Tracey Thorn

È una musicista e scrittrice britannica. Ha fatto parte del duo Everything But The Girl. Scrive questa column per il New Statesman.

Tracey Thorn
Contraddizioni familiari

Mia madre è morta da tanti anni e il nostro rapporto è stato conflittuale, ma spesso sento il bisogno di raccontarle cose che la renderebbero orgogliosa di me. Leggi

In vacanza con la Brexit

Il mio passaporto appena rinnovato è bordeaux come sempre, ma non ha più la scritta Unione europea sulla copertina. Mi sembra di tornare indietro nel tempo. Leggi

pubblicità
Rapita da Brighton

Pensavo di fermarmi solo una notte, eppure eccomi ancora qui. L’aria salmastra corrode e ricopre di ruggine ogni cosa, e niente qui sembra mai nuovo. Leggi

La scuola è finita, basta lacrime

La fine della scuola è un po’ come ammettere che d’ora in poi loro si collocano nella nostra stessa parte di mondo, il mondo degli adulti, nel bene e nel male. Leggi

Il palco è mio e lo gestisco io

Anche a me è capitato di essere infastidita o interrotta durante i concerti. Si dimentica che salire sul palco, per certi versi, è come salire su un ring. Leggi

pubblicità
La spia che venne dal pop

Non avrei mai pensato di potermi ritrovare nell’indice della più grande spy story sulla guerra fredda. Eppure, eccomi lì. Leggi

La gioia sfrenata di essere sempre indipendenti

Con la mia musica ho sempre avuto un approccio fai-da-te. Anche i miei esordi sono stati da indipendente. Un po’ mi manca quella sensazione di libertà. Leggi

I favolosi anni della cultura hippy

Grazie al libro The fabulous Sylvester di Joshua Gamson ho imparato molte cose sulla scena gay di San Francisco e sulla controcultura della fine degli anni sessanta. Leggi

L’euforia di manifestare insieme

“La tua è una generazione che ama le marce, vero?”. So che protestare non fa cambiare idea alle persone, ma si tratta comunque di mandare un messaggio. Leggi

La mia indimenticabile estate pop

Il clima rovente mi ha fatto rivivere il 1976. Avevo 13 anni e andavo di nascosto in discoteca a pomiciare con ragazzi più grandi, per poi scrivere tutto nel diario. Leggi

pubblicità
La fame delle donne

Se vogliamo essere oneste su cosa significa essere donna oggi dobbiamo affrontare i discorsi sull’ossessione per la magrezza. Leggi

Nuove scene da un matrimonio

Sono arrivati figli, lavori diversi, la vecchiaia e il peso del tempo. Ma nelle interviste continuano a chiedermi: “Qual è il segreto del vostro successo come coppia?”. Leggi

Sono 35 anni che a scrivere di me sono solo uomini

A volte sento di non poterne più di insistere, ma non mi capacito di come certi aspetti di questo lavoro rimangano un dominio maschile. Leggi

Ho imparato ad apprezzare l’arte dell’amicizia

Va bene la monotonia, raccontare sempre le stesse storie, tornare su argomenti triti e ritriti. La fatica di essere brillanti a tutti i costi è meglio riservarla agli estranei. Leggi

Il ritorno di Sade, la regina della precisione e del minimalismo

Viene sempre trascurata quando si narrano la storia e i trionfi della musica britannica. Ma Sade ha creato un suono unico. E dopo otto anni è tornata. Leggi

pubblicità
Sono al settimo cielo grazie alla radio

Molte cose sono cambiate nel mercato discografico in questi vent’anni, ma la radio è ancora e sempre una meta importante. Leggi

Il femminismo è un oceano di donne diverse

Si avverte un certo attrito fra le femministe più giovani e quelle più vecchie. Potrei aggiungermi a quelle che liquidano cinicamente le millennial. Invece non voglio farlo. Le ascolto, e le trovo formidabili. Leggi

L’amore per il vinile è un sentimento irrazionale

Credo che l’entusiasmo dei giovani per i dischi in vinile abbia a che fare con l’idealizzazione di una presunta epoca d’oro che li ha preceduti. Leggi

I libri di Armistead Maupin sono una salvezza

Dalla scena omosessuale di San Francisco negli anni settanta alla crisi dell’aids, Maupin ha raccontato un mondo che ha parlato a tante persone, e ne ha salvate molte. Leggi

L’albero dei regali semplici

Ci sono un sacco di cose che mi rendono felice. Non avete bisogno di stupirmi o di fare i brillanti. E sicuramente non ho alcuna voglia di visitare un carcere. Leggi

pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.