Danimarca

Danimarca

Capitale
Copenaghen
Cambio
Ora locale
Borsa
Meteo
Pil pro capite
Temperatura
Popolazione
Moneta
Corona danese
Superficie
Un’ambulanza del sesso aiuta le prostitute di Copenaghen

In Danimarca il 31 per cento delle lavoratrici del sesso ha subìto violenze. La Sexelance permette alle prostitute di lavorare al sicuro. Leggi

La Danimarca attende la richiesta di estradizione per la figlia di Choi Soon-sil.
La Danimarca attende la richiesta di estradizione per la figlia di Choi Soon-sil. Chung Yoo-ra è stata arrestata nella città danese di Aalborg. Le autorità della Corea del Sud avevano trasmesso all’Interpol una richiesta di aiuto dopo che la ragazza non era rientrata nel paese per rispondere alle domande dei magistrati sul caso in cui è implicata la madre e che vede il coinvolgimento della presidente Park Geun-hye. Ma le autorità danesi non la rimpatrieranno finché non riceveranno una formale richiesta di estradizione da parte di Seoul.
pubblicità
Nella città libera di Christiania la cultura hippy è ancora viva

La città libera di Christiania nasce nel 1971 quando un gruppo di hippy occupa una ex base militare in un quartiere di Copenhagen, in Danimarca. La comunità si basa sul principio dell’autodeterminazione e della proprietà collettiva ed è diventata famosa per la sua politica di tolleranza verso le droghe leggere. Il reportage di Giulia Sabella e Caterina Villa. Leggi

La Danimarca sarà il primo paese a comprare documenti dell’archivio dei Panama papers.
La Danimarca sarà il primo paese a comprare documenti dell’archivio dei Panama papers. Il ministro delle tasse Karsten Lauritzen ha detto di essere disposto a pagare fino a 1,2 milioni di euro per le informazioni trapelate dallo studio legale panamense Mossack Fonseca. Con questi dati il governo danese potrà perseguire almeno cinquecento danesi accusati di evasione fiscale.
C’era una volta in Danimarca

Danesland è il progetto della fotografa Giulia Mangione sulla cultura e la società danese. Un viaggio tra comunità che vivono in piccoli paesi e conservano usi e abitudini del passato. Tra bagni d’inverno, feste private, incontri tra giovani cattolici e campeggi di nudisti, i soggetti ritratti seguono tradizioni che stanno quasi scomparendo. Leggi

pubblicità
La corsa agli armamenti arriva anche a Legoland

Un gruppo di studiosi neozelandesi ha notato che nel mondo costruito con i mattoncini colorati, ai sorrisi si sono aggiunti i volti accigliati e le armi sono sempre più presenti nei suoi scenari. Secondo il gigante danese delle costruzioni si tratta di una scelta obbligata per stare al passo con i tempi. Leggi

C’è del marcio in Danimarca
La Danimarca è il paese più felice del mondo.
La Danimarca è il paese più felice del mondo. Seguono Svizzera, Islanda, Norvegia e Finlandia. Il World happiness report dell’Onu considera il prodotto interno lordo, la solidarietà sociale, l’aspettativa di vita, la corruzione percepita e quella reale. Ultimo in classifica è il Burundi, penultima la Siria. Gli Stati Uniti sono al 13° posto, l’Italia al 50°.
Quando una famiglia siriana arriva in Danimarca

“Stavamo bene in Siria. Prima della guerra vivevamo felici”, spiega Samah, irachena, madre di due figlie e sposata con un siriano. La famiglia Abdulhamid è fuggita dal conflitto e ha trovato accoglienza a casa di Karen, vedova e pensionata danese. Karen e gli Abdulhamid sono diventati una nuova famiglia. Ma poi le sempre più dure norme sull’immigrazione del paese scandinavo hanno cominciato a creare problemi. Il reportage di Emily Macinnes e Riina Rinne. Leggi

Ai Weiwei vuole chiudere una sua esposizione in Danimarca per protestare contro la legge sull’immigrazione.
Ai Weiwei vuole chiudere una sua esposizione in Danimarca per protestare contro la legge sull’immigrazione. L’artista e dissidente cinese ha dichiarato che intende sospendere la sua mostra alla Faurschou Foundation di Copenaghen per protestare contro la controversa legge approvata ieri dal parlamento danese, che prevede anche la confisca dei beni dei migranti.
pubblicità
Il parlamento danese ha approvato la legge sull’immigrazione.
Il parlamento danese ha approvato la legge sull’immigrazione. È stata votata da un’ampia maggioranza: si è espresso a favore anche il principale partito dell’opposizione, quello socialdemocratico. La norma prevede la confisca dei beni dei migranti ed è stata criticata dal Consiglio d’Europa e da molte organizzazioni umanitarie. La polizia potrà sequestrare a migranti e richiedenti asilo somme di denaro o beni del valore superiore alle diecimila corone (1.340 euro).
La Danimarca vota un provvedimento che prevede il sequestro dei beni dei migranti
La Danimarca vota un provvedimento che prevede il sequestro dei beni dei migranti. Il parlamento danese potrebbe approvare oggi la controversa legge sull’immigrazione, che prevede alcune misure come la confisca dei beni dei migranti. La polizia potrà sequestrare a migranti e richiedenti asilo somme di denaro o beni del valore superiore alle diecimila corone (1.340 euro).
Il consiglio d’Europa mette in guardia la Danimarca sui diritti dei migranti

Il commissario per i diritti umani del consiglio d’Europa ha espresso preoccupazione per le misure sull’accoglienza dei migranti in discussione al parlamento di Copenaghen, in particolare per quella di confiscare i loro beni. Leggi

David Bowie a Copenhagen
Danimarca, Svezia e Germania discutono dei controlli di frontiera nell’Unione europea.
Danimarca, Svezia e Germania discutono dei controlli di frontiera nell’Unione europea. La Commissione europea ha convocato a Bruxelles rappresentanti dei tre paesi per coordinare la gestione dei flussi migratori e il rispetto del trattato di Shenghen. Da due giorni Svezia e Danimarca chiedono i documenti a chi arriva sul loro confine meridionale.
pubblicità
La Svezia e la Danimarca rafforzano i controlli alla frontiera.
La Svezia e la Danimarca rafforzano i controlli alla frontiera. Le misure sono state adottate per rallentare l’ingresso dei migranti. Chi arriva in Svezia su treni e automobili attraverso il ponte di Øresund o su traghetti provenienti dalla Danimarca dovrà presentare un documento d’identità con foto. In risposta alle misure annunciate da Stoccolma, la Danimarca ha aumentato i controlli sui documenti al confine con la Germania.
Gli euroscettici vincono il referendum sull’integrazione europea in Danimarca
Gli euroscettici vincono il referendum sull’integrazione europea in Danimarca. I danesi hanno bocciato la consultazione con cui si proponeva una maggiore cooperazione con l’Unione europea in materia di sicurezza e polizia. Con la maggior parte delle schede scrutinate, il no ha superato il 53 per cento dei voti.
Referendum in Danimarca per una maggiore integrazione nell’Unione europea.
Referendum in Danimarca per una maggiore integrazione nell’Unione europea. Liberali e socialisti chiedono di votare a favore del rafforzamento della partecipazione ai programmi di sicurezza europei, i conservatori sono contrari. La consultazione arriva dopo gli attentati di Parigi e quelli perpetrati a Copenaghen a febbraio, ma l’opinione pubblica è sempre più euroscettica.
Evacuato un terminal dell’aeroporto di Copenaghen per un bagaglio sospetto

Uno dei due terminal dell’aeroporto Kastrup di Copenaghen è stato evacuato in tarda mattinata dopo il ritrovamento di una borsa sospetta. Lo hanno annunciato la polizia e le autorità aeroportuali su Twitter.

“C’è stata la segnalazione di un bagaglio sospetto. La polizia sta indagando e gli imbarchi sono stati trasferiti nel terminal 2”, ha confermato all’Afp una portavoce dell’aeroporto, Sisse Hansen. Proprio stamattina la polizia danese aveva innalzato lo stato di allerta per il rischio di attentati.

Intorno alle 14.30 il terminal è tornato in funzione.

L’ambasciatore americano che ha conquistato i danesi

La settimana scorsa l’ambasciatore statunitense in Danimarca si è sposato nel municipio di Copenaghen. Ed è diventato una celebrità dei social network. Perché una notizia che normalmente faticherebbe a trovare spazio nelle pagine di cronaca locale ha trasformato Rufus Gifford, 41 anni, in un beniamino della rete. Leggi

pubblicità