazionali dipinge un quadro di tempi difficili per la regione araba: la sua popolazione manca di reddito, istruzione e servizi di base che garantiscano una vita dignitosa. Leggi

La nostalgia sovietica di Vladimir Putin

Trent’anni fa finiva l’Unione Sovietica. Il presidente russo ha raccolto il testimone di una spinta espansionista che si esprime nei confronti dell’Ucraina. L’occidente dovrà affrontare Putin senza considerare la Russia come un nemico. Leggi

Un’intesa tra Cina e Russia per sfidare l’occidente

Il presidente russo parteciperà ai giochi olimpici invernali in Cina, boicottati dagli Stati Uniti; il collega cinese appoggia la “richiesta di garanzie” fatta dal Cremlino riguardo all’Ucraina. Alle porte dell’Unione si gioca una partita importante. Leggi

Un cavo sottomarino nel Pacifico al centro della nuova guerra fredda

Il finanziamento delle infrastrutture nei paesi meno ricchi è diventato il terreno di concorrenza tra Stati Uniti, Cina e Unione europea. Sarebbe una buona cosa se il vero obiettivo fosse lo sviluppo e non solo la rivalità tra potenze. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.